Dalle stelle a Biraghi

Premetto subito che non ce l’ho con Biraghi. Mi piaceva il titolo perché di Biraghi si è parlato molto in questi giorni. Il senso è che dobbiamo aver sempre presente chi siamo e cosa dobbiamo fare per vincere le partite. Su Biraghi ho già detto in altre occasioni che è un buon terzino che per ora ci teniamo stretto, perché ha un ottimo piede, garantisce buona spinta, anche se ha lacune difensive. Insomma non è Roberto Carlos e spero se lo ricordi anche lui. E se ci siamo potuti permettere di sbagliare un rigore in casa contro un Genoa inerme, l’errore di BIraghi oggi alla fine ci è costato caro. E alla fine, lo stesso Italiano ha deciso di tenersi stretto questo punto. Dobbiamo anche prendere coscienza che aver preso Piatek non significa che può andare via subito Vlahovic senza aver ripercussioni nei risultati sul campo. E non tanto (o solo) per i gol, quanto per il gioco di squadra che ormai Vlahovic ha nelle sue corde. Un gioco che il serbo ha imparato con Prandelli e che sta perfenzionando con ITaliano. Spalle alla porta, lotta continua con i difensori centrali, gioco di sponda in mezzo al campo e poi puntare l’area. Lo stesso Ikoné ancora non ha i meccanismi che chiede Italiano. Oggi c’è stato anche un centrocampo un po’ più slegato, Torreira e Bonanventura non lucidi come invece è accaduto al solito. Insomma, quando saltano alcuni di questi tassellli la Fiorentina subisce gli avversari, specialmente quelli aggressivi come è stato il Cagliari, specialmente se in trasferta. Poi ci si è messo un arbitro a livello di prima categoria. Sempre sensibile ai boati del pubblico, sempre pronto ad avere due pesi e due misure sugli interventi, proprio in virtù dei boati che si creano. E poi un rigore ed una espulsione davvero inspiegabili.

HO visto in crescita Gonzalez e sono contento per il gol di Sottil. Ho visto invece Igor in costante difficoltà contro Joao Pedro. Spero possa rientrare presto Quarta. Per essere sincero, a me non era dispiaciuto Castrovilli nel primo tempo… però Maleh è entrato bene ed è suo l’intelligente assist per Sottil nel pareggio.

La pausa arriva al momento giusto. Dobbiamo risolvere il problema Vlahocic, dobbiamo recuperare alcuni fermati dal COVID. Dobbiamo inserire meglio i nuovi arrivati. Dobbiamo far respirare alcuni giocatori che stanno veramente facendo gli straordinati. E alla ripresa c’è la Lazio di Sarri, a cui dovremmo andare a prendere i punti persi a Roma.

2 Commenti

  1. Dico subito che la cosa che più mi fa inc. è che il rigore lo doveva battere Piatek, nel Genoa li batteva, nel Milan li batteva, perché non può batterli a Firenze? Gli davi la possibilità di segnare subito e invece Italiano ha avuto il braccino del tennista.
    Lo stesso braccino che ha avuto Biraghi, che ha voluto fare il figo provando a spiazzare il portiere per poi tirare centrale, più o meno l’errore di Vlahovic contro il Genoa.

    Purtoppo o per fortuna (se Italiano è sveglio), il Cagliari ci ha confermato che c’è un modo per fermare la Fiorentina: marcare a uomo le due mezzale e grande aggressività a centrocampo. A quel punto chi non ha più il fisico per reggere tale aggressività sparisce (Bonaventura) e la partita si incanala sul binario peggiore per noi.
    In certe partite le due mezzali devono essere Maleh e Castrovilli (che dovrebbe essere uscito per problemi fisici), eventualmente Duncan, più fifone di Bonaventura, ma con più forza fisica.

    Detto questo io non ho visto una brutta Fiorentina, né un brutto Piatek, più o meno quello che ha fatto Vlahovic con Venezia, Verona e Torino, così come non ho visto un brutto Ikoné, non l’ho visto così leggero nei contrasti.

    Ho visto un po’ peggio la difesa, effettivamente un Igor un pochino in affanno, ma anche Milenkovic non proprio esaltante, alla fine gli unici pericoli ce li ha create Joao Pedro, non lo potevamo marcarlo a uomo anche noi? E sopratutto, perchè era stato scelto Odriozola per marcarlo durante i calci d’angolo? Se permettete questo è un grave errore tecnico della nostra panchina.

    Chiaramente queste sono tutte chiacchere che non avremmo fatto se fosse entrato il rigore, sull’1-0 per noi avremmo giocato sul velluto, con qualche spazio in più, e quasi certamente avremmo portato a casa i tre punti.

    A questo punto della stagione la Fiorentina deve decidersi, siamo carne o pesce? Siamo destinati ad essere la squadra che gioca meglio della serie A, la più bella da vedere, ma che poi inciampa sulle bucce di banana oppure vogliamo diventare una squadra che va ad imporre il proprio gioco e comincia a diventare anche vincente?

  2. Sono d’accordo che non è stata una brutta Fiorentina. Ci siamo un po’ disuniti dopo il rigore e a volte abbiamo dormito un po’ dietro, perché alla fine arrivavano con lanci lunghi. E le prove di Piatek e Ikoné non sono state negative, ma si vede che ancora sono poco legati all’organico. Basta vedere come faceva il pressing Ikoné, che lo faceva, ma andando spesso al posto di Piatek, lasciando libera la fascia. In una partita come ieri, intelligenza tattica e la tecnica di Saponara potevano essere un’arma in più. E comunque anche dopo 1 a 1 abbiamo attaccato noi e potevamo anche chiuderla. Se non eravamo in inferiorità numerica secondo me potevamo comunque vincere.
    Nel primo tempo, nonostante il gioco a uomo del Cagliari, in area ci arrivavmo spesso e bene. Ovviamente se facciamo il rigore, la partita si metteva sicuramente in discesa… Non per questo però dico che non doveva tirare Biraghi. S’era presa la responsabilità che si era scaricato Vlahovic sempre contro il Cagliari a Firenze. Aveva segnato, ha dimostrato di saper calciare. Detto questo ha avuto il braccino e comunque c’è anche una piccola dose di sfortuna perché quasi sempre questi rigori centrali sono gol. Bonaventura è un po’ affaticato… è il giocatore più usato da Italiano, ci sarà un motivo. Spero che dopo la pausa ritorni quello che conosciamo.
    A questo punto della stagione direi comuqnue che siamo una squadra. Siamo settimi con una partita da recuperare (e possibilità quindi di andare sesti). Siamo secondo me nella posizione massima che possiamo ambire quest’anno. Non per questo è banale restarci, specialmente se non troviamo continuità anche nelle gare fuori casa, perché le squadre più abbordabili nel girone di ritorno le abbiamo proprio lontanodal Franchi.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.