Degno finale

Uno scialbo pareggio con una squadra retrocessa già da diverse settimane, fra l’altro rischiando in più occasioni di subire gol. Raggiunti quei 40 punti che da inizio marzo sono diventati il nostro unico obiettivo stagionale. In poche parole, un degno finale per una stagione ancora deludente, con poche soddisfazioni, molta mediocrità e anche un po’ di paura. Quaranta punti dimostrano che tutto sommato ci meritiamo di stare in serie A. Come ipotizzato ne bastavano anche meno. Dimostrano però anche che questa squadra ha bisogno sicuramente di un nuovo tecnico, ma anche e soprattutto una bella revisione della rosa. Visto che al nostro presidente Rocco Commisso piace molto parlare di numeri e fare confronti, è bene sottolineare che questa Fiorentina ha ottenuto il triste primato di minor punti fatti dal ritorno in serie A nell’epoca Della Valle. Un degno finale, quindi, affinché l’era Commisso cambi decisamente marcia.

Sinceramente è difficile dire quanti giocatori di questa rosa devono rimanere il prossimo anno. Certo non aiutano partite come quella di stasera, dove alla fine, come accaduto spesso, gli unici che si salvano sono portiere e Vlahovic. Purtroppo può essere un degno finale anche per Ribery in maglia viola: la fascia di capitano a dimostrazione che è stato importante nello spogliatoio; una prestazione però insufficiente, come purtroppo la maggior parte delle sue partite con la Fiorentina. Sarà allora rivoluzione? Servirebbe un DS mentalmente libero da retropensieri, voglioso solo di costruire un progetto tecnico, senza dover aggiustare cose pregresse. E servirebbe ovviamente un allenatore che potesse sposare, sostenere, valorizzare questo progetto.

Ci vuole prima di tutto la consapevolezza che questa rosa è la derivazione, il residuo del progetto tecnico che fu di Corvino-Pioli. Un progetto che aveva secondo me anche un senso, in tempo di crisi, ovvero quello di lavorare molto sui giovani, con qualche giocatore di esperienza a supporto. Un progetto, non dimentichiamolo, che vedeva in Astori la colonna portante. Pradè ha voluto inserire delle sue idee di calcio, non avviando però un suo progetto tecnico. E anche per questo secondo me, la Fiorentina, andato via Pioli, si è trascinata senza una precisa identità.

Sarebbe stato interessante avere i tifosi alla stadio per vedere come avrebbero salutato questo degno finale di stagione. Mi ricorda un po’ la fine del campionato 2011-2012, i fischi, la contestazione a Della Valle. Da quel vuoto assoluto, che sanciva la fine dell’era Corvino-Prandelli-Mihalovic, nasceva l’idea di questo blog. Nasceva soprattutto il progetto Pradè-Macia-Montella: tre emergenti bravi che però avevano tanta voglia di fare e dimostrare. Spero che questo sia di buon auspicio per Commisso 3.0.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.