Ma Vlahovic giocava?

Seconda amichevole stagionale della Fiorentina, che parte con Vlahovic in panchina e Kokorin titolare. Il russo non si è mosso neppure male, si è procurato il rigore e meritava sicuramente il gol dopo una bella azione sulla destra ed un tuffo spettacolare. Peccato che la palla, colpita e schiacciata benissimo di testa è rimbalzata poi sulla traversa. Da segnalare invece il gol si Callejon, perché fotocopia degli n che ha fatto al Napoli, con i lanci a tagliare l’area di rigore di Insigne. Questa volta però il lancio lo ha fatto Sottil… Poi nella ripresa è entrato lui, Dusan Vlahovic, l’uomo dell’estate viola. Sappiamo tutti che era il Foligno, che queste partite non contano niente. Ma in 45 minuti ha segnato in tutti modi possibili un attaccante può segnare. Di testa, di destro e di sinistro. Di rapina, con azione manovrata, con giocata personale. Dentro ‘l’area e dal limite. Dove ha rischiato maggiormente di sbagliare è stato il rigore. Sorprende la determinazione, la voglia di segnare. Anche dopo 4/5 gol non gli è mai venuta la voglia di qualche giochetto, di qualche giocata superflua: sempre e solo lui e la porta. E’ calcio d’agosto, ma stasera arriva un messaggio forte dall’acquazzone di Moena. Con Milenkovic e Vlahovic c’è un assegno di 100 milioni che Corvino ha lasciato nelle mani di Commisso. Sta adesso a Rocco decidere se intascarlo o puntarlo sulla ruota di Firenze. E’ vero che vendendo si può comprare. Ma è anche vero che abbiamo due calciatori che mezza Europa ci invidia e dovrà arrivare il momento in cui non si inizia sempre da zero.

1 Commento

  1. Io venderei solo Pezzella, che a 4 non è buono, puntando pienamente sui giovani, tanto questo è il primo anno di Italiano e si sa che al primo anno l’importante è salvarsi.

    La partita di ieri l’ho vista anche io e l’impegno c’è stato da parte di quasi tutti.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.