Vince la Fiorentina giusta

A scanzo di equivoci, diciamo subito che sono molto soddisfatto di come sta andando questa stagione. E la vittoria di oggi è stato un altro bel tassello in questo percorso di crescita della Fiorentina. Dobbiamo tutti essere soddisfatti, guardando un attimo indietro e pensando a dove eravamo un anno fa, quando facevamo sempre fatica a fare un punto per arrivare a due. Però è bello e giusto guardare avanti. Anche perché oggi, alla 16-esima giornata, davanti a noi ci sono solo le 4 della champion. E sappiamo bene cosa abbiamo perso a Venezia, a Torino e soprattutto a Empoli. E se a Empoli c’era stata la beffa, anche oggi il risultato secondo me è bugiardo. Per fortuna alla fine vince la Fiorentina giusta, quella che gioca con determinazione, con giro palla che esaspera gli avversari, con un’idea di gioco aggressiva e il puntuale tentativo di trovare la giocata. E’ bene sottolineare questo, perché anche oggi è emersa invece in un paio di frangenti la Fiorentina non giusta. La Fiorentina che si perde un po’ nella gestione del pressing, lasciando voragini in mezzo al campo, consentendo agli avversari di puntare la difesa senza filtro. E’ successo nel gol del pareggio, con una palla persa a centrocampo. E’ successo soprattutto nell’azione del secondo gol bolognese, con una squadra nettamente sbilanciata e squilibrata. E in una partita che, nel modo di giocare, ha visto l’assoluto predonominio viola, si è dato al Bologna l’occasione per crederci. Italiano su questo deve lavorare. Questa squadra non può perdere la sua filosofia di gioco; però quando siamo in vantaggio e soprattutto nell’ultima parte della gara, bisogna imparare a mantenere maggiore concentrazione ed equilibrio. Penso siamo l’unica squadra che rischia di prendere imbarcate in vantaggio. E negli ultimi 15 minuti, se stiamo vincendo, dobbiamo imparare a giocare un po’ più compatti.

La Fiorentina esce comunque con i tre punti, meritati, molto importanti per la classifica. Interessante la formazione messa in campo da Italiano, con Sottil E Gonzalez titolari, con Maleh al posto di Catrovilli/Duncan. A me non è dispiaciuto Maleh. A parte il gol, piano piano è entrato nel vivo del gioco. Sottil per lunghi tratti, invece, mi è piaciuto poco: sempre sulla linea laterale, dando l’idea che non ci fosse campo disponibile per lui. Non so se era un po’ appagato come dice Simone nel suo Post, se magari era un po’ meno brillante. La mia sensazione è che quando gli spazi si intasano un po’ (e il Bologna ha giocato sempre nella propria tre-quarti) Sottil a sua volta si ingolfa. Grande esaltazione invece per la partita di Gonzalez. Innegabile che sia stato determinante per tutte le reti viola. Assist perfetto per Maleh, punizione procurata per la bellissima punizione di Biraghi. Pressing asfissiante sul portiere, costretto a fare fallo in area di rigore. Gioca ancora un po’ a sprazzi e secondo me ancora non è al livello delle prime gare. Ma se trova continuità può diventare veramente l’arma in più della Fiorentina. Su Torreira c’è poco da aggiungere, un giocatore sempre più importante per questa Fiorentina. Bene anche gli esterni bassi, con Biraghi che trova il gol della domenica e Odriozola pendolino, che si è giostrato molto bene con Gonzalez sulla fascia. Quarta e MIlenkovic a me sono piaciuti, anche se in alcuni situazioni forzano senza motivo l’entrata, creando punizioni sempre insidiose. Specialmente in una partita come ieri, in cui il Bologna non riusciva veramente ad arrivare alla nostra tre-quarti. Infine, non l’ho mai fatto, voglio sbilanciarmi un attimo sul portiere: fra i pali penso sia un po’ meglio Dragowski, anche se non in modo eclatante; ma Terracciano è veramente un giocatore di movimento aggiunto. E’ di fatto quasi sempre il risolutore del pressing alto degli avversari. Secondo me è fra i migliori in Italia in questo e, per il gioco di Italiano, è un valore aggiunto notevole. Le sue giocate sembrano semplici, dopo che le ha fatte, ma hanno spesso un livello alto in termini di criticità/importanza. Non sarà facile per Italiano farlo ritornare in panchina.

Da oggi più che mai, come dice Simone, occorre avere piedi per terra. La Fiorentina ha avuto già altre occasioni per staccarsi un minimo dalla concentrazione intorno all’ottavo posto. Ieri c’è riuscita, ma ovviamente non abbiamo fatto ancora niente. Ci sono invece partite con squadre con cui è possibile fare punti e con cui quindi non dobbiamo perdere la concentrazione e soprattutto perdere punti preziosi. Si entra forse in una fase che lo stesso Italiano non ha mai vissuto. E qui possiamo continuare a misurare anche le sue ambizioni, che automaticamente diventano quelle della Fiorentina.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.