Un’ala, una punta e…

ikone

Visto che ancora regali di Natale non ne ho aperti posso esprimere qualche desiderio per la Befana.

Per l’ala dovrebbe essere fatta: Ikoné. E’ Francese, è giovane, ha esperienza di alto livello, è veloce, guizzante, è costato una cifra abbordabile, tutto bene ma non conosce il calcio Italiano, sarà determinante come saprà reagire ai difensori che “mordono” le caviglie.

Ikoné, indipendentemente da come si integrerà nella Fiorentina, è il segnale forte che ha mandato Commisso ai Fiorentini e al calcio Italiano: lui c’è, e questo ci fa molto piacere.

Poi manca una punta, un vice-Vlahovic, l’ultimo nome che ho letto è quello che preferirei, M’Bala Nzola, ho già imparato come si scrive. E’ quello che preferisco perché conosce il calcio Italiano, è fisico, è giovane, non è ingombrante per Vlahovic ma stimolante. Non dovrebbe costare tanto e Italiano lo conosce bene. E’ il profilo perfetto.

E poi… E poi bisogna essere realisti e capire che a Gennaio non possono arrivare i fenomeni, da noi arrivò Salah è vero, ma dopo sei mesi se ne andò, molto più spesso sono arrivati dei semi sconosciuti con un rendimento da piangere, ve lo ricordate Anderson? Oppure Bolatti?

Mi piacerebbe un centrocampista, una mezzala tecnica ma garrosa, però dovrebbe essere migliore di Castrovilli. Possibile? No, a meno di non spendere cifre folli.

Mi piacerebbe un terzino sinistro, ma più forte di Biraghi. Possibile? No, idem come sopra.

Mi piacerebbe un terzino destro, magari quel Tameze che ha asfaltato Sottil, ma è ragionevole pensarci a Gennaio? No, idem come sopra.

Quindi, se arrivassero davvero Ikoné e M’Bala Nzola, potrei chiudere con un’ala, una punta e… poi basta.

1 Commento

  1. N’Zola piace anche a me e, sinceramente, non da ora. E’ un annetto che cerco di capire questo giocatore, perché secondo me ha numeri interessanti. Se non altro perché qualche anno fa c’avevo messo gli occhi sopra Corvino 🙂
    Nonostante tutto, allo Spezia ha una media gol molto alta, è forte fisicamente e ha margini di crescita. Italiano potrebbe essere proprio la persona giusta per fargli fare l’ultimo step e a Firenze questo giocatore potrebbe trovare una dimensione, magari non da protagonista assoluto, ma comunque un titolare aggiunto. Insomma, potrebbe seguire un po’ anche le orme di Duvan Zapata che proprio all’età di 26 anni, a Udine, ha trovato la sua consacrazione. O più semplicemente potrebbe essere un po’ il Caceido della situazione. Citato non a caso, perché se non arrivasse N’Zola, un pensierino al centravanti del Genoa ce lo farei, anche se purtroppo l’età non è dalla sua parte. Non conosco invece Toni Martinez.
    Abbandonata idea Berardi, ben venga Ikoné. Se andassero via Amrabat e Benassi, proverei a prendere un centrocampista/mezzala che possa dare fisicità, gamba, presenza anche aerea nelle due aree di rigore. Purtroppo non ho un nome… ma ci sarà da qualche parte 🙂

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.