Vittoria giusta!

A fine partita insieme alla soddisfazione del risultato era presente anche l’adrenalina da episodi di campo, sia per le due o tre occasioni fallite in ripartenza, in particolare l’ultima di Sottil, sia per gli episodi arbitrali. Immaginavo che l’Empoli avrebbe alzato i toni, si capiva da atteggiamento di Corsi in tribuna e proteste a fine partita. Speravo che la Fiorentina non stesse zitta e i tifosi comunque fossero chiaramente schierati. La società, rispettando il suo stile, non ha alzato i toni. Negli interventi alla radio ho sentito molti tifosi quasi “allineati” alla posizione dell’Empoli. Mi preme allora dire prima di tutto che questa è una vittoria giusta! Giusta nel risultato, perché la Fiorentina ha giocato meglio, ha creato molto di più dell’Empoli, praticamente mai pericoloso. E sicuramente non viziata dalle decisioni arbitrali. Nel primo tempo Bandinelli, Henderson e anche Cacace sono ricorsi sistematicamente al fallo, in alcune occasioni l’arbitro ha lasciato addirittura correre. Avrebbero meritato in più occasioni il giallo. Alla fine lo ha dato a Luperto vedendo una trattenuta su Cabral. Probabilmente non ci stava. Ma questo è unico torto, se così si può dire, che ha subito l’Empoli e considerando le ammonizioni mancanti gli era andata anche bene. Perché sul gol annullato il fallo è evidente. E invece di dire che nessuno aveva protestato, sarebbe meglio chiedersi come aveva fatto l’arbitro a non vederlo. Il secondo giallo a Luperto è ineccepibile, fra l’altro arrivato pochi minuti dopo ad un giallo a Torreira al suo primo fallo, in un intervento a centrocambo neppure pericoloso. E che costa il Napoli al nostro centrocampista. Poi c’è l’ultima protesta… i 5 secondi finali non fatti giocare, ovvero un fallo laterale a centrocampo non fatto battere. Ho cercato quasi sempre di evitare di concentrare il post sull’arbitraggio. Lo faccio oggi perché abbiamo vinto e lo abbiamo fatto con pieno merito e mi sembra ci sia una certa soddisfazione a dare i viola per “graziati”.

Detto questo, nella vittoria giusta, ci sono sicuramente elementi da sottolineare, non tutti positivi. Prima di tutto rimane la leggerezza e la poca cattiveria sottoporta. E la troviamo un po’ in tutti, Saponara, Castrovilli, Sottil e lo stesso Gonzalez. Sono arrivati tutti alla conclusione, dentro o al limite dell’area di rigore e sono venuti fuori o tirini dolci o non si è preso la porta. Anche oggi siamo arrivati spesso e bene in zona pericolosa, ma dobbiamo veramente svoltare in termini di concretezza e cattiveria. Positivo comunque il ritorno al gol di Nico Gonzalez, da punta vera. Si è fatta sentire un po’ la mancanza di Odriozola, perché Venuti è sempre un po’ scontato quando arriva vicino all’area di rigore. Mi è piaciuta invece la linea difensiva, in particolare la coppia centrale. MI è piaciuta la prova di Castrovilli di sostanza e anche di Duncan, mentre Torreira meno brillante del solito. Non mi è dispiaciuta alla fine la prova di Cabral. Aveva trovato anche la rete, annullata per fuorigioco di Saponara. E’ più vicino di PIatek all’idea di centravanti di Italiano.

Una vittoria giusta che ci fa rimanere al posto giusto in classifica, ovvero li, a ridosso della zona uefa, con una partita in meno. Delle 4, siamo probabilmente quelli con la rosa peggiore, soprattutto quella che ha perso l’attaccante da doppia cifra, ma penso con l’idea di gioco più chiara e lineare. Ci sono, secondo me, ancora margini di crescita in alcuni interpreti e comunque il dovere e il piacere di andarcele a giocare tutte.

3 Commenti

  1. Concordo pienamente questa analisi della partita. Abbiamo meritato la vittoria. In questa fase finale del campionato Abbiamo costruito una coppia di centrali difensivi molto forte ed abbiamo confermato la ns. identità’ di gioco!

  2. Vittoria (sportivamente) giusta, perché la Fiorentina ha sovrastato l’Empoli a tutto campo, nel gioco e nelle occasioni. Però…

    Però diciamo che a questo giro ci è andata bene come altre volte ci era andata male. Il fallo su Terracciano c’è, ma la prima ammonizione di Luperlo no e quindi non c’è l’espulsione. E’ anche vero che l’arbitro ha ripetutamente graziato gli empolesi nel primo tempo permettento degli atteggiamenti veramente irritanti.

    Mi sono piaciuti Castrovilli, Cabral, a tratti anche Duncan (tanti mezzi sfruttati male). Ma la Fiorentina sembra sempre un cantiere aperto, che gioca bene al 90% e poi, in quel 10% che gioca male, combina inevitabili frittate che decidono le partite. Manca cattiveria, manca esperienza, manca lucidità, manca il tempo. 🙂

    Manca il tempo perché le giornate alla fine sono poche e quello che chiediamo sono caratteristiche che si sviluppano solo con il tempo.

    • Non sono d’accordo sul ragionamento: la prima ammonizione non c’era quindi non c’era espulsione. Se la prima ammonizione non era giusta, questo non può considerare Luperto libero di stendere un giocatore che ti punta per andare in porta. Era capitato a Biraghi con il Sassuolo, capita mille volte nel calcio. E’ il motivo per cui la gestione dei “primi” cartellini è una delle cose più delicate e spesso ingiuste del calcio. Se l’Empoli avesse chiuso primo tempo con zero cartellini la Fiorentina sarebbe stata sicuramente penalizzata. L’espulsione è ingiusta se il secondo cartellino è ingiusto, cosa fra l’altro paradossalmente non può intervenire neppure il VAR.

      Riguardo al lato tecnico, il tempo che la Fiorentina si è presa è questo campionato. Sappiamo che tutto quello che viene oltre ottavo posto è qualcosa di guadagnato. Questo è l’anno delle fondamenta, per capire anche il valore vero di alcuni giocatori. E comunque abbiamo visto giocatori cambiare anche nel giro di 3/4 partite, quindi c’è ancora tempo per aspettarsi un ulteriore passo avanti del livello tecnico di questa squadra, in particolare da Ikoné, Cabral, Castrovilli e lo stesso Gonzalez, che secondo me può essere ancora più determinante.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.