In casa tutto bene

A Napoli la Fiorentina aveva ampiamente dimostrato che la batosta di Torino era stata un brutto incidente di percorso. Italiano però chiedeva di ritornare subito a vincere anche in campionato. E sopratutto farlo al Franchi, dove la Fiorentina aveva raccolto già sei vittorie. Con il Genoa finisce con un dilagante 6 a 0. Non c’è stata partita, c’è stata praticamente solo la Fiorentina. Hanno segnato anche stasera entrambi i terzini come a Napoli, Odroziola e Biraghi addirittura con una bellissima doppietta su calcio piazzato. E Vlahovic, dopo aver sprecato il rigore con cucchiaio non riuscito, ha trovato rete e prima posizione in classifica cannonieri con un altro bellissimo gol. Insomma, in casa tutto bene. Certo la squadra ligure è sembrata veramente allo sbando. Però la Fiorentina per 90 minuti ha macinato gioco, ha corso, ha pressato, ha creato tante occasioni, ha segnato con difensori, centrocampisti e attaccanti. Vale la pena quindi fare un ennesimo plauso a Italiano, senza andare a cercare migliori e peggiori in campo. Giusto fare i complimenti a questa squadra. Li hanno fattti anche i commentatori Sky. Però non è certo il momento di cullarsi sugli allori. In casa tutto bene vuole per questo richiamare il film e la serie Sky di Muccino. Non dobbiamo vedere solo la facciata. Non dobbiamo dimenticare i nostri problemi. Lo stesso Marocchi attende nuove sfide dove i viola ritroveranno squadre aggressive, altamente agonistiche e cattive come il Torino o il Verona. E poi c’è la vicenda Vlahovic. Stasera addirittura girava la voce, ad un paio d’ore dalla partita, che il serbo partiva dalla panchina. E l’errore dal dischetto aveva creato qualche tensione anche con Italiano. Per fortuna Vlahovic, oltre a segnare, mostra maturità, essendo disposto anche a fare un passo indietro e chiedere scusa pubblicamente, come ha fatto stasera.

In casa tutto bene. Ora è arrivato il momento, però, di trovare la vera Fiorentina anche in trasferta, a partire da domenica nel campo del Cagliari, storicamente sempre abbastanza ostico per noi.

2 Commenti

  1. Ho sentito anche io l’affermazione di Marocchi del tipo: se una squadra prova a giocare a calcio contro la Fiorentina rischia la figuraccia. Per vincere contro di noi servono squadre molto aggressive, molto fisiche, che giocano a rugby più che a calcio.
    Questa constatazione, se da una parte può inorgoglirci perché ci fa sentire degli aristocratici del calcio giocato, dall’altra non è certo positiva, perché le idee di Marocchi non sono idee ma fatti, e tutti gli allenatori che ci incontreranno da qui in avanti sapranno come giocarsela con noi.
    Sicuramente dipenderà anche da Italiano e da chi vorrà schierare in campo contro le squadre molto fisiche e molto grintose, perché qualcuno dei nostri non è proprio adatto a giocare contro le squadre di Juric o simili.

    Sulla partita c’è poco da dire perché abbiamo incontrato una squadra che al momento non è una squadra. Le situazioni che mi hanno più colpito sono state: le scuse di Vlahovic dopo il rigore sbagliato che hanno confermato il bel rapporto che c’è tra lui e la tifoseria; e il cross di Jarko sul sesto gol di Torreira.

    Infine sono contento per il primo gol di Odriozola e la doppietta di Biraghi su punizione.

  2. Sono contento anche io per Odriozola e Biraghi. Il primo sta facendo un buon campionato, sta crescendo e ha margini di crescita importanti. Biraghi è questo, secondo me un buon terzino, con un ottimo piede, una buona spinta e qualche distrazione sulla parte difensiva. E non è immediato trovare di meglio.

    Su come affrontare la Fiorentina, non basta ovviamente arrivare e picchiare. Torino e Verona sono due squadre aggressive, cattive, ma con una idea precisa di gioco e possono far male a tanti se in giornata ottimale. La Fiorentina ha le armi per fronteggiarle e non a caso è avanti in classifica. Importante è avere in campo mentalità e uomini giusti.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.