A suon di gol

Alla fine di Fiorentina – Salernitana non ci sarebbe molto da dire. Sonoro 4 a 0, affiancato poco più tardi dal pareggio della Juventus e quindi quinto posto in solitaria, a due giornate dal giro di boa in campionato. Potremmo, appunto, chiudere qui con grande soddisfazione. Però la gara ha dato diversi spunti. E non bisogna dimenticare che poteva essere partita trabocchetto, come sottolineava Simone, dove spesso alla Fiorentina piace abboccare.

Partiamo allora dalla prima mezzora. Partita brutta. Salernitana che ha cercato di aggredire le fonti di gioco, pressando a volte anche il portiere e Fiorentina a bassissimi giri. Il tutto ha reso la partita molto lenta, priva di spunti. Anche Italiano ha rimarcato questa cosa. La mia sensazione è che Italiano stesso abbia dato indicazione di paritre a bassi giri, proprio per consentire alla Salernitana di essere aggressiva, senza concedergli però troppi spazi in contropiede e aspettando di prendere le misure. Se vogliamo una prima critica, la Fiorentina sembra che non regga il minimo, ovvero giocando a bassi giri, tende un po’ a spegnersi. Poi è arrivato il gol di Bonaventura e la partita è ovviamente cambiata. E’ cambiata soprattutto all’inizio della ripresa, quando la Fiorentina ha alzato il ritmo ed è arrivata al raddoppio.

E’ qui invece che la Fiorentina è andata fuori giri. Era evidente la volontà di chiuderla, ma i viola hanno iniziato ad attaccare in modo disunito, trovandosi spesso con 5/6 giocatori sopra palla, perdendosi nella rete di passaggini al limite dell’area di rigore e consentendo alla Salernitana di recuperare palla e partire pericolosamente in contropiede. In questa fase ho temuto molto il patatrac; fra l’altro Simy aveva trovato anche la rete, per fortuna in fuorigioco di mezzometro. Non ero soddisfatto. Non lo era sicuramente Italiano, che sbraitava e si sbracciava. L’ingresso di Sottil prima e di Maleh dopo e le urla di ITaliano hanno riportato però equilibrio e, poco dopo anche all’uno-due che ha chiuso la gara.

E così a suon di gol la Fiorentina di Italiano mi/ci ha fatto passare anche quei timori e dimenticare quelle imperfezioni tattiche che ancora la squadra ha. A suon di gol la Fiorentina sta facendo un filotto veramente importante al Franchi, che ci ha consentito appunto di arrivare al quinti posto. E a suon di gol un Valhovic inarrestabile sta guidando la classifica marcatori e attirando ormai l’attenzione di tutta Europa. Anche perché questo ragazzo non solo segna, ma da sempre il massimo, gioca molto con la squadra e per la squadra. Godiamocelo finché possiamo.

Sugli altri singoli, in generale tutti hanno meritato la sufficienza. Due parole sugli esterni alti. Callejon non ha giocato male; sicuramente ha intelligenza tattica e tecnica molto buone; però dalla sua parte sembra sempre che si vada un po’ con il freno tirato. Su Gonzalez, confermo che l’argentino va ancora a sprazi. Ieri è stato meno determinante, ma ha fatto comunque cose buone. Penso però che possa/debba fare meglio. Due parole su Bonaventura, che spesso diventa la soluzione per trasformare il giro palla in qualcosa di più incisivo. E vorrei chiudere con Maleh, che questa volta è entrato, dando una sua impronta alla gara, oltre alla soddisfazione del secondo gol personale con la viola.

E ora altre due gare consecutive al Franchi, prima la coppa Italia e poi il Sassuolo. La parola d’ordine rimane la stessa: piedi per terra, concentrazione, determinazione.

3 Commenti

  1. Parto anche io dalla prima mezz’ora, a me non è dispiaciuta quella Fiorentina, una Fiorentina attendista e paziente, sicura di sé, del fatto che prima o poi noi gol l’avremmo fatto.

    Mi è piaciuta molto meno dopo il 2-0, come dice Davide, a quel punto è subentrata l’ansia per volerla chiudere, per fare quel 3-0 definitivo. Abbiamo subito un gol per fortuna in fuorigioco, abbiamo subito un contropiede 3 contro 4 e almeno altre due occasioni dove Terracciano si è fatto trovare ben pronto.

    Forse la Fiorentina non sa girare al minimo ma dovrebbe imparare a girare almeno al medio, senza dover sempre schiacciare sull’accelleratore. L’accelleratore al massimo di concentrazione va bene, ma al massimo di gioco no. Dobbiamo imparare ad essere più attendisti e più concreti, forse più difensivisti, senza lasciarci andare ai doppi passi a centrocampo.

    Sui singoli da segnalare Bonaventura, Torreira, sempre più indispensabile e il solito Vlahovic.

  2. Dispiace dirlo, ma per Ribery la verità è proprio questa. Nessuna squadra di Serie A purtroppo può permetterselo. In altri tempi, con altri stipendi, mi sarebbe piaciuto vederlo entrare in campo gli ultimi 15/20 minuti, per vedere se veramente poteva ancora dire qualcosa.
    Alla fine penso che a Salerno sia una illusione che la proprietà ha voluto dare, sapendo probabilmente di ritrocedere prima ancora che si decida il cambio proprietà.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.