Non è squadra da star tranquilli

Trascinandosi lentamente verso uno scialbo zero a zero, c’era l’amarezza per l’ennesima occasione mancata di cambiare un po’ il senso a questa stagione. Poi l’errore di Milenkovic e la sconfitta hanno dato la certezza che questa non è una squadra da star tranquilli. Perché non riusciamo a vincere due partite di fila. E perché possiamo perdere con chiunque. Perché giochiamo per il compitino e la squadra pensa di meritarsi lo stipendio da settimo posto solo facendo presenza. E’ sicuramente colpa dei giocatori, è colpa di chi li manda in campo, è colpa di chi l’ha messi insieme. Prandelli ha detto che voleva una squadra operaia e lascia in panchina Amrabat per Eysseric. Non so se anche questa è stata scelta “punitiva”. A me non aveva convinto per niente neppure quella di Castro contro lo Spezia, perché abbiamo poco da regalare. E comunque non è che il francese abbia sfigurato più di altri oggi. Ma abbiamo perso spesso i duelli fisici, fra l’altro sacrificando in mediana un giocatore come Castrovilli, che abbiamo visto essere fra i pochi a poter inventare qualcosa. E secondo me questa Fiorentina “per niente operaia” non può permettersi questo Ribery. E ormai non è un caso che con Ribery, Castrovilli sparisce dalla scena. L’ex Bayern è molto invasivo perché a sinistra lo puoi trovare dalla linea di centrocampo al limite dell’area di rigore. E con Ribery, Castrovilli, Biraghi e lo stesso francese si trovano spesso a giocare a due metri dalla linea laterale e quindi spesso chiusi con raddoppi da parte degli avversari. Il secondo tempo contro lo Spezia, mi aveva fatto sperare di rivedere una mediana con la coppia Amrabat-Pulgar, poi due giocatori di raccordo, che potevano essere Ribery e Castrovilli, che potevano essere al limite Castro e Eysseric, che a tendere mi piacerebbe che fossero Castro e Bonaventura. Questo è l’unico modo per non avere un centrocampo sguarnito, confusionario, cercando di giocare fra le linee e magari liberare veramente gli esterni sulle fasce.

Certo deve far riflettere anche atteggiamento in campo. Spesso perdiamo duelli fisici e ci rassegnamo come fosse una fatalità. E poi Pezzella e Milenkovic dimostrano a volte di non essere sufficientemente concentrati. Fatto sta, che l’alchimia che si riesce a creare è quasi sempre soporifera, se non autodistruttiva. Ed è ovvio quindi che gran parte della responsabilità è anche del direttore sportivo. Dopo aver rinunciato ad avere un regista, possibile che questa Fiorentina non abbia neppure un sostituto di Amrabat? Possibile che l’Udinese abbia Okaka, Llorente e Nestorovski e noi dobbiamo sperare che a Vlahovic non venga il raffreddore? E per ora Malcuit, rispetto a Venuti, ha un fisico migliore, ma per il resto… Sospendiamo per ora ogni giudizio di Kokorin, che ha giocato due spezzoni da 15 minuti. Insomma, una squadra che non sembra avere né testa, né coda e forse per questo neppure un’anima.

Penso che la proprietà stia ormando optando per avviare veramente un nuovo corso, azzerando tutto e ripartendo. Ma qui c’è ancora una stagione in bilico e una squadra che non ci consente di stare tranquilli. E la proprietà quindi deve trovare le leve giuste per non far precipitare la situazione, perché nessuna squadra, anche in fondo alla classifica, vuole fare la vittima sacrificale.

4 Commenti

  1. E’ emersa anche nella mia mente la perplessità: una squadra operaia e lascia in panchina Amrabat per Eysseric?

    Questa come altre è la dimostrazione che Prandelli non è qui per Firenze (se gli premeva Firenze doveva accettare il rinnovo proposto dai DV ai tempi) ma è qui solo ed esclusivamente per sé.

    Ieri la partita è stata di una scialbezza incredibile, negli highlight hanno proposto due tiri abbondantemente fuori nel primo tempo e Vlahovic che scalcia, non calcia, un pallone sul portiere nel secondo.

    Lascio a Davide i commenti tecnici, che condivido in gran parte, e spero vivamente di fare 15 punti il prima possibile, perché abbiamo un allenatore (un’altro!) e un direttore sportivo che continuano a fare dichiarazioni di circostanza che sono fuori luogo, fuori di melone e sopratutto fuori dalla realtà.

    Mi chiedo come possano i calciatori sentirsi partecipi di una battaglia che dovrà portarci alla salvezza il prima possibile se sono circondati da così tanta inettitudine.

    • Ciao ragazzi,
      vorrei scrivervi più spesso perchè questa Fiorentina suscità in me continui pensieri, purtroppo quasi sempre negativi.

      La mia lettura della situazione creatasi in queste ultime settimane, che ovviamente dipende dalle scelte fatte in estate, è che questa è veramente una squadra costruita male, sia dal punto di vista tecnico che da quello caratteriale.

      Io al contrario di Simone penso che Prandelli abbia portato tante cose buone, aggiustando una squadra che se ne stava andando dritta verso la B: ora almeno continuando così ci salveremo. E basta.
      Certo è sempre Prandelli il “democristiano”, per salvare l’equilibrio non aspettiamoci che faccia scelte troppo controcorrente, come mettere in panchina il “bollito ormai passeggiante” Ribery. Sa benissimo anche lui che ormai fisicamente non regge e tatticamente è solo un orpello, un giocatore che dovrebbe fare una mezzoretta nel finale, ma passare a vie di fatto creerebbe uno scossone: Prandelli non lo farà.
      E nemmeno dare il giusto premio ad un’annata superficiale, e a volte persino deleteria, a Biraghi, la panchina, mediocre mestierante con una carriera al limite del miracoloso.

      Per vedere qualcosa di diverso ci vorrebbero insomma scelte forti, rischiose, non certo miracolose, ma che potrebbero riportare nella squadra il giusto tasso di umiltà, concentrazione e grinta. Ma questo Prandelli non lo farà, probabilmente starà suggerendo le cose giuste in società per il prossimo anno, ma per quest’anno lo dice chiaramente: accontentiamoci del grigiore di una salvezza e di prestazioni alternate tra imbarazzanti strafalcioni e entusiasmanti prodezze.

      Il mio colpevole principale è Pradè, che non reputo competente, ma gli errori nella strategia sono talmente pacchiani ed evidenti che ho paura che ci sia ancora qualcosa di più, cioè un incapacità strutturale (o una volontà?) della società nel saper gestire le dinamiche di mercato e di programmazione della squadra, perchè a me sembra che regni l’incoerenza in ogni scelta e che ogni atto sia stato l’aggiustamemnto di un altro fatto in precedenza, navigando quindi, male, a vista.

      Mi sto già dilungando e non entro nei dettagli e negli esempi, che ho chiari nella mia mente.

      Spero in una svolta nel prossimo futuro o almeno di aver sbagliato la mia analisi.

      In ogni caso
      Forza Viola (meritiamo di più)

      • Ciao Gattaccio, è sempre un piacere ritrovarti fra queste pagine 🙂
        Penso anche io che Prandelli abbia portato qualcosa in più; ma mi aspettavo qualcosa in più. Non è detto che sia colpa sua. Però ho il timore che sia rimasto in mezzo al guado. Non ha voluto forzare ma la mano per imporre il suo modello di gioco (che parte dalla difesa a 4), ma non sta avendo il piglio per far passare certi concetti su questo modello di gioco. E allora rimane la parte “molle” del suo modo di interpretare le partite: ordine, ordine… mai dagli, dagli!
        Su Pradé, concordo che sia stato un fallimento completo. Bisogna vedere che limitazioni ha avuto, ma la faccia è ovviamente la sua.
        Speriamo di uscirne prima possibile… dopo di che serve un tabula rasa, tipo quella del 2005 e del 2012.

  2. campagna acquisti: Duncan,Kouamè, Cutrone, Callejon, Kokorin! Un dirigente che compra certa gente quanto tempo ancora dovrà rimanere?
    E poi basta con tutti questi incensamenti a Vlahovic, che fatto nove gol con quattro rigori! I veri centravanti sono ben altri!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.