Piedi per terra

Fiorentina, piedi per terra

Dopo la partita di contro il Bologna mi viene solo da pensare “piedi per terra” perché sarebbe troppo facile cominciare a sognare. Siamo quinti, forse in compagnia dei gobbi forse no, Maleh gioca titolare e fa gol, Biraghi inventa una punizione da favola, Gonzalez fa l’assist, crea la punizione e il rigore. Oltre a questo la Fiorentina è stata per lunghi tratti padrona del campo e praticamente mai in sofferenza.

Ci aggiungerei anche la constatazione che la Fiorentina si difende tutta insieme, è perfino emozionante notare tre, quattro maglie gialle, perché eravamo gialli, avventarsi sul portatore di palla avversario con grinta e determinazione.

Ma, come dicevo, bisogna rimanere con i piedi per terra e allora guardiamo a quello che non ha funzionato. Il primo a non aver funzionato, o funzionato meno degli altri è stato Sottil; sicuramente appagato dalla partita con la Samp, oggi ha lavorato a ritmo blando, senza tanto impegno e con l’atteggiamento diverso dagli altri compagni. E’ vero che è giovane, è vero che è estroso, ma non è vero che può permetterselo. Sottil riuscirà a diventare un giocatore forte quando non avrà più queste pause oppure quando, pur avendo le pause, riuscirà a decidere una partita ogni tre. Eppure è figlio di calciatore e quando giocava in primavera era il primo a combattere.

Un’altra cosa che non ha funzionato è la difesa, passi il secondo gol, quando ormai ce lo potevamo permettere e arrivato su autogol, ma il primo proprio non lo dovevamo prendere. L’ennesimo gol preso in una situazione di vantaggio con il centrocampista avversario che trova la nostra difesa messa fuori posto e ci infila con un passaggio in verticale. Almeno la metà dei gol la Fiorentina l’ha presi così. Perchè una volta in vantaggio non riusciamo a giocare un pochino più chiusi o un pochino più attenti?

1 Commento

  1. Sul prmo gol, il centrocampo era disunito e senza filtro (per una palla persa se non ricordo proprio dalla parte di Sottil).Svanberg ha avuto modo di guardare, di decidere, di fare il passaggio. Diciamo che poi è stato bravissimo a scodellare quel pallonetto, con la nostra difesa allineata ma mentre stava correndo all’indietro. E lo stesso Barrow ha trovato un gol non banale. Unica cosa, forse uno poteva uscire proprio su Svanberg, visto che erano in 5. Sicuramente qualcosa Italiano deve registrare. Però prima di tutto occorre trovare un modo per fare pressing senza lasciare il vuoto in mezzo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.