Testa o gambe?

Premetto che non ho visto la partita, l’ho ascoltata tutta su Radio Bruno. In questi casi il giudizio subisce comunque il filtro impostato dai radiocronisti. Voglio partire comunque dal post Sassuolo dove avevo sottolineato come la squadra viola avesse dovuto fare gli straordinari, per recuperare il doppio svantaggio prima e ovviare all’inferiorità numerica dopo. Il titolo che avevo in mente invece dopo 80 minuti di Verona – Fiorentina era “Ferie anticipate”. Sembrava infatti che la Fiorentina fosse sistematicamente in ritardo, di testa e di gambe, su ogni palla, su ogni giocata. E anche con lo svantaggio subito, la musica è solo peggiorata. A dieci minuti dalla fine, però, la Fiorentina ha dato segni di risveglio. O forse il Verona è nettamente calato. E allora siamo passati da una azione da gol, al pareggio di Castrovilli, con bella combinazione Vlahovic-Terzic, fino alla grande occasione mancata da Duncan, che poteva portare 3 punti davvero insperati. E allora la domanda naturale è: questione di testa o di gambe? La Fiorentina ha subito la migliore condizione fisica e l’aggressività del Verona o l’atteggiamento alla gara è stato proprio sbagliato?

Non sono mancate le critiche a Italiano per la difesa schierata. Sembra senza motivo, il mister ha preferito Igor a Quarta, Venuti a Odriozola. Certo scendere in campo a Verona con 3/4 di difesa cambiata non è una buona idea. Sicuramente non ha ripagato. Non è condivisibile invece la critica relativa alla poca idoneità di Igor a marcare un giocatore veloce come Lasagna. I numeri dicono che Igor è stato addirittura il giocatore più veloce della gara. Vista l’assenza di Biraghi, avrei comunque anche io preferito la conferma dei primi titorali della linea.

Negativa è apparsa la gara dei due esterni, Gonzalez e Sottil. Sul primo purtroppo secondo me pesa ancora il difficile recupero post-covid. Ho avuto modo di parlare con esperti della riabilitazione cardiologica e polmonare. Sembra che anche negli atleti, pur avendo avuto forme lievi di Covid, il recupero della forma fisica è davvero lento e a volte neppure lineare. Su Sottil dico invece che in presenza di squadre toste e aggressive come il Verona va in netta difficoltà.

Non c’è molto da aggiungere, né sui singoli, né sulla gara. Dobbiamo fare in bocca al lupo a Saponara, uscito malconcio dopo 6 minuti che era in campo. Mentre Italiano deve capire il motivo per cui la Fiorentina per oltre 80 minuti non è riuscita a reagire all’aggressività e alla velocità del Verona. Certo, sia che fosse problema di testa o di gamba, le grandi squadre ci insegnano che queste partite si risolvono spesso con la qualità e l’intelligenza di alcuni interpreti. La nota più positiva della giornata è stata sicuramente il ritorno al gol di Castrovilli, speriamo sia di buon auspicio. Importante anche il pareggio della Roma. Questo ci consente di chiudere in quinta posizione e girare a quota 32 punti. Che in totale farebbero 64, ovvero una posizione che oscilla fra sesto e ottavo posto. Per fare un passettino più avanti c’è bisogno sicuramente di aumentare un po’ qualità e intelligenza di questa squadra.

1 Commento

  1. Ti faccio i complimenti perché le tue critiche sono le mie critiche ma io la partita l’ho vista, quindi o sei proprio bravo ad ascoltare oppure i telecronisti hanno visto e raccontato quello che ho visto e io.

    Fino a che non hanno fatto il gol, il Verona non ci ha dato pace, noi eravamo troppo morbidi, troppo disattenti, troppo sempre in ritardo. Se guardiamo il gol ci accorgiamo come sia arrivato come conseguenza ad una serie di errori, ma le chiamerei superficilità, da parte nostra: Vlahovic che non va a saltare, il centrocampista che non chiude, il difensore che lascia spazio, il portiere che non esce. Tutto troppo in fretta per il nostro livello di attenzione di quella sera.

    A quel punto ci siamo svegliati, abbiamo cominciato a costruire qualcosa, abbiamo preso fiducia dopo che Simeone ha confermato perché gioca a Verona, e nel secondo tempo abbiamo visto una partita giocata almeno alla pari, condita con un bellissimo gol di Castrovilli e l’occasione per il colpo pieno sui piedi di Duncan.

    Alla fine è arrivato anche il secondo pareggio e in ogni caso una situazione di classifica pienamente soddisfacente per le nostre ambizioni, almeno quelle di noi tifosi.

    Riguardo alle critiche, le responsabilità maggiori per me vanno alle ali, che sono state completamente assenti durante tutto il primo tempo.
    Sottil assente durante tutto il tempo che è stato in campo, forse è giovane, certo è morbido: quando lo mordono alle caviglie diventa un pulcino. Gonzalez più lottatore, ma anche lui in una giornata sottotono. Saponara lo hanno steso subito e quando è entrato Callejon più che altro ha giocato a salvaguardarsi.
    Anche contro il Venezia la partita l’avevamo persa sulle fascie con i due terzini nettamente superiori per intensità e forza alle nostre ali. (Per l’anno prossimo farei un pensierino a quei terzini)

    L’altra critica, con dispiacere, la farei a Venuti, riconoscendo che la velocità di Odriozola avrebbe fatto parecchio comodo, sia per difendere meglio, sia per provare a supportare Gonzalez.

    Chiudo dicendo che Terzic è stata una sorpresa positiva. Ora pensiamo al mercato…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.