Calcio per i tifosi

Avevo letto con piacere il post di Simone in cui evidenziava l’attesa per la ripresa del campionato. Sensazione condivisibile, visto che dopo alcuni anni di niente assoluto, a Firenze si respira di nuovo aria di buon calcio e soprattutto e di buone aspettative.

Però la nuova ondata COVID sta segnando un ulteriore degrado del sistema calcio, quello ovviamente professionistico, ovvero un business che sta rischiando di implodere definitivamente. E allo slogan di “dobbiamo salvare il calcio”, si sta assistendo a qualcosa di veramente incredibile, in cui la lega cerca di sopravvivere assecondando gl interessi delle Televisioni, le società sono divise tra la necessità di mandare avanti lo spettacolo e la possibilità di mandare in campo 11 ragazzi almeno formalmente sani o magari virtualmente guariti da poche ore da una malattia di cui ancora sappiamo poco. E i tifosi? Nella migliore delle ipotesi fanno la conta dei positivi della propria squadra e degli avversari di turno, per capire se tifare Lega o ASL. In sostanza, vedono saltate le gare della propria squadra, mentre altri assistono a partite con formazioni da scapole-ammogliati, altri (noi in particolare) si vedono spostate le gare in piena giornata lavorativa.

Oggi sembra di essere filosofi nel ricordare che il business calcio esiste solo perché c’è tanta gente a cui piace vederlo e una bella fetta di questi che ci butta dentro tanti soldi. Questo oggi purtroppo viene dato per scontato e allora si può tollerare un calcio non equo, antisportivo, che asseconda gli interessi di chi eroga il servizio, ma non certo di chi lo acquista. Ci troviamo nella situazione in cui qualcuno può giocare contro chi il COVID ha indebolito, mentre altri dovranno aspettare ad affrontare lo stesso avversario quando la situazione sanitaria sarà, si spera, migliore. Succede che la lega deve assecondare il governo sul netto ridimensionamento del numero di tifosi, avendo magari in cambio la vittoria al TAR nelle sfida con le ASL. Si sta falsando tutto, si sta infestando decine di giovani calciatori. Si sta trovando soluzioni per salvare il calcio, che di fatto sono un calcio per i tifosi.

Sarebbe bastato probabilmente sospendere il tutto per 2/3 settimane, aspettare che le cose si nomalizzassero un attimo. Purotroppo la lega ha venduto fino all’ultimo minuto disponibile il prodotto calcio e ogni partita che salta diventa una vera babele nella gestione degli slot temporali per i recuperi. E noi tifosi, da cuore pulsante di questo business, siamo diventati prima degli spettatori seriali e oggi sempre di più e poco più di animali social, con il diritto di mettere un like quando serve.

2 Commenti

  1. Sono sempre stato in grande appassionato del calcio, ma francamente mi sto stancando, a parte la mia squadra del cuore ( Fiorentina) non seguo più il calcio. Mi sono stancato degli orari assurdi, degli spezzettamenti continui, lo strapotere dei procuratori che tolgono ogni speranza a club minori di crescere e sicuramente anche il Covid hanno contribuito a questo allontanamento . Se non si torna ad in maggiore equilibrio e a un calcio più “umano” credo che il giocattolo si romperà in via definitiva.

    • Bentrovato Riello Viola fra i nostri commentatori. Concordo ovviamente in pieno con quello che dici. Il mio timore è che il giocattolo non si romperà, ma si trasformerà sempre di più fino ad essere qualcosa che i tifosi di un tempo non riconosceranno più.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.