Gli scienziati d’Italia

scienziati

Vorrei spendere due parole per scrivere che il presidente Commisso ha fatto bene.

A me tifoso, ma prima di tutto uomo medio di intelligenza media, ha dato una gran soddisfazione, finalmente qualcuno che ha trattato gli scienziati d’Italia come meritano.

Poi non bisogna fare di tutta l’erba un fascio, ci sono anche gli scienziati seri, quelli che verificano le fonti, quelli che le notizie non le inventano, quelli che scrivono cose sensate. Ma lo scienziato medio che tratta di Fiorentina è ruffiano – ci tiene a fare bella figura al Savoy – e quando parla o scrive, parla male o scrive male. Sempre pronto a ripararsi, quando il tempo si fa brutto, dietro la bandiera della Fiorentina e dei tifosi.

Gli scienziati non hanno a cuore la Fiorentina, la gran parte di loro vogliono il peggio, attizzano la polemica, lavorano in nome e per conto dei grandi gruppi nemici di Firenze, cercano soltanto l’audience che porta denaro. Questo ormai l’hanno capito tutti e finalmente, Commisso glielo ha detto in faccia, in diretta. Grande Rocco!

Commisso ha i soliti problemi che avevano i DV, stadio e scienziati, ma uno stile diverso. Allo stadio ci sta lavorando, agli scienziati ha dato una pennellata di gran classe, vediamo, vedremo come si comporteranno costoro, come riusciranno a recuperare quel poco di autorevolezza che avevano e che il ciclone Commisso ha spazzato via.

A questo punto però, l’asticella è ancora più alta, il prossimo anno dovranno arrivare anche i risultati.

Forza Rocco, i tifosi, quelli che non si fermano alla frase “bisogna spendere” sono con te, hanno capito che quello che stai facendo è notevole e le difficoltà sono tante.

3 Commenti

  1. Come ho accennato nell’articolo sulla partita, sono tutto sommato dalla parte di Rocco, anche se sinceramente eviterei le fazioni, che come sappiamo sono il sale ma anche un grosso freno per Firenze. Vorrei stare dalla parte della Fiorentina. E secondo il mio modo di pensare oggi stare dalla parte della Fiorentina vuol dire cercare quanto meno di aiutare la proprietà Rocco Commisso. Deve stare attento, però, alla comunicazione, perché in Italia la gente guarda il dito e non la luna. Certo, leggere poi l’articolo del corriere Fiorentino https://www.violanews.com/stampa/corfio-perche-firenze-ha-permesso-la-provocazione-e-i-toni-di-commisso/ in cui ci si giustifica di aver chiamato Rocco Benito, perché così è segnato all’anagrafe, fa capire come la coda sia di paglia, come gli argomenti siano pretestuosi. E addirittura si vuole porre sulla graticola Rocco perché non vuole sfruttare i soldi che il Recovery Plan ha messo sul Franchi, girando ben bene la frittata. Insomma, mi sa che è già partita la campagna per buttar giù il presidente dal campanile di Giotto, perché ovviamente la stampa non deve cadere. Rocco quindi ora, dopo lo sfogo, deve parlare con i fatti. La stampa ha spesso il modo di farsi male da sola, anche se purtroppo si ha spesso la memoria corta. Però dobbiamo darci una regolata anche come tifosi: perché se da una parte si faceva guerra mediatica ad una proprietà come i Della Valle che appena fuori i confini di Firenze non se ne capiva il motivo, non dimentichiamoci che abbiamo fischiato la NOSTRA squadra durante e dopo la partita in una semifinale di Coppa Uefa, abbiamo esultato al rigore sbagliato di un certo Ilicic, dopo 3 quarti posti consecutivi, dopo aver attratto l’attenzione di tutta Europa.

  2. Violanews è Gazzettadellosport che è Cairo che è anche l’editore del Corrierefiorentino… l’assalto a Rocco è conclamato. Almeno ora non ci sono più mezze parole.

    Tutti dovrebbero essere per la Fiorentina e quindi per Rocco, a cui si possono rimproverare scelte sbagliate, risultati scarsi, ma non si può rimproverare né l’impegno economico, né l’impegno sulla balaustra.

    Però ci sono tanti tifosi, forse proprio i più beceri, che si fermano ai titoli degli scenziati d’Italia. Quelli li stoppi solo con i risultati, quindi Rocco si è un po’ dato la zappa sui piedi. L’anno prossimo devono arrivare anche quelli.

    Forza Rocco siamo con te!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.