Avrei voluto giocare con Antognoni

E’ probabilmente il sogno di ogni bambino, ragazzo e anche meno ragazzo che negli anni 70 e 80 ha tifato viola e ha avuto modo di vedere, di tifare e di ammirare GIancarlo Antognoni. “Avrei voluto giocare con Antognoni” è però anche una affermazione di Diego Armando Maradona, probabilmente il più forte calciatore di tutti i tempi, o uno dei migliori. Questo per dire che Giancarlo Antognoni non è solo un idolo dei tifosi viola, ma è un riferimento assoluto del calcio mondiale. E al di la del tifo, dell’attaccamento all’Antognoni viola, penso che la corsa di Antognoni con la palla al piede (e anche senza), l’eleganza nel calciare, l’assoluta efficacia dei suoi passaggi/cross, puliti, essenziali, precisi dovrebbe essere materiale di ogni scuola calcio. Poi, appunto, c’è l’Antognoni che non ha mai abbandonato la maglia viola, che ha dato tutto sul campo per Firenze e la Fiorentina, che ha reso orgogliosa una città e una tifoseria, vestendo sempre con onore anche la maglia azzurra. Viene definito bandiera, è secondo me soprattutto una pietra miliare della storia viola, un idolo intoccabile per tutti quelli che hanno avuto modo di tifare nella sua era. Tutto questo ha un valore enorme per la storia della Fiorentina e un valore inestimabile per i tifosi che lo vivono. E’ al tempo stesso un valore intangibile, che non può essere ripagato con nessun ruolo operativo, di rapprsentanza, di dirigenza, di leadership, in nessuna proprietà possa arrivare a governare la Fiorentina. Figuriamoci se può allora concretizzarsi in una disputa legale, finalizzata al riconoscimento di qualche penale/buona uscita. Come non poteva esserlo nella valutazione economica di qualsiasi ruolo Antognoni avesse potuto svolgere in Fiorentina. Sono storie completamente diverse. Massimo rispetto per Antognoni uomo e Antognoni uomo di calcio. Penso anzi che Antognoni abbia doti, conoscenze, attitudini che potrebbero essere sfruttate in modo molto redditizio nell’ambito dirigenziale di una squadra (o una nazionale) di calcio. Ma è un’altra storia, che non può e non deve essere mischiata con i nostri ricordi e i nostri sogni. E mi spiacerebbe se Antognoni insistesse troppo su questo. Antognoni difenda se stesso e faccia valere in pieno le sue ragioni. Nessuno ormai può più giocare con Antognoni. E nessuno deve assolutamente giocare con il nostro Antognoni. Ma Antognoni non chiami la nostra bellissima storia infinita a testimoniare.

4 Commenti

  1. E se anche Davide arriva a scrivere un articolo come questo…

    Perché a 10 anni eri il mio idolo, ma oggi non ho più gli occhi di un bambino di 10 anni, vorrei averne il cuore ma certo non nè ho il cervello. E il cervello di un uomo di 50 anni comincia a farsi qualche domanda, si va bene, in campo eri immenso, il 10 perfetto per visione di gioco e precisione di piede, hai amato la Fiorentina e oggi tutta Firenze ti ama, ma fuori dal campo?

    Nelle interviste sempre incerto, una presa di posizione da leader vero mai, la carriera da dirigente nascosta quasi trasparente.
    Con Cecchi Gori gli impegni più vistosi le partite a tennis con Bati, i Della Valle, che hai criticato fin dall’inizio, ti hanno chiamato nel momento in cui hanno deciso di tirare i remi in barca e, con Commisso, sei stato in grado di tirare su un polverone solo quando ti hanno ridotto lo stipendio e ti hanno proposto un incarico più operativo e meno di vetrina.

    A questo punto mi chiedo, se davvero la Fiorentina di Commisso dovesse mettere insieme qualcosa di buono, te ne starai in casa a rosicare oppure avrai la faccia di presentarti in tribuna? Pretendendo di essere pagato o gratuitamente per amore della Fiorentina?

  2. A dir la verità, il mio articolo non voleva essere una critica ad Antognoni dirigente. Per me Antognoni, come scritto, ha qualità per svolgere determinati ruoli dirigenziali, con autorevolezza ed efficacia. Semmai, e su questo concordo con Simone, la critica è sull’aver avallato certe posizioni/ruoli assegnatogli dalle varie proprietà.
    Il mio focus però era un po’ diverso, un messaggio rivolto a tre interlocutori:
    1. ai tifosi dico che nessuno può più giocare con Antognoni, perché Antognoni calciatore è un bellissimo passato, quello che ci stimola ricordi, attaccamento ecc…ma quell’Antognoni appunto è storia.
    2. Alle varie proprietà dico che non si gioca con Antognoni, ovvero per rispetto suo e dei tifosi, non possono usarlo come specchietto per le allodole, sfruttarlo ad uso e consumo quando torna comodo.
    3. Ad Antognoni dico di non nascondersi dietro l’amore della città e dei tifosi o peggio ancora usarli come testimoni del suo lavoro come dirigente. Faccia valere le sue ragioni, faccia valere la sua professionalità; l’Antognoni calciatore sarà amato e ricordato per sempre, l’Antognoni dirigente sarà come tutti valutato momento per momento.

  3. 1. tutti d’accordo
    2. quando è arrivato Commisso, Antognoni era lo specchietto per le allodole, ce l’avevano messo i DV, e gli stava bene esserlo perché lo pagavano. Purtoppo questo è l’aspetto più triste, per Antognoni, di tutta la storia.
    3. ormai si parla del niente, Antognoni non avrà più la possibilità di essere dirigente della Fiorentina, secondo me ormai farà solo il pensionato di lusso, senza nemmeno la possibilità di presentarsi sereno allo stadio Artemio Franchi di Firenze.

  4. Anche se in ritardo, dico la mia sull’argomento.
    Semplicemente… SI’, questa volta Antognoni ha deluso anche me. Se si fosse fermato alle affermazioni gli avrei dato ragione per la richiesta di maggior rispetto nei modi. Con la richiesta economica mi è scaduto.

    Pazienza, tornerò a guardarmi l’Antognoni che preferisco, quello in Nazionale ’70 e ’80, l’unico che potevo godermi con orgoglio visto che ero un ragazzino che abitava troppo lontano per poterlo vedere allo stadio.
    Quello rimarrà uno spettacolo per sempre.

    Forza Viola

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.