Chi vuol essere lieto…

Alla fine abbiamo esultato per un improbabile autogol su improbabile cross di Pezzella al 93°. Anche perché questo gol e questo pareggio ci ripesca da quello che poteva essere un baratro psicologico. E Prandelli dice di essere più ottimista di un mese fa. Ma se c’è di nuovo un Torino in difficoltà, c’è un Cagliari in piena salute e fiducia e soprattutto c’è una Fiorentina sempre più scoraggiante. Hanno perso anche Genoa e Bologna e come si dice, c’è bagarre. E allora, chi vuol essere lieto dei risultati di questa giornata, lo sia pure, ma il domani della lotta salvezza è ancora tutto da scrivere. L’unica certezza è che dal Crotone al Bologna (9 squadre) è ancora tutto in gioco. E purtroppo, come ci dice Baiano, la Fiorentina sembra essere, fra queste, quella che gioca con meno coraggio.

Ovviamente, penso che nessuno dell’entourage viola sia contento e sereno dell’attuale situazione. Oggi però è il momento di dimostrarlo. Perché a questo punto non è più semplice capire dove la Fiorentina possa andare a cercarsi 14 punti nelle prossime 12 gare. Perché in un intero girone Prandelli ha una media retrocessione. Perché tutte le squadre in lotta per la salvezza hanno una loro identità, hanno pregi e difetti su cui lavorano costantemente. Sinceramente non so se è meglio proseguire con Prandelli o tornare magari a Iachini. Serve però coraggio. E’ evidente ormai che la squadra ha metabolizzato il non coraggio dell’allenatore e della società stessa. Non è più tempo di messaggi rassicuranti. Non è più tempo di essere ordinati, ma di essere veramente determinati… e incazzati. Con o senza Prandelli, la squadra ha bisogno di uno scossone tecnico/emotivo. E questo deve essere la società ad imporlo. Bisogna uscire dalla confort zone, perché appunto oggi non esiste più una confort zone per la Fiorentina.

Venendo alla gara, è ovvio che oggi c’è anche alibi assenze. Ribery, Castro, Igor, Kouamé, Bonaventura (parziale) e mettiamoci anche Kokorin sono troppi per una rosa che è riuscita oggi a fare due cambi utili. Potevano essere tre, perché Malcuit già all’ora di gioco era in difficoltà. E Venuti o Caceres erano a disposizione. Il francese è resposanbile di due gol del Parma. E questo la dice lunga sul suo impatto. Certo, tutto questo suggella anche una netta bocciatura della direzione sportiva e dei mercati fatti. Ma cambiare oggi Pradé certo non ci aiuta a salvarci. Lo sappiamo che ci ripetiamo oni volta, ma anche il Parma ha cambiato nella ripresa il volto alla squadra, in particolare dell’attacco… e non è entrato Pellé. Però, come detto, questi siamo e con questi dobbiamo cercare di salvarci. Detto di Malcuit, servirebbe forse una decisione drastica anche su Pezzella. Ormai tutti conoscono la lentezza e le paure del nostro difensore e per noi diventa sempre più un problema. E seMiklenkovic e Quarta hanno fatto una prova accettabili e due reti fondamentali, Biraghi ha soffetto quasi al pari di Malcuit. E’ così che la Fiorentina è riuscita a prendere 3 gol, con 2 mezze azioni pericolose del Parma. Come se mancassero grane, sembra che anche Amrabat alla fine abbia fatto un bel passo indietro: ha perso tutti i duelli e anche palloni velonosi. Sembra soprattutto aver perso la sua grinta e si è anche infortunato. E mentre Borja ha corso molto a vuoto, gli unici a reggere un po’ su gioco sporco e qualche riscostruzione sono stati Pulgar e Eysseric. Vlahovic ha lottato molto e ha fatto anche lavoro prezioso. Ma non è stato mai messo in condizione di colpire.

Non so chi potrà recuperare la Fiorentina per sabato prossimo. Fatto sta che andiamo a giocarci la seconda sfida salvezza in una condizione fisica e psicologica davvero negativa. Tocca alla società farsi sentire. Tocca alla società imporre delle azioni di forza e coraggio.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.