Esperimento (poco) riuscito

Anche Italiano si è fatto tentare dal full turn over mettendo in campo praticamente una squadra B, escluso Milenkovic e alcuni co-titolari, come Callejon, Maleh, Sottil. La Fiorentina ha vinto, ha passato il turno e siamo ovviamente contenti. Però dobbiamo essere onesti e dire che il Benevento avrebbe meritato di giocarsi almeno i supplementari. Solo infatti un Rosati in ottima serata e un po’ di fortuna hanno evitato di chiudere in parità. Ed era un Benevento che solo nell’ultimo quarto di gara aveva buona parte dei titolari in campo. Direi quindi esperimento (poco) riuscito. E’ andata bene, ma abbiamo veramente rischiato di rovinarci la serata. La squadra è scesa in campo anche con l’idea giusta di gioco, ovvero con intenzione di dare continuità alle idee di Italiano e alla natura calcistica di questo gruppo. Però ritengo il full turn over concettualmente sbagliato, prima di tutto perché è comunque un messaggio di partita non complicata. E i giocatori in campo si sentono spesso la squadra B. Poi c’è un discorso tattico e tecnico. Non è facile in una partita ricostruire gli equilibri, le distanze e l’impronta di gioco della squadra titolare. E infine c’è la componente tecnica. E questo ci porta alla prova di Kokorin, sicuramente insufficiente. Ritengo la sua cosa migliore, forse unica cosa fatta bene, l’azione del gol sbagliato dal russo. Li infatti ha fatto un taglio giusto, smarcandosi e creandosi occasione, con un gran assist di Benassi. E’ arrivato anche pulito al tiro. E’ mancata cattiveria, precisione, ma questo ci sta in un giocatore che non gioca titolare da 2 anni. E’ il resto che è stata una sciagura, in evidente difficoltà nei posizionamenti, nell’equilibrio, nel palleggio. Spero sia servito almeno a convincere i dirigenti viola che occorre provvedere.

Per gli altri, a dire il vero, non ci sono state insufficienze evidenti. E’ l’insieme che piano piano si è spento: e poi siamo passati dalla rilassatezza post 2 a 0 ad un atteggiamento completamente bloccato dopo il gol del Benevento. Da sottolineare una buona sintonia fra Terzic e Sottil sulla sinistra. E personalmente non mi è dispiaciuto neppure Amrabat, che è sembrato giocare da mediano come Italiano intende quel ruolo e mettendo in evidenza anche dei cambi di gioco, che a volte mancano nelle partite di campionato Ho visto un po’ timido Venuti, specialmente in fase di non possesso.

Penso che non ci sarà più occasione di vedere la squadra titolare vista stasera. Anche questo a dimostrazione che non è stata una grande idea. Ci saranno invece altre occasioni in cui dovremo giocare tre partite in sette giorni. Aspettando l’Europa dovremo iniziare a gestire questi incontri ravvicinati, mantenendo comunque una ossatura di base, quella che alla fine è in grado di mettere il bollino di fabbrica all’idea di gioco di Italiano.

3 Commenti

  1. Chiacchere inutili, non era un esperimento ci sono da giocare 4 partite in 12 giorni l’obiettivo era passare il turno, raggiunto … chiuso

    • Sicuramente il calcio lo possiamo analizzare anche per risultati, alla fine è il metodo più oggettivo. E i fatto di aver passato il turno ci rende tutti contenti e, intendiamoci, non è che abbiamo rubato qualcosa.
      E’ che in generale ci piace analizzare anche le partite. Penso che Italiano sia il primo non contento di molte cose di ieri sera. Ma sarà ovviamente il più felice per aver passato il turno.
      Anche quando incontreremo il Napoli avremo partite molto ravvicinate, ma non penso che scenderemo in campo con questa formazione.
      Detto questo, il calcio di per se è una delle cose inutili più belle e importanti per tante persone e non ce ne volere se anche noi facciamo delle chiacchere inutili, fra l’altro solo per il piacere di parlare e tifare Fiorentina 🙂

  2. Andando sulle sottigliezze di lana caprina direi che gli esperimenti riescono o non riescono, quello di Italiano è riuscito 🙂
    Certo, meglio non pensare a cosa poteva succedere se Rosati non fosse stato il migliore in campo…
    Dobbiamo riconoscere però che altri allenatori della Fiorentina del passato, più pagati, più blasonati, certi esperimenti non li hanno mai provati oppure, quando li hanno provati, sono miseramente falliti. Perciò dobbiamo riconoscere ad Italiano il grande merito di far ruotare realmente, e non sono con le chiacchere, tutta la rosa. I vantaggi li vedremo a stagione in corso. (Spero!)

    Sulla partita dire che Rosati è stato il migliore in campo è dire tutto, il Benevento ha giocato bene, a viso aperto, ha avuto più occasioni di noi e forse anche più voglia. Noi abbiamo fatto valere la qualità e siamo stati più cinici.

    Sui singoli, quelli della rotazione, oltre a Rosati molto bene, Benassi e Terzic bene/benino, quanto meno hanno dimostrato di poter reggere il confronto contro una squadra di serie B.

    Kokorin, come ho già detto altre volte, sembra me, il fisico non arriva dove la mente vorrebbe. Sta sempre in po’ nascosto dietro al difensore, sbaglia spesso le cose più facili, non si intende con i compagni, sembra aver paura dei contrasti. E’ vivo perchè si impegna molto e sbaglia anche un gol, ma la Fiorentina può permettersi di aspettarlo?

    Amrabat, che si impegna tanto ed ha buone doti difensive, non mi piace più, non fa mai la scelta giusta quando ha la palla al piede, e se la fa è in ritardo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.