Rimonta strozzata

Dopo 40 minuti la Fiorentina si è trovata sotto di due gol, senza capire bene perché, senza aver demeritato. La partita era apparentemente bloccata ed equilibrata. In realtà l’uno-due del Sassuolo non è stato casuale. Si era visto che poteva partire pericolosamente in contropiede, stranamente non dalla parte di Berardi, ma da quella opposta. Da quella parte c’era un Callejon sottotono e un Odriozola che non sapeva bene se stare o andare. Curioso che nel turn over totale fatto in coppa, alla fine Italiano ha scelto di confermare titolari proprio Callejon (che non è fra i più freschi fisicamente) e Maleh, in un ruolo che offre praticamente tre titolari. E oltre all’ex Napoli, l’altro giocatore in difficoltà è stato proprio Maleh, spesso sperso e messo in mezzo fra difensori, esterni e centrocampisti del Sassuolo. Nonostante questo, come detto, i viola non meritavano lo svantaggio ed invece si sono trovati 0 a 2. A questo punto poteva davvero prospettarsi una grigia domenica. Invece è venuta fuori la rabbia, la qualità, la determinazione di questa squadra. E negli ultimi 10 minuti del primo tempo la Fiorentina ha creato almeno 4 occasioni da gol nitide, sventate da alcune parate veramente importanti di Consigli.

Poi la ripresa, dove è entrata in campo una grande squadra. L’ingresso di Duncan e Saponara hanno dato grinta e qualità ulteriori e la Fiorentina ha letteralmente messo alle corde il Sassuolo. Dopo 15 minuti la partita era di nuovo in parità e c’erano davvero tutti i presupposti che la rimonta diventasse un gran sorpasso. In campo c’era tutta la differenza che il campionato ha evidenziato fra queste due squadre. Devo dire che anche Gonzalez a destra è un valore aggiunto rispetto a quando gioca dalla parte opposta e anche su questo ha ragione Italiano. Però tutta la squadra girava a pieni giri, con ritmo, qualità e grinta, con Torreira davvero motore perpetuo.

Poi l’espulsione. Secondo me clamorosamente ingiusta. Già il primo giallo a Biraghi era stato severo, perché il braccio del terzino prima va sulla spalla e poi sbatte su mento di uno scenico Berardi. Ma il secondo è davvero eccessivo. Perché i due corrono spalla a spalla, Berardi si abbassa molto e nel movimento di corsa Biraghi lo colpisce. L’arbitro aveva visto tutto regolare, il guardalinee non si capisce cosa voleva segnalare. La partita è ovviamente cambiata. Italiano inizialmente ha provato a giocarsela, poi secondo me ha fatto bene a contenere la gara. E ci stava anche il cambio di Vlahovic, che sta sorprendendo sempre di più, anche per come sia di fatto un leader di questa squadra. Perchè comunque, nella rimonta strozzata, abbiamo forse perso 2 punti, ma abbiamo mantenuto il quinto posto e abbiamo preso ancora più consapevolezza della nostra forza.

La cosa negativa è che la rimonta e l’espulsione ha chiesto un grosso sforzo aggiuntivo… al triplice fischio i viola sono quasi tutti stramazzati al suolo sfiniti e mercoledì pomeriggio ci sarà un’altra battaglia. A maggior ragione i ragazzi di Italiano meritano un grosso applauso e tutto il sostegno possibile per andare a prenderci a Verona quello che ci è mancato con questa rimonta strozzata.

2 Commenti

  1. Alla fine Berardi si è dimostrato il più decisivo di tutti, con due scenate ha deciso la partita.

    Ad Italiano rimprovero una cosa sola, che giochiamo troppo al limite troppo spesso. Nel senso che mi va bene giocare al limite ma non per tutta la partita, non si potrebbe alternare momenti in cui si gioca al limite a momenti in cui si aspetta l’avversario? Ieri, con la Roma, con l’Inter, con il Napoli abbiamo preso gol nello stesso modo, con la difesa che viene presa in contropiede quando prova a salire.

    La Roma di Mourinho ieri ha fatto due gol all’Atalanta colpendola nello stesso modo in cui colpiscono noi quando difendiamo altissimi. Si sono preparati a colpire quando la squadra si alza e ce l’hanno fatta benissimo. Se quel modo di difendere altissimo fosse alternato a momenti di gioco meno al limite diventeremmo anche meglio dell’Atalanta 🙂

    Sui singoli dobbiamo in ogni modo trovare un sostituto a Callejon che è, tra i titolari, quello che sbaglia più partite. Forse ieri Italiano ha avuto paura e schierare Sottil e Gonzalez dall’inizio e si è mantenuto su Callejon perché lo considera più “utile” tatticamente. 🙁

    Mi dispiace per Maleh ma ieri si è visto che non è (ancora?) pronto per le squadre più forti, ma è giovane e migliorerà. Mi dispiace ancora di più per Castrovilli che sembra uscito dai radar.

    • Sono d’accordo a metà. E’ vero che a volte giochiamo troppo al limite ed è vero che con Roma, Inter e Napoli abbiamo pagato pegno. Nei prima 40 minuti di ieri però non mi sembrava che si giocasse troppo al limite, mi sembrava un atteggiamento comunque equilibrato. E’ che in 3/4 occasioni e in particolare quella dei due gol, non eravamo messi bene, non siamo stati determinati nel pressing. Emblematico il secondo gol dove noi eravamo rilassati tanto Ferrari non ci arriva e da li si è aperta voragine. Nel secondo tempo abbiamo giocato molto più al limite, ma compatti come un massello, cattivi su ogni pallone e se non era per Berardi, penso che avremmo vinto, forse anche con qualche gol di scarto.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.