Questione di Fede

E’ molto complicato giocare a calcio a grandi livelli, è molto complicato gestire calcio ad alti livelli. Tanto quanto sono semplici certe sue regole. Se hai due squadre tendenzialmente mediocri e in una ci metti un giocatore che fa la differenza, molto probabilmente le due squadre vivono due stagioni diverse. Questa è la differenza fra la Fiorentina dello scorso anno e quella di quest’anno. Una questione di Fede. Si, Federico Chiesa, che nonostante tutto faceva la differenza a Firenze ed ora riesce a farlo anche alla Juve. Ancora non possiamo dire che sia un fuoriclasse. Ma sta dimostrando partita dopo partita di essere un giocatore fortissimo, secondo me oggi il più forte che abbiamo in Italia. Sei gol in 20 partite in campionato, 4 gol in 8 partite di champion, a 23 anni. E una forza e una determinazione impressionanti. Impressionante anche la differenza che si è vista in campo stasera quando è uscito lui ed è entrato Bernardeschi. Una questione di Fede che abbiamo avuto l’onore di analizzare per primi, ai tempi di Paulo Sousa. E’ l’altro il Fede giusto diceva il tecnico portoghese. E almeno su questo aveva ragione. Il carrarino gioca sempre in gonnellino (n.d.r.: per non creare equivoci, intendo sempre con il vestitino elegante e in punta di piedi). L’altro c’ha il fuoco dentro e forse anche un carattere tendenzialmente antipatico, che non ha paura anche a scambiare battute accese con compagni più vecchi, ma che poi scarica sempre con il gioco e l’agonismo la sua rabbia. Probabilmente, nemmeno sommando agonismo, rabbia, fame di tutti gli undici viola che vanno oggi in campo riescono a pareggiare quella di Federico Chiesa. E poi come detto c’è la qualità, che fa sempre la differenza.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.