Contentino

In questa settimana la Fiorentina ha affrontato tre vere battaglie calcistiche, dimostrandosi spesso superiore o, quanto meno non inferiore, all’avversario, ma ne esce con il solo punto di oggi, un contentino. Certo fa rabbia in questo momento il duale della Juve, che con tre prestazioni mediocri, sempre in affanno, sia riuscita a portare a casa il bottino pieno. E’ sicuramente su questo che dobbiamo crescere, nel saper capitalizzare le occasioni e il gioco e soprattutto evitare le distrazioni fatali. Oggi eravamo riusciti a sbloccare la gara, addirittura con un contropiede, cosa molto rara specialmente al Franchi. Bravissimo Terracciano a vedere Ikoné con tanto campo libero e a pescarlo con precisione. Bravo Ikoné a crederci, ma bravo soprattutto Piatek, che sul rimpallo riesce a stoppare e girare in mezza rovesciata. Purtroppo questa è stata l’unica nota positiva di Ikoné, oggi molto spaesato, forse un po’ stanco, forse un po’ acciaccato. Anche Piatek ha sofferto molto nel resto della gara la marcatura di Gunter, anche se nella ripresa ha avuto un paio di guizzi in area. E purtroppo c’è stata l’ennesima disattenzione in difesa. Questa volta Milenkovic, che su una palla lenta e innocua è stato a sua volta lento di testa e di gamba, causando il rigore del pareggio. E’ stato un vero peccato, perché anche se il Verona mette tantissimo ritmo, pressione, forza fisica e tutto sommato anche qualità nelle giocate in avanti, non ha un potenziale offensivo irresistibile. Potevamo quindi contenere l’assalto del primo tempo, sapendo che sarebbe andato a calare.

Lo sapeva sanche Italiano. Non ha voluto infatti buttare subito nella mischia Sottil, che può patire la partita fisica, mentre è stato più efficace nella ripresa quando si sono allargati gli spazi. Forse si aspettava qualcosa di più da Ikoné e Saponara, entrambi però un po’ a corto di fiato ed idee. Si aspettatva di più soprattutto da Maleh, che invece si è un po’ perso nella battaglia a centrocampo. Sicuramente meglio nella ripresa Duncan. A me non è dispiaciuto neppure Castrovilli. Il nostro 10 sta ritrovando le sue progressioni, le sue giocate. Deve però imparare a diversificare la finalizzazione, perché quasi sempre tende a chiudere in solitaria. Su questo è un maestro Cuadrado, che una volta che ha preso il tempo agli avversari varia sempre la scelta finale. Oltre a quella di Gonzalez, si è fatta sentire la mancanza di Odriozola in una partita fisica come questa. Siamo tutti attaccati a Lollo Venuti, ma la differenza con lo spagnolo è molta. Lo sarebbe anche con un terzino come Faraoni: peccato che due anni fa non si sia conclusa la trattativa con i viola. Nonostante la spiegazione del mister, non è stata molto convincente la mossa di Gonzalez punta centrale. Anche perché si sapeva che doveva fare sportellate sulle palle alte e con le spalle alla porta.

Nonostante sia stata una partita difficile, nonostante le difficoltà del primo tempo, nella ripresa la Fiorentina ha praticamente preso in mano la gara e messo nella propria metà campo il Verona. Ed è riuscita a creare alcune situazioni veramente pericolose. E’ mancata ancora però la cattiveria per buttarla dentro. In questa squadra il centravanti continua a segnare, ma gli altri continuano a farlo molto poco. Una buona notizia la prima, un problema che sta iniziando a mettere a rischio le ambizioni europee della Fiorentina la seconda. Il campionato della Fiorentina continua ad essere positivo e al momento sopra quelle che potevano essere le aspettative di inizio anno. Ma se alla fine all’Europa ci arriviamo vicino, a questo punto sarebbe anche questo un contentino.

3 Commenti

  1. Concordo con l’analisi, la Fiorentina non è squadra perfetta né completa, un pizzico di fortuna in piu non guasterebbe, guardiamo comunque avanti con fiducia.

    • Riprendo il commento di banAle per dire in effetti che in queste parite siamo stati un po’ sfortunati… anche nella gestione arbitrale. Interpretazione della gara, soprattutto a Sassuolo e ieri, non è stata lineare, con accanimento specifico verso alcuni giocatori, fra cui Castrovilli e Gonzalez. Speriamo sia solo un caso.

  2. Ho visto poca partita e alla fine del primo tempo ho deciso di smettare data la prova praticamente nulla di Ikonè. Si può migliorare tecnicamente, fisicamente, tatticamente, ma se uno ha paura, ha paura. E Ikonè ha paura delle pedate. Così come Saponara.

    Alla fine possiamo recriminare ben poco, potevamo raddoppiare nel secondo tempo ma loro hanno avuto ben due occasioni per raddoppiare prima di noi nel primo.

    Quindi i disorsi sono sempre i soliti: concediamo troppo agli avversari.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.