Baccano stampa

Non ho potuto vedere Fiorentina Napoli e, a dir la verità, non ne ho sentito neppure molto la mancanza. Soprattutto dopo aver sentito e intravisto cosa è successo ieri sera in Juve Inter. Penso che il Napoli, insieme all’Atalanta, sia la squadra migliore in Italia e spero davvero possa prendersi un posto in Champion. Mi sembra di aver capito che la Fiorentina non ha voluto fare da sparring partner, anche perché Commisso aveva chiesto questo. In campo poi le alchimie sono tante e in queste giornate le motivazioni sono determinanti. E per quanto riguarda i viola, i veri temi erano quelli intorno alla partita, piuttosto che quelli dentro la gara. Dopo infatti il silenzio stampa di qualche settimana fa e dopo soprattutto il lungo silenzio di Commisso, in questi giorni è andato in onda un caotico baccano stampa. Devo dire che in certi passaggi i toni e anche le parole di Commisso mi sono sembrati un po’ fiori luogo. Però come con la superlega c’è stato il paradosso di aver fatto passare per onlus del calcio la Fifa e la Uefa, non vorrei che si facesse lo stesso errore, facendo passare da umili servitori dei tifosi la categoria dei giornalisti sportivi, in particolare quelli fiorentini. Qui il discorso sarebbe lungo; però ci sono due elementi essenziali: c’è chi svolge il mestiere con professionalità e serietà; il sistema non ha sufficienti anticorpi per arginare chi non la fa e, anzi, spesso, crea per loro contesti favorevoli.

Ragionando in modo troppo autoreferenziale, la stampa ha scritto e detto che nella conferenza di Commisso non si è parlato di calcio. Non sono molto d’accordo. Premesso che non è tempo ancora per fare troppi nomi e cognomi, è venuta fiori una importante verità, confermata anche con le manifestazioni pre-partita per Beppe: il gruppo viola è stato sempre (e solo) legato a Iachini. Prandelli è stato vissuto come corpo estraneo. E si spiega anche perché Cesare ha puntato su giocatori inizialmente non al centro del progetto tenico: prima su Vlahovic (per fortuna), poi su Quarta, poi su Eysseric. S’è capito che la scelta di cambiare è stata fortemente consigliata a Commisso; il presidente ha detto che ha cambiato per sommossa popolare (cosa che ricorda fra l’altro la scelta di Delio Rossi). E ovviamente ha tirato in ballo la stampa, che comunque criticava molto l’operato di Iachini. Ed è vero, lo facevamo anche noi in questo blog. Perché ovviamente pensavamo di poter vivere un campionato diverso. Penso però che Commisso non abbia per niente apprezzato come i suoi dirigenti abbiano gestito quella fase della stagione. Ed è per questo forse che non ha fatto nomi neppure per l’attuale staff dirigenziale. Nel bene e nel male, questa era la squadra di Iachini e per Iachini. E se Iachini da una settimana a questa parte ripete come un disco rotto che la scelta dell’esonero fu affrettata, che se poteva lavorare con continuità le cose sarebbero andare molto meglio, molto probabilmente ha una visione molto affine a quella di Commisso. E il presidente ha concesso a Iachini anche l’onore di auto-escludersi dalla lista dei possibili allenatori. E questo, secondo me. è un’ulteriore bocciatura della direzione sportiva. Vediamo se qualcuno farà le valigie. Così come dobbiamo capire qual’è il nucleo di giocatori da cui ripartire. Commisso ha fatto un gran baccano stampa. Però spero che da un punto di vista sportivo, le idee siano chiare e possibilmente vincenti.

1 Commento

  1. Ho visto fino al 2-0 per loro, a quel punto, con il risultato ormai in cassaforte, mi sono appisolato. 🙂

    Mi è piaciuto anche l’intervento da rigore di Milenkovic, molto ingenuo. 🙂

    La Fiorentina ha fatto poco, se non qualche sgroppata di Ribery, con dribbling, contro-dribbling, ecc. ecc. Sarà che vuole farsi confermare? Speriamo di no.

    Mi dispiace dire che Beppe, ha fatto il solito Beppe, in conferenza ha detto che avrebbero giocato i giovani e poi ha messo Eysseric… 🙁

    Speriamo che a Crotone metta in campo una formazione completamente di giovani.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.