Vinta a forza

La Fiorentina oggi pomeriggio ha preso tre punti in una gara molto insidiosa. Il Bologna, un po’ in difficoltà, un po’ per chiara inferiorità, è venuto a Firenze a fare una partita d’ostruzione. Perdite di tempo, falli sistematici. Lanci lunghi. Fatto sta che nel primo tempo il Bologna ha preso una traversa ed un palo, mentre la Fiorentina ha fatto molta fatica ad essere pericolosa, anche se costantemente ai limiti dell’area di rigore avversaria. La manovra non era fluida. Al centro era tutto bloccato e PIatek non si è quasi mai visto. E sulle fasce benino a destra con Odriozola e Gonzalez e qualche piccolo aiuto di Bonaventura. A sinistra quasi niente, con ancora Sottil sottotono e un Biraghi che forse sta pagando il fatto di averle giocate tutte. Tutto il centrocampo è stato abbastanza ingabbiato nelle marcature a uomo di Mihailovic. Unico a scompigliare un po’ le carte è stato Gonzalez, che in modo ostinato ha cercato forse più il fallo che vere e proprie azioni pericolose. Diversi giocatori bolognesi sono caduti nella ragnatela di Nico e sicuramente la doppia ammonizione ed espulsione di Bonifazi è stata la svolta della gara.

Ma non è stata una passaggiata per la Fiorentina. Nella ripresa la pressione dei viola è stata costante, con grosso lavoro ai fianchi, ovvero sulle fasce. La Fiorentina voleva questa vittoria, mettendo molta foga nelle giocate, specialmente al limite dei 16 metri. Ci sono state diverse azioni quasi rugbistiche. Mancava un po’ di lucidità. Unico ad averla è stato alla fine Torreira, sia nel far girare sempre bene la palla, sia cercando anche la soluzione dalla distanza, con palo interno clamoroso. E infine spingendo oltre la riga la palla, come se davvero fosse ovale. Con la voglia, con la rabbia e soprattutto con Torreira, la Fiorentina l’ha vinta di forza.

Dopo il gol ci sono stati anche 5 minuti di sbandamento, riconcedendo molto campo al Bologna. Poi per fortuna, la Fiorentina ha ripreso le misure, non rischiando molto, ma neppure riuscendo a mettere definitivamente in cassaforte il risultato. Non ci sono state grandi prestazioni oggi, a parte Torreira. Direi anche Nico Gonzalez, anche se come dicevo sopra sembra ancora che giochi contro gli avversari, piuttosto che con la Fiorentina. Anche oggi avrebbe avuto occasione per segnare, ma non c’è riuscito. Gonzalez rimane ancora, secondo me, un potenziale asso nella manica. Dietro forse meglio Igor di Milenkovic. Odriozola non brillante come al solito. E purtroppo Ikoné non è entrato bene. Essendo il Bologna così basso, mi aspettavo forse Saponara, in grado di giocare con più qualità e più intelligenza a difesa schierata e con ritmi non alti. Deluso invece da come è entrato Cabral, probabilmente il suo ingresso peggiore da quando è arrivato.

Era comunque importante vincere e la Fiorentina questi tre punti l’ha portati a casa. Siamo sempre li, fra la quinta posizione e il nostro ottavo posto ballano 2 punti. Oggi non me la sento proprio di storgere la bocca per la prestazione non eccellente. La Roma ha aggiunto 3 punti alla sua classifica segnando, per due gare consecutive, su rigore oltre il 90°. Oggi anche dubbio. Con Spezia e Udinese. L’Atalanta, al di la delle campagna da vittima di Gasperini, pareggia in casa con il Genoa, rischiando anche di perderla. Conta solo vincere, conta fare punti… insegna la Juve che anche ieri ha vinto senza tirare in porta.

1 Commento

  1. Vincere senza tirare in porta a noi non riuscirà mai, perché noi giochiamo sempre per attaccare, ahimè.

    Giocare contro di noi è ormai abbastanza semplice, o riescono ad aggredirci e picchiarci a tutto campo, ma questo lo fanno in pochissimi, oppure si rannicchiano di difesa e se la giocano catenaccio e contropiede, tanto noi 2/3 belle occasioni a partita le concediamo sempre.

    Anche ieri solito copione: due occasioni per loro che per fortuna si sono fermate sulla traversa e sul palo, quindi espulsione e partita che ha iniziato a girare dalla nostra parte. Inutile poi si dica che il centravanti non fa gol, le ali non fanno gol, le mezzeali nemmeno, ecc. ecc. Fino a che continueremo a giocare sul filo del rasoio avremo risultati altalenanti e tendenti all’insoddisfazione. Da qui in avanti conteranno solo i punti e i punti si fanno solo badando al sodo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.