Partita pericolosa

La prossima partita sarà molto pericolosa, ci dirà se la Fiorentina di Italiano ha fatto davvero quel passo mentale in avanti che tutti si aspettano.

Troppe volte siamo caduti in casa contro l’ultima in classifica in partite che potevano proiettarci un pochino più su e invece si sono rivelate delle cocenti delusioni che ci hanno rispedito un pochino più giù. Con Prandelli, con Montella, con tutti gli allenatori dell’era DV troppe volte siamo arrivati pieni di euforia all’incontro con l’ultima in classifica e troppe volte è arrivata la frittata.

E’ proprio l’euforia che circonda l’ambiente il nemico più temibile della Fiorentina. Dopo Bologna tutti, e quando dico tutti intendo proprio tutti: giornalai, ex calciatori dal passato più o meno brillante, procuratori, addetti ai lavori, amici e amici degli amici stanno esaltando, incensando il lavoro di Italiano, di Commisso, di Barone e addirittura di Pradè.

Oggi è tutto speciale: la posizione in classifica, l’entusiasmo intorno alla squadra, le aspettative sul mercato di Gennaio, mezza Giuventus indagata e Ferrero in gabbia. Tutto speciale, tutto dalla parte nostra. E la prossima partita sarà con la Salernitana ultima in classifica, in crisi societaria, e dove gioca il nostro amico Ribery.

Per piacere Mister, squadra, tifosi: rimaniamo concentrati, evitiamo voli pindarici con la mente, teniamo nascosti i nostri sogni. Facciamo chiaccherare gli altri, tutti quelli che ci incensano oggi sono quelli che ci vogliono male, che ci hanno sputato addosso per anni.

La partita di sabato prossimo è pericolosissima, guai a chi si distrae.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.