Ikoné e Piatek

Ikoné e Piatek

Il campionato ancora non è iniziato ma intanto la Fiorentina, prima della serie A, ha fatto il mercato che le interessava ed ha sistemato i due ruoli scoperti: Ikoné sulla fascia e Piatek come vice Vlahovic.

Gli ipercritici, le checche isteriche e gli attizzatori di zizzania travestiti da esperti italiani e stranieri si sono ritrovati tutti concordi nell’ammettere che la Fiorentina ha stupito tutti: ha fatto prima di tutte e meglio di tutte. Meglio chiaramente sulla carta, perché adesso la parola passerà al campo e, con le aspettative aumentate, aumenterà anche l’attenzione all’errore e di conseguenza alla critica.

Se l’operato della Fiorentina ha soddisfatto i tifosi, la stessa cosa non si può dire per i giornalai, che si sono ritrovati senza argomenti e hanno cominciato a spararle subito grosse (Isco). Mancando ancora oltre tre settimane a mezzo alla chiusura del calcio mercato ed essendo la Fiorentina una delle pochissime squadre di serie A con i soldi veri per fare mercato chissà cosa si inventeranno pur di conquistare audience. Spero che la società e la squadra riescano a sopportare le pressioni e le provocazioni perché sono sicuro che ne arriveranno sempre di più. Siamo sempre più pericolosi.

A questo punto, nonostante il caos generato dal COVID, toccherà a Mister Italiano trasformare le potenzialità in risultati.

Aggiungo solo un breve parere sui due nuovi arrivati, così tra un po’ di tempo potrò dire: io l’avevo scritto. 🙂

Su Ikoné sarà determinante la sua capacità di assorbire le pedate dei difensori italiani, abbiamo visto come Sottil è tanto bravo quando trova il difensore morbido, mentre sparisce quando trova quello che arriva al garretto. Oltre a questo, dato per buone le potenzialità offensive, spero che sia uno che si sa anche sacrificare in copertura come dovrebbero saper fare tutti gli attaccanti moderni. Gonzalez è l’esempio perfetto, non sempre gioca bene ma ha la giusta dose di garra perché lotta e morde.

Piatek va bene perché dovrebbe essere il vice Vlahovic e va a sostituire Kokorin che non ha dimostrato praticamente niente. Dalla sua ha la conoscenza del campionato e dei difensori italiani, una grande voglia di rivalsa e il diritto di riscatto, quindi dovrà farsi trovare pronto al momento giusto perché si gioca il futuro. Poi i centravanti sono una razza a parte, a volte fanno gol anche di schiena, altre volte non la buttano dentro nemmeno a porta spalancata. A Firenze troverà la giusta dimensione?

1 Commento

  1. Poco da aggiungere. La Fiorentina fa sul serio e tutti se ne stanno accorgendo. Per quanto riguarda l’esterno, sapevamo che c’era bisogno, ma abbiamo già visto in estate che solo se ci sono tutti i tasselli si procede. Quello che ci interessa di più è la parola di Italiano e se ha dato l’ok è un ottimo inizio. Su PIatek come riserca c’è poco da dire: sulla carta sarebbe da Cahmpions. Poi però la palla è tonda…
    Nostro mercato quindi ottimo nei tempi e nei modi. Ci poi altri però, che proverò a descrivere in un post.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.