Per… Venuti!

per.venuti

Sono felice per il fiorentino Venuti, che con un piattone ha fatto il gol del 3-2, quello che ci ha dato la sicurezza che avremmo portato a casa il risultato, e sono felice perché siamo pervenuti a Napoli dopo che a Torino non ci eravamo riusciti.

Certo bisogna subito ammettere che fisicamente il Napoli non ci ha picchiato come aveva fatto il Torino, ci ha fatto giocare come noi abbiamo fatto giocare loro, poi bisogna ammettere che Saponara arriva con l’intelligenza dove non riesce con il fisico (questa è di per sé una grande notizia per chi ama il calcio giocato). D’ora in avanti, per piacere, prima di Callejon che giochi sempre Saponara.

Come ha detto Davide, abbiamo fatto tutto noi, nel bene e nel male.

Per prima cosa abbiamo avuto l’ennesima conferma che Dragowski non è adatto al gioco di Italiano perché è pessimo con i piedi e insicuro nelle uscite, chissà quanto sia adatto al calcio moderno visto che tutti gli allenatori preferiscono la partenza dal basso e la difesa alta. Già con la Roma alla prima aveva evidenziato questi problemi e tutte le volte che è sceso in campo li ha confermati. Teniamo fuori Dragowski e fuori Callejon per tutto il girone di ritorno.

Poi inizio a pensare che siamo un po’ corti a centrocampo, perché gli unici di cui mi fido sono: Bonaventura, Maleh, Castrovilli e Torreira. Eh si! Su Amrabat, credo che siamo tutti d’accordo, su Pulgar una buona parte, non credo che saremo d’accordo in tanti su Duncan. Per me il ghanese ha buoni colpi, è tecnicamente valido, ma ha troppe pause durante una partita, non è intelligente come dovrebbero essere i centrocampisti e, per quanto dotato di un fisico mostruoso, non ha la garra da giocatore. Preferisco Maleh, meno dotato (?) tecnicamente, meno dotato fisicamente, ma più intelligente e più giocatore completo, più responsabile.

Sui centrali… mah… Milenkovic giocherebbe in ogni squadra di serie A, gli altri non sono proprio dei fenomeni, ma per me sono tutti affidabili, semmai avrei qualche preoccupazione in più sugli esterni, ma dove li troviamo meglio dei nostri a Gennaio?

L’attacco e Vlahovic sono la nota più delicata, condivido in pieno l’atteggiamento di Barone e della società, meno piegato al giocatore rispetto a quello che successe con Chiesa (che potrebbero rimandarci a casa). Oggi la Fiorentina è una società sana, che investe, che ha un progetto, un futuro e sopratutto un presente interessante, se Vlahovic vuole rimanere che firmi, se vuole andare che vada, ma sia chiaro perché il suo atteggiamento non è né serio, né rispettoso.

Che piaccia o meno, Vlahovic è un asset della Fiorentina e come tale lo stanno trattando. Oggi la Fiorentina ha bisogno di Vlahovic quanto Vlahovic ha bisogno della Fiorentina, ma intanto la Fiorentina si è tutelata con un altro asset, abbastanza giovane e non proprio una scommessa, che ieri è entrato in campo con voglia ed ha timbrato il cartellino.

Se Vlahovic iniziasse a sparire dalle prime pagine, se gli toccasse giocare qualche partita da seduto, a quel punto l’equilibrio sui bisogni inizierebbe ad essere sbilanciato e Vlahovic, con tutta la truppa dei procuratori, comincerebbe ad avere molto bisogno della Fiorentina. Con ancora un anno di contratto davanti, chi si troverebbe nella posizione più indigesta?

2 Commenti

  1. Sicuramente con Piatek in panchina, per la società è più agevole tenere una linea precisa. E su questo sono stati davvero bravi a trovare la soluzione Piatek, MAI apparso sui giornali se non poche ore prima che si chiudesse. Ancora giovane, esperienza in serie A, potenzialità grandi e comunque con diritto e non obbligo di riscatto ad una cifra contenuta.
    E la società fa bene a far giocare lui, facendo capire piano piano che può far giocare l’altro (e non Kokorin). Non capisco però bene la politica mediatica, ovvero qual è il vantaggio vero che ci si aspetta per la Fiorentina a fare certe dichiarazioni.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.