Credendo in Italiano

E’ arrivata la terza vittoria consecutiva della Fiorentina di Italiano, la second di fila in trasferta. E se a Bergamo è stata una battaglia colpo su colpo, contro il Genoa la Fiorentina ha dominato nettamente la gara, nonostante questa trasferta presenti sempre mille spigolature e possibili tranelli. In questi primi 2 mesi della stagione ci siamo sentiti come un blocco di ghiaccio calcistico che piano piano si stava scongelando, ma ora la temperatura del tifo viola si sta davvero alzando. Insomma, ci stiamo un po’ esaltando, però dobbiamo farlo credendo in Italiano a 360°, altrimenti rischiamo di incepparci. Il tecnico viola, infatti, non asseconda la campagna acquisti e la rosa con atteggiamenti di circostanza, come è successo purtroppo con Iachini e Prandelli. I due precedenti tecnici hanno fatto buon viso a cattivo gioco e poi hanno di fatto puntato su 14 giocatori. Questo non è Italiano, che a Genova ha fatto riposare Milenkovic, ha cambiato lo sfortunato Castro con Duncan (tutti avremmo forse voluto Maleh) e soprattutto alla fine del primo tempo ha fermato Gonzalez per non rischiarlo e ha messo Saponara. Si, Saponara è la conferma che dobbiamo andare avanti credendo in Italiano. E non solo perché è stato determinante con gran gol e assist. Ma perché al tecnico a quel punto serviva quel tipo di giocatore, che giocasse con intelligenza e non magari di classe e di foga come Sottil. Dobbiamo farlo ovviamente anche quando non sempre le cose andranno bene, per non snaturare questo progetto che sembra davvero interessante

Partita dominata, dicevamo. Alla Fiorentina infatti è sempre riuscito il pressing alto ed è riuscita a creare diverse occasioni da gol. Come appunto, c’è ancora qualche errore di troppo nell’ultimo passaggio, specialmente quando si può agire con difese avversarie più aperte. Il Genoa invece ha avuto solo una vera occasione su un mezzo pasticcio difensivo. Penso che Italiano faccia bene per ora a insistere con Dragowski, ma con i piedi non ha ancora la lucidità e la padronanza di Terracciano. Riguardo a Vlahovic, ha avuto un cliente duro, ma è sempre stato dentro la partita, ha lottato su tanti palloni, attira su di se sempre almeno 2 centrali e probabilmente Italiano ha fatto in modo di cercare gol più dalle fasce ieri, sapendo che il Genoa gioca a 3 dietro. Devo dire che, nonostante ancora un po’ di scetticismo di Simone, Bonaventura sta crescendo partita dopo partita, anche da un punto di vista fisico (sempre titolare con Italiano). I primi 25 minuti di Gonzalez sono stati di grande livello, poi la botta lo ha piano piano fatto uscire dalla gara. SPeriamo di averlo martedì. Saponara ha fatto quello che sa fare, come gli ha chiesto il tecnico. Forse anche Callejon, su cui rimane per me il dubbio più grande, anche perché comunque è un titolare fisso per ora.

Credendo in Italiano, dico comunque che non sono completamente d’accordo che la squadra è più o meno quella dello scorso anno. Per il più, ovvero giocatori come Gonzalez, Odriozola, Maleh, Torreira, Nastasic, che se anche non giocano sempre, durante la settimana consentono al Mister di tenere alto il livello di concentrazione e di competizione su ruoli chiave. E per il meno, perché volenti o nolenti, Pezzella e Ribery lo scorso anno imponevano una presenza e anche un modo di giocare che spesso ci ha fatto imbrigliare da soli. E anche per questo Duncan, Saponara, lo stesso Benassi e in fondo anche Callejon erano di fatto degli esclusi a priori.

Infine, pur credendo in Italiano, non volendo guardare indietro, ma pensando a gennaio, dobbiamo essere consapevoli che, anche se il tecnico conta su tutta la rosa, ci sono parti che possono migliorare. Dei 5 esterni alti desiderati, abbiamo un giocatore forte, una promessa ancora tutta da valutare, un giocatore, Callejon, che almeno a me lascia ancora dubbi e Saponara, che è un ottimo giocatore da certe partite, messe in un certo modo. E il Kokorin visto ieri è ancora lontano da essere una riserva di Vlahovic.

1 Commento

  1. Ho visto solo gli ultimi trenta minuti di partita, probabilmente quelli migliori per noi, ma sono rimasto davvero sorpreso. Abbiamo comandato il gioco sempre, recuperando subito, proponendoci in azioni da gol, dando respiro alla manovra, allargandoci, abbassandoci, coinvolgendo tutti gli 11 in campo nella gestione della palla. Impressionante!

    Impressionante anche sapere che il gol lo ha fatto Saponara, su cui non avrei scommesso niente, non tanto perché lo considero scarso, ma perché lo consideravo finito. Certo è che il Genoa gli ha concesso lo stop, il controllo, l’aggiutamento, la mira e quando ha fatto fuoco ha infilato proprio l’angolino. Ecco, tutto questo per riflettere su cosa vuol dire un allenatore che fa rendere al massimo i propri giocatori.

    Impressionante, in negativo, anche Kokorin, che non è riuscito a controllare un pallone e non ha mai fatto la scelta giusta sui movimenti. In una situazione particolare mi è sembrato proprio goffo come lo fui io quando, circa 15 anni fa, volli riprovare a fare qualche allenamento in una squadra amatoriale. Gli altri erano troppo più veloci di me e il pallone sembrava vivo tra i miei piedi.
    Unica nota positiva, l’entrata a gamba tesa su Behrami, uno dei più cattivi di serie A. A me fa ben sperare, forse vuol dire che ce la sta mettendo tutta per ridiventare un giocatore e magari reggere qualche spezzone di partita.

    L’aspetto più positivo che vedo io è l’utilizzo completo della rosa, già 22 utilizzati in solo 4 partite, con la Fiorentina che si è permessa di scendere in campo a Genova senza Milenkovich. Assolutamente incredibile e, in prospettiva, interessante. Vuol dire che c’è posto per tutti se tutti stanno al loro posto.

    Avrei una riflessione su Biraghi, che è il solito di sempre, ma la fascia di capitano in campo gli si addice: è sempre a parlare e a lamentarsi con l’arbitro. E una su Callejon, che giudicherei come Bonaventura, cioè ottimo giocatore un po’ in là con gli anni. Se continua a giocare vuol dire che soddisfa le esigenze di Italiano… e allora fidiamoci!

    E domani…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.