Buona la seconda

Potrei dire che Prandelli ha letto il mio articolo di stamattina solo nell’intervallo della gara 🙂 Molto più semplicemente, la Fiorentina del primo tempo contro lo Spezia è stata troppo brutta per non cambiare atteggiamento tattico. Infatti il tecnico viola ha veramente optato ad inizio gara per il classico 3-5-2, tenendo Castrovilli in panchina a favore di Kouamé. Risultato: con una netta inferiorità a metà campo, si riusciva a ripartire solo con lanci lunghi a cercare le due punte, che però non sono mai riusciti a far salire bene la squadra. Anche perché con Pulgar e Amrabat un po’ bassi, Bonaventura è stato spesso intrappolato e nessuno accompagnava l’azione. Solo in un paio di occasioni dove la Fiorentina è riuscita a impostare palla a terra, è arrivata pericolosamente in area. Per questo Prandelli nell’intervallo ha deciso di passare al 3-4-2-1, togliendo Kouamé e mettendo dentro Eysseric, visto che Castrovilli era già entrato al posto di Bonaventura, che speriamo non abbia niente di grave. Inizialmente ho pensato: peccato doversi giocare questa carta con Eysseric invece che con Bonaventura. Però il francese è entrato bene in gara, così come aveva già fatto Castro a fine primo tempo. Con questo assetto la Fiorentina ha subito preso possesso del centrocampo rendendosi aggressiva e pericolosa con il recupero palla, accompagnando bene l’azione a supporto di Vlahovic. E con un paio di azioni veramente avvolgenti, abbiamo trovato un uno-due micidiale. Purtroppo l’assetto del primo tempo ha costretto Amrabat agli straordinari e anche a prendersi troppo presto una ammonizione. Da qui la sostituzione e il nervosismo che spero rientri subito. Altra nota negativa è che come lo Spezia ha alzato il ritmo, ci siamo abbassati troppo, traballando in più di un’occasione. Però non abbiamo subito gol e, diversamente dal solito, abbiamo saputo gestire in velocità contropiedi pericolosi e in uno di questi abbiamo trovato il terzo gol. Un bel segnale la risposta sul campo di Castro e la crescita costante di Vlahovic.

Buona quindi la seconda parte di gara, buona la seconda Fiorentina presentata da Prandelli… forse un assetto da cui ripartire, anche con il ritorno di Ribery.

1 Commento

  1. Ho visto tutta la partita ma con un occhio solo, quindi non mi sono fatto un’idea troppo precisa del gioco.

    Lasciare fuori Castrovilli è tecnicamente una minchiata galattica, però è simbolicamente esemplare. Il messaggio di Prandelli è stato chiaro e rivolto a tutti: qui ci si deve impegnare, di gamba e di testa. Chi non si impegna sta fuori. Per fortuna si è fatto male Bonaventura, Castrovilli si è preso la scena e la Fiorentina ha chiuso con goleada, e tre punti pesantissimi.

    Che si vuole di più? Si vuole la conferma al prossimo giro a Udine, si vorrebbe una punta che riesce a non sbagliare tutti i passaggi semplici (Kouamè) e una mezza punta che non sia Eysseric. Oppure il Francese si è svegliato dopo quattro anni?

    L’unica cosa che mi fa immensamente piacere, lo ha visto anche Davide, è aver visto uno straccio di centrocampo a 4 nonostante due esterni non esaltanti ma, finalmente, due in mezzo al campo che sappiano integrarsi e aiutarsi, che sappiano picchiare e palleggiare, tenere palla, coprire, rilanciare.

    Il 3-5-2 che diventa 5-3-2 e certe volte 5-2-3 non lo reggo più, accetto il 3-4-2-1 che possa diventare un 3-6-1 per provare, finalmente, ad avere sempre in mano il centrocampo.

    Buona domenica!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.