Cresce l’attesa per il 2022

2022

Sarà l’aria di vacanza, sarà l’attesa per Ikoné, saranno le aspettative per l’anno nuovo, fatto sta che sono a lunedì e già sento un certo fermento per la prossima partita, quella del giorno della Befana contro l’Udinese.

Tre giorni di anticipo sulla voglia di vedere la partita sono proprio un caso eccezionale. Forse sarà semplicemente l’attesa per la prima partita dell’anno nuovo che tante volte ci ha rimbalzato all’indietro. Dal disgraziato esonero di Radice in poi, di cui proprio oggi ricorre il ventennale e che ricordo bene sia allo stadio che al Processo del Lunedì, la prima partita dell’anno solare ci ha sempre visti balbettare. Prandelli, Montella, Pioli, il mago Portoghese, tutti ci sono inciampati. Che succederà con Italiano?

Italiano è un allenatore che “martella”, che non si fa incantare dagli entusiasmi, che pretende sempre il massimo da tutti, ma i calciatori sono una specie di uomo molto particolare, sono sempre pronti a fare festa. Poi c’è il calcio mercato che incombe anche se la quasi totalità della nostra rosa non dovrebbe essere influenzata, poi c’è anche il COVID che entrato nello spogliatoio, poi c’è l’affare Vlahovic che, inutile negarlo, ronzerà sempre nella testa di tutti.

Infine c’è l’Udinese che viene a Firenze allenata da un Fiorentino che ha fatto bene finora e che verrà a giocarsela senza avere niente da perdere chiusa come un riccio e pronta a colpire in contropiede. Il peggio del peggio.

Sarà importante la preparazione alla gara, l’attenzione e la concentrazione negli allenamenti di questi giorni, perché siamo ai blocchi di partenza del 2022 e non dobbiamo sbagliare, né sbagliare per troppa convinzione, né per troppo timore. Dovremo affrontare questo 2022, di cui non sappiamo niente, con il giusto approccio mentale, ricordandoci sempre che volere è potere

🙂

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.