Di nuovo impantanati

Era nell’aria. Con la sconfitta di stasera siamo di nuovo impantanati nella lotta salvezza. E la novità purtroppo non è tanto il fatto che la Fiorentina possa trovare sempre un modo per perdere, quanto che chi rincorre sta trovando nuovi modi per vincere. Ha ragione Prandelli a dire che siamo stati di nuovo condannati a fine gara per questione di cm. E considerando gli infortuni, la fortuna certamente non è dalla nostra parte. Però anche stasera abbiamo preso due gol con una semplicità (e con errori individuali) davvero disarmanti. Nel primo c’è una marcatura veramente approssimativa sul taglio di Spinazzola e la disattenzione di Dragowski. Nel secondo di nuovo Milenkovic distratto rimane oltre un metro dietro alla linea, lasciando in gioco Karsdorp. E nessuno ovviamente segue il taglio di Diawara. Ma i problemi purtroppo non sono solo individuali. Uscito Igor per un brutto infortunio (e il terzino era sicuramente uno dei migliori), nel secondo tempo abbiamo perso per strada prima Castrovilli e poi Pulgar, che ha costretto Prandelli a togliere anche Ribery perché terminavano gli slot e il francese già era in riserva. E in questo modo ci siamo trovati con un centrocampo praticamente sguarnito, perché appunto non abbiamo una riserva vera per Pulgar-Amrabat. Piange il cuore dirlo, ma in queste gare appare evidente che Borja è quasi un ex giocatore. E in questo modo la Roma ha preso pieno possesso del centrocampo e ci ha chiuso negli ultimi 30 metri. Fa molta rabbia dirlo, ma oltre a non avere cambi a centrocampo, li abbiamo ancora meno in attacco perché Kokorin è molto lontano ancora dall’essere un giocatore utile. E così uscito Ribery non si è riusciti più a reggere una palla in avanti.

Insomma, il campionato che entra nella sua fase cruciale ci sta ponendo il conto di due mercati veramente sciagurati e forse anche del mancato coraggio di Prandelli. Il mister infatti ha voluto assecondare i timori e la confort zone dei suoi giocatori più importanti, non riuscendo però a creare quello shock tecnico/emotivo, come invece è riuscito a Ballardini e prutroppo sembra anche a Semplici. La squadra prosegue quindi senza scossoni e questo ci fa navigare sempre ai confini delle acque basse e appunto stasera ci siamo di nuovo impatanati. E ora con Ribery squalificato, Bonaventura e Kouamé fino a oggi fuori per infortunio, Igor, Castrovilli e Pulgar usciti per problmi fisici, non so davvero cosa possa inventarsi Prandelli per lo scontro diretto contro il Parma. In generale, penso che sarebbe il momento di tenere un attimo ai box Pezzella e Milenkovic, dare anche a Calljon le opportunità che per ora Kokorin e Kouamé hanno sprecato, rendere il centrocampo folto, combattivo e con qualche idea. Ma almeno domenica mi sa che la coperta sarà corta e anche leggera e sarà una nuova domenica da brividi.

4 Commenti

  1. Ciao a tutti, martedì ennesima delusione.
    Come la penso lo sapete già, pensiamo solo a salvarci, turandoci… tutto!

    Gli infortuni non aiutano, ma dell’elenco attuale a me mancheranno soprattutto Bonaventura e Igor. Soprattutto quest’ultimo per 40 minuti mi ha dato la speranza di potermi togliere dalle scatole Biraghi, l’infortunio è stata la vera doccia gelata della serata, una proiezione su quello e sarebbe stato il risultato finale.

    Biraghi non lo sopporto, lo ammetto.
    Ma ci sono delle ragioni.
    Lui non doveva essere una scommessa, è un giocatore maturo, da lui squadra deve prendere molto di più.
    Ma è scarso, è avvilente che un giocatore del genere arrivi in Nazionale.
    Ha un solo piede, per un terzino è inammissibile (per tutti secondo me), non sa difendere, è presuntuoso e non da fare le scelte, sia difensive che offensive, giusta come un robot.

    E i risultati di vedono: Milenkovic ha sbagliato la posizione di mezzo metro, ma Biraghi cosa ci faceva sulla lunetta, a 20 metri dal terzino romanista?

    Abbiamo fatto troppe scommesse, nei ruoli sbagliati, abbinandole a giocatori più esperti: a volte si fa, ma le scommesse si possono perdere, mentre non puoi permetterti di considerare esperti della “ciofeche”.

    Forza Viola

  2. Ciao Gattaccio. Io sono dell’idea che Biraghi non è il problema di questa squadra, giocando ovviamente 3-5-2 (lo sarebbe magari con difesa a 4). Diciamo che ha un valore adeguato ad una Fiorentina da 8°-10° posto. E non è un caso che sia fra quelli con più minutaggio. E’ vero che l’Inter ce l’ha ridato, ma anche noi abbiamo fatto veloce a ridare Dalbert.
    E’ vero che la linea spesso tende a stringersi, soprattutto quando sale, perché l’area di rigore da un riferimento preciso. Se Milenkovic fosse stato in linea e se Karsdorp fosse rimasto in gioco, BIraghi avrebbe avuto tempo per chiudere, quantomeno per non far fare il passaggio di precisione. Si gioca sulle frazioni di secondo.
    Sicuramente è un carattere difficile, ma sinceramente meglio qualcuno che si incazzi col mondo, rispetto a quelli che a fine partita sorridono, stringono le mani e se ne vanno beati negli spogliatori.

  3. Ciao Davide,
    chiarisco subito che sono d’accordo su un concetto: Biraghi non è IL problema della Fiorentina, è solo UNO dei problemi.

    Ma le parole che ho scelto nel mio post non sono scelte a caso (a parte il fatto che scrivevo con lo smartphone e il correttore ci ha messo lo zampino, vedi “gioca come un robot” e non “giusto”).

    Da tifoso ex calciatore dico che i suoi errori non valgono “uno” ma un po’ di più perchè per esperienza e personalità (che ha, sono d’accordo) dovrebbe essere uno di quelli che copre gli errori dei giovani: una squadra “vive” anche di questi equilibri. Quest’anno nella Fiorentina l’unico che veramente rimedia agli errori altrui, spesso, è Dragowsky, e un po’ Milenkovic. Per tutto il resto è fatalità.

    Il resto del discorso che ho fatto è per spiegare come Biraghi sia un emblema del calciatore medio italiano degli ultimi 10, 15 anni.
    Il classico frutto di una scuola che ha fatto precipitare il calcio italiano ai minimi storici qualità.
    Negli ultimi anni sto esercitandomi a fare l’umile “garzone”-allenatore di ragazzini delle medie. E’ una bella esperienza che mi ha anche “costretto” a frequentare diversi corsi tenuti da esperti della FIGC, dell’Atalanta, della Reggiana e via dicendo:
    Alla fine tutti dicono la stessa cosa: nel passato abbiamo sbagliato.
    Ora tutti dicono che per rimediare bisogna rimettere al centro il ragazzo, coltivando il suo talento invece che imbrigliarlo in tattiche di squadra, incoraggiandolo ad sfruttare le sue capacità velocizzando il pensiero per FARE le scelte e non IMPARARLE a memoria. E magari a lavorare sulle proprie lacune.
    Tutte cose che il grande calciatore sa fare d’istinto, mentre il medio calciatore si porta in valigia proprio quello che gli hanno insegnato a fare. Magari cambia anche un po’ secondo il suo livello di intelligenza, elemento da non trascurare.

    La descrizione di Biraghi del precedente post è la sostanza di questo concetto. Per carità non è solo colpa sua, semmai il problema è che nella rosa della Fiorentina, che a parole vuole essere ambiziosa, un giocatore di tale livello sia un “senatore”.
    E il fatto avvilente è che tra Biraghi e Dalbert (stesso valore solo che è un “esotico” brasiliano) ci puoi mettere anche Maxi Rodriguez, a proposito di “tornanti” (a Firenze), ma chi vince è sempre il laterale destro avversario.

    Cmq ripeto, penso anche io che Biraghi non sia il problema, ma ne è solo una delle “manifestazioni”, uno degli effetti, del “problema” della Fiorentina 2020-21.

    Forza Viola, dai!

    Gattaccio Viola

  4. Ciao Gattaccio!!! Dici cose sacrosante!

    La verità più grossa, imbarazzante e strabiliante, è che Biraghi è arrivato in nazionale. Ma come ha fatto?!?!?!?
    Ma allora Pasqual cosa era? Perché era un tenero e sapeva difendere poco, ma aveva un piede sinistro fatato.
    Biraghi difende molto peggio e indovina un cross ogni 5. Il calcio italiano è peggiorato, si guarda solo al fisico, non si guarda più alla tecnica di base. Da Firenze negli ultimi anni sono passati calciatori che hanno una tecnica di base nemmeno da serie C. Vlahovic addomestica un pallone se lo tocca tre volte, Simeone non riusciva ad addomesticarlo. Lo stesso Chiesa, che a Torino considerano un fenomeno, ha una tecnica di base appena sufficiente. Ma come si fa?!?!?!

    Però fino a che sono giovani almeno si buttano sulla palla come belve mantre noi abbiamo preso gente ormai bollitissima, Borja Valero, Callejon, Ribery.

    E’ assolutamente necessario fare fuori Pradè(*) e, di conseguenza, Prandelli(**). Dopo puntare su una squadra di giovani che hanno voglia di emergere, che hanno il coltello tra i denti, che lottano con ferocia su ogni pallone.

    (*)
    Pradè che ha fatto tra questa e l’altra volta? Ha preso Cuadrado.

    (**)
    Prandelli ha fatto qualcosa in più, ma ormai ha fatto il suo tempo. Ha la pancia piena anche lui.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.