Ali tarpate

Dopo i primi 45 minuti di gara, la Fiorentina stava per spiccare il volo in campionato. Ci ha pensato poi la solidità, il cinismo e anche la qualità dell’Inter a tarpare le ali alla squadra di ITaliano. Alla fine seconda sconfitta, ancora con una grande, ancora per 3 a 1, ancora con un finale da bandiera bianca. Certo stasera la cosa più lampante è che le ali tarpate sono proprio gli esterni d’attacco della Fiorentina. Ben altra musica rispetto alle 5 scelte chieste dal tecnico. Nonostante il gol, è stata molto deludente la prova di Sottil. Ha sprecato anche stasera alcune occasioni importanti, senza fra l’altro consentire di arrivare al tiro. E Nico Gonzalez, sicuramente grande giocatore, ha da pagare il suo impatto con il calcio italiano. E il carattere latino certo non aiuta… mi è venuto subito in mente il Bertoni del primo anno a Firenze. Per finire, stasera abbiamo avuto ali tarpate anche per le scelte di Italiano, perché quando c’è stato da recuperare, ha dovuto mettere dentro Saponara e Callejon, che certo non sono in grado di dare un cambio di passo. Questo è il problema che temevamo alla chiusura del mercato, è un problrma che c’è e che Italiano dovrà gestire.

Detto questo, il primo tempo dei viola ovviamente è stato da lustrarsi gli occhi. Compresi i primi minuti della ripresa. L’unico vero rammarico, è che con quella mole di gioco, con quella pressione, soprattutto con quelle occasioni, come minimo il vantaggio doveva essere doppio. Con Torino e Genoa la cosa può essere ammortizzata, con Roma e Inter alla fine perdi 3 a 1. Per un’ora anche un grande Torreira. Abbiamo bisogno che arrivi prima possibile ai 90 minuti nelle gambe. A me è piaciuta anche la coppia Milenkovic-Nastasic, che probabilmente si candida ad essere la vera titolare. Dobbiamo dare atto inoltre a Biraghi che è instancabile su quella fascia e è andato anche vicino alla rete. Benassi terzino è stato un po’ un azzardo. Secondo me da riproporre per ora con squadre da parte destra della classifica. In generale, nel primo tempo la Fiorentina è stata da 8 nel suo modo di stare in campo e da 6- in zona goal. Dopo 50 minuti abbiamo iniziato a perdere le distanze, a perdere duelli sulle seconde palle e un Inter micidiale ha avuto vita facile.

Vediamo adesso quante giornate si prende NIco. E’ stata doppia ammonizione. L’arbitro è stato fermo nella sua decisione, ma non ha infierito con rosso diretto. Sarebbe un peccato dovesse saltare anche il Napoli. Intanto, la strada sicuramente rimane la stessa e, come dicevamo la volta scorsa, pieno sostegno a Italiano. E’ evidente che al momento, la Fiorentina con squadre medio/basse riesce a tenere alta la pressione, senza alzare eccessivamente il dispendio di energie. Con le squadre forti, a parte Atalanta, ad un certo punti è andata fuori giri. Ora ovviamente testa all’Udinese, perché al momento la cosa fondamentale è trovare continuità di risultati con le squadre alla nostra portata.

2 Commenti

  1. E che posso aggiungere ad un’analisi così precisa?

    Aggiungo che il portiere non è quello giusto, non mi venite a dire che sul gol del raddoppio non poteva uscire. Quella palla doveva essere sua.

    Aggiungo che Vlahovic si sente già Haaland e infatti ieri ne ha sbagliate parecchie.

    Aggiungo che sono curioso di vedere come reagiranno Italiano e la squadra.

  2. Sul secondo gol in effetti il retropensiero dell’uscita ce l’ho avuto anche io. Anche se quei calci d’angolo son calciati in modo perfetto, forti, testi, a saltare la prima linea, che arrivano tesi e altezza giusta a qualche metro dalla porta, in una zona densamente popolata. Per uscire ci vuole un tempismo perfetto, che devo dire davvero pochi portieri oggi hanno.
    In Vlahovic vedo comunque atteggiamento giusto, ha fatto assist a Nico, deviato quel tantino dalla gamba del difensore per non far battere a botta sicura. Ha tirato quando poteva tirare, con un miracolo di Handanovic e un tiro che si è alzato leggermente. Ha lottato dall’inizio alla fine.
    Per ora sono deluso da Sottil, ma è giusto ancora aspettare prima di dare sentenze. Sono deluso soprattutto dai giornali che gli hanno dato anche 6,5 in pagella.
    SOno infine fiducioso che la squadra reagirà.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.