Una bella vittoria brutta

La Fiorentina riprende la marcia portando via 3 punti pesanti da Udine. Un primo tempo dominato nel gioco, ma povero di occasioni e sbloccata con un rigore di Vlahovic. Una ripresa in continua sofferenza che ha ricordato i tempi di Iachini. E un po’ anche ultima partita di Prandelli a Udine, in cui perdemmo prendendo gol alla fine. Invece alla fine questa l’abbiamo vinta conquistando per questso una bella vittoria brutta. Bellissima, se ci aggiungiamo che è la terza consecutiva in trasferta, su campi per noi sempre molto ostici. Entrambe le squadre hanno manifestato stanchezza, ma al di la dei due giorni di riposo in più, quelli maggiormente in difficoltà fisica siamo stati noi. I primi 60 minuti con l’Inter li abbiamo pagati un po’ anche oggi. E non per mettere sempre il dito sulla piaga, ma negli ultimi 20 minuti abbiamo praticamente giocato in 9, perché Saponara e Callejon erano completamente bolliti. Italiano ha sfruttato però diversamente i 5 cambi. Ha tolto un ammonito e alla fine un po’ appannato Quarta. Ha fatto respirare anche Biraghi, sempre titolare per 90 minuti (e con una botta nello sterno presa nel primo tempo). E soprattutto ha voluto un centrocampo fresco e devo dire che Amrabat e Maleh hanno messo molta sostanza, e anche un po’ di qualità, nel portare a casa il risultato. Però le due ali erano veramente stremate. E se nel primo tempo sono state anche poco incisive, nella ripresa hanno veramente impedito qualsiasi velleità di ripartenza della Fiorentina, lasciando Vlahovic a lottare contro 3/4 difensori. E spesso hanno anche perso palloni velenosi, opponendo fra l’altro nessuna resistenza agli esterni dell’Udinese. Visto che possiamo giocare anche con i “se” e con i “ma”, invertendo le maglie di Saponara e Delafeu (una vera spina nel fianco), questa partita l’avremmo vinta tanto a zero.

Il problema delle ali è concreto: siamo corti e secondo me manca anche potenza e qualità. Visto che l’ha provato terzino, in una partita così forse sarebbe da giocarsi anche Benassi esterno alto. Ad ogni modo, la prestazione della squadra c’è stata. C’è stata soprattutto la voglia di portarsi a casa i 3 punti. C’è stato tutto sommato anche un modo di difendere efficace, con linee strette, interventi sempre attenti. E poter togliere Quarta e mettere dentro Nastasic è tanta roba. L’Udinese non ha grandi goleador, ma ha tanti giocatori bravi a muovere la palla, ad inserirsi, a cercare la giocata. La stessa Roma domenica ha rischiato molto negli ultimi 20 minuti. E’ stato molto attento anche Dragowski, che ha fatto un paio di interventi determinanti. A centrocampo, Torreira, Bonaventura e soprattutto Duncan benino fino a quando hanno retto fisicamente. Vlahovic, a parte il rigore, ha fatto il solito gioco sporco, come detto mal supportato dai compagni nella ripresa. Il più continuo nei 90 minuti è stato Odriozola, attento nel proteggere la corsia e sempre pronto a ripartire.

Ora c’è una settimana per riprendere le energie fisiche e mentali. Domenica c’è il Napoli, che avrà anche le coppe, e ci sarà bisogno di una Fiorentina tecnica, fisica , ma anche intelligente.

1 Commento

  1. Ho visto la partita solo da metà primo tempo quindi credo di essermi perso il meglio, mi è rimasta da vedere solo la sofferenza, perché siamo andati in sofferenza abbastanza presto.

    Per me siamo andati in sofferenza molto presto perché sia Saponara che Callejon ormai non hanno più le potenzialità fisiche che sono necessarie per giocare come ala nello schema di Italiano. Devo riconoscere che entrambi si sono impegnati, entrambi hanno dato il massimo, entrambi hanno messo dentro al campo le energie fino alla fine. Ma quando la squadra avversaria stringe le marcature entrambi sono praticamente nulli: non reggono un pallone, non danno profondità. Sanno ragionare e danno equilibrio, questo si, ma ci sono momenti della partita, e sono tanti, in cui ragionare non basta.

    E quindi Vlahovic ha giocato un’intera partita da solo, facendo a sportellate con tutti ma risultando molto poco pericoloso, e da mano a mano che le energie diminuivano a centrocampo l’Udinese è venuta sempre più fuori senza però risultare troppo pericolosa. Alla fine conto una parata di Dragowski, una murata Milenkovic e un mischione salvato da Igor. Anche perché l’Udinese ha avuto i soliti nostri problemi di tenuta e non ha certo il tasso tecnico dell’Inter.

    Però, come diceva Davide, a questo giro Italiano ha messo dentro sostanza, rinforzando centrocampo e difesa, e la Fiorentina si è difesa bassa senza troppi patemi.

    Che fare per il futuro? Visto che il centrocampo si sta dimostrando migliore di quello che avevamo previsto, sia Duncan che Amrabat sembrano rigenerati, Torreira ieri ha giocato mezzala al posto di Bonaventura con discreti risultati, Maleh è una piacevole sorpresa, si potrebbe tentare qualche esperimento anche sulla fascia, sia Benassi, come dice Davide, che Castrovilli. Ci gioca Saponara, non ci possono giocare loro?

    Per il Napoli intanto avremo il rientro di Nico, quindi l’unico ruolo scoperto per davvero sarà quello che ha sempre occupato Callejon. Ma essendo ex, chi avrà il coraggio di toglierlo?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.