Buon punto…

Non ho avuto modo di vedere tutta la partita, però è evidente che la Fiorentina ha dimostrato per l’ennesima volta che può giocare alla pari anche con le squadre di vertice di questo campionato. Con un po’ di fortuna avremmo potuto fare bottino pieno. Purtroppo la palla del ko è capitata di nuovo sul destro di Ikoné, che è riuscito però solo a trovare il corpo di Handanovic. C’è da dire che poco prima poteva segnare l’Inter e non perdere queste partite è comunque un segnale importante. E’ quindi un buon punto per la Fiorentina, che smuove la classifica e da fiducia. Fa capire che, alla fine, la Fiorentina è a buon punto del suo percorso di crescita e i giochi europei sono ancora aperti. E’ purtroppo un buon punto anche per gli avversari diretti di Fiorentina e Inter, ma su questo ci possiamo fare poco.

Sono contento e confermo per quello che ho visto della buona prova di Igor e Castrovilli, che forse sta ritrovando davvero continuità. Mi aspettavo e quindi capisco la prova sottotono di Piatek. Giocare spalle alla porta e lontano dall’area di rigore con Skriniar sempre aggrappato alle calcagne (e non solo) non è facile. Sopratutto non è la qualità migliore di Piatek, ma è quello che Italiano chiede ai suoi centravanti. Penso sia chiaro a tutti noi e penso lo sia anche al campionato che con Vlahovic ancora a Firenze potevamo avere qualche punto in più… e la Juve qualche punto in meno. E la classifica generale avrebbe un altro aspetto. Questo per dire che ci sono cose giuste da fare, ma che non possiamo chiedere miracoli nel giro di poche settimane. Detto questo io sono contento di PIatek e alla fine il polacco non è il problema principale per la penuria realizzativa di questo periodo. Ieri sia Gonzalez, sia Ikoné hanno avuto la possibilità più volte di arrivare nell’1contro 1. Lo zero gol nel loro tabellino ovviamente pesa. CI ha pensato ancora una volta Torreira, uno dei pilastri su cui veramente continuare a costruire il progetto Italiano.

Dobbiamo prenderci però con soddisfazione questo buon punto, come la prestazione della squadra. Per interpretazione della gara, per il gioco espresso avremmo meritato la vittoria. Ci sono ancora un po’ di problemi, tipo atteggiamento avuto nel gol del pareggio dell’Inter. Un’azione lenta, con difesa piazzata, con un cross molto leggibile. Su Duncan ha ragione Simone. E’ un giocatore che ha qualità e lo ha dimostrato anche ieri, sia tecniche che fisiche, ma ha amnesie calcistiche che una mezzala come lui non può permettersi. Una nota anche su Terracciano, che con calma, sicurezza, ottima gestione della palla con i piedi e un sorriso per tutti ha prepotentemente conquistato il posto da titolare. Non sarà banale fare la scelta per il prossimo anno. Terracciano può tornare a fare un ottimo secondo, solo se la Fiorentina riesce a trovare un ottimo primo.

Adesso c’è la pausa. E’ importantissimo ripartire fra due settimane con la massima concentrazione. La Fiorentina ha dimostrato infatti di potersele giocare tutte, ma anche di essere a volte causa dei propri mali e non è certo bello dover piangere se stessi.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.