Logo, si cambia

Ci abbiamo giocato anche noi con i simboli della Fiorentina, con lo scudo e il giglio, per dare forma al nostro logo. E visto che quello della Fiorentina lo hanno da poco cambiato mi sono andato a guardare i vecchi loghi per vedere come si sono evoluti nel corso del tempo. C’è sempre stato, noto, il tentativo di unire la ricerca della novità con il richiamo al passato. Si parte dal primo, quello del 27 con il solo giglio rosso, austero ed elegante come si usava allora, poi quello del 51 con la prima comparsa dello scudo e un pesante restyling del giglio, forse a significare che tanti anni erano passati e tante cose era cambiate. Nel 63 lo scudetto si evolve e il giglio ci finisce dentro. Quello più strano è del 67, sempre con scudo e giglio ma bombato, forse a riflettere l’abbondanza dei mitici anni 60. In quello successivo, siamo nei 70, le linee ritornano più sobri, lo scudo si assottiglia, a richiamare inconsciamente l’austerità del periodo. Cambiano anche i colori, il viola nel 74 e il violetto nel 77. Grande sorpresa nell’81, il simbolo cambia, totalmente, rotondo con l’alabarda rossa, forse eccessivo come le spalline e i capelli degli anni 80. Nel 91 si torna allo scudo, si aggiunge un’altra tonalità di lilla tanto per cambiare. Arrivano gli anni 2000, ripensamento, si torna al passato, al giglio semplice ed elegante del 1927, chissà forse per espiare sensi di colpa per i troppi cambiamenti dell’ultimo periodo (che non abbiano portato fortuna alla squadra?). Il ripensamento però dura poco, siamo nel 2003 si cambia di nuovo, e’ l’anno del fallimento e della rifondazione dell’AcF Fiorentina, c’è tanta voglia di rinnovamento e anche il logo deve seguire il nuovo corso, perciò si torna allo scudo. Da allora sono passati quasi vent’anni, un cambiamento ci stava bene visto che il logo si è evoluto nel corso degli anni seguendo sia i destini della squadra sia la sensibilità estetica del momento. Come sempre c’è un richiamo al passato con il giglio anni 50 che sembra fatto apposta per i nostri giorni, tre colori rosso, bianco e viola che saltano all’occhio, linee semplici, essenziali, quindi moderne come i mobili delle nostre case. Il tutto mi da l’idea di efficienza e solidità, magari voleva essere proprio questo l’intento e l’auspicio per il gioco e la squadra. Ma su questo, non capendo nulla di calcio, passo la parola ai miei amici Davide e Simone.

7 Commenti

  1. Grazie Maurizio per questa analisi, semplice, leggera e profonda… che richiama certamente le doti dello scrittore 🙂
    Alla fine è importante ricordare che l’invariante è il rosso di Firenze, il viola della Fiorentina e il giglio che caratterizza entrambi.
    E penso si possa confermare che l’idea di calcio che vuole portare questa società è proprio quella di soliditù, di efficienza e ci aggiungerei anche di estetica, perché le cose possono piacere o non piacere, ma è evidente la ricerca della qualità.

  2. Secondo me sta bene dove dici ed il primo è il più indicato, perché c’è anche il messaggio che quindi rilanciamo dal nostro blog.
    Mi piacerebbe trovare come dicevo un posto anche per il nostro logo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.