Speriamo bene

Dopo la fine del ritiro a Moena, dopo le prime partite amichevoli, dopo la prima tranche di calcio mercato l’esclamazione, o forse sarebbe più moderno dire il meme, che meglio descrive il nostro stato d’animo sulla Fiorentina è: speriamo bene.

“speriamo bene” perché Commisso, in questa sessione di calcio mercato, ha ulteriormente dimostrato che non è venuto a Firenze per vivacchiare. Mancava un portiere e un portiere (di personalità) è arrivato. E’ andato via Torreira, forse anche per problemi con l’allenatore, ed è stato (mi dicono degnamente) sostituito da Mandragora. E’ andato via Odriozola ed è stato sostituito, tutti dicono al meglio, con Dodò. Non è stato riscattato Piatek, direi giustamente vista l’età, il prezzo e il rendimento; ed è arrivato Luka Jovic, che io non conoscevo, ma la cui maglia con il numero 7 è già la più venduta.

“speriamo bene” perché Joe Barone, alla presentazione proprio di Jovic, ha tenuto particolarmente a ringraziare Fali Ramadani, che è il procuratore di Milenkovic, che è il nostro giocatore più forte, che è a tutti gli effetti insostituibile. Inutile fare un passo avanti se poi bisogna sempre farne uno indietro. Quale messaggio arriverà in caso di cessione di Milenkovic a tutti noi tifosi, alla squadra, ad Italiano, anche lui assistito da Fali Ramadani? Che il calcio è ormai solo apparenza, un enorme circo itinerante, che incide sul PIL mondiale e come tale deve andare avanti.

“speriamo bene” perchè il gioco di Italiano è una specie di gioco industriale, nel senso che tutti i ruoli sono definiti da regole precisissime dove il calciatore si deve adattare a fare quei movimenti e quelle giocate definite dallo schema. Le amichevole viste fin qui hanno dimostrato che il gioco è sempre quello, forse l’anno prossimo sarà assimilato meglio, ma al momento anche le squadre di serie C sono in grado di approfittare della nostra innaturale propensione all’attacco. Mi chiedo se Baggio troverebbe posto nello schema di Italiano.

“speriamo bene” perchè ancora il centravanti non l’abbiamo trovato, Jovic ha dimostrato solo di essere parecchio appesantito e Cabral di avere qualche carenza tecnica importante. “speriamo bene” perché Ikoné continua a incantare con fantastiche movenze da ballerino, con fantasmagorici dribbling, ma con la concretezza dei fuochi fatui. Sinceramente vorrei chiedere ad Italiano perché Ikoné si ritrova sempre a tirare sempre sul piede che non è il suo.

L’ultimo “speriamo bene” lo spendo per tutti i giornalai d’Italia che stanno incensando tutto quello che sa di Fiorentina o colora di viola, la previsione più pessimistica ci vede in Champions League. Conoscendoli l’unica difesa possibile è una bella toccata di OO. E speriamo bene…

1 Commento

  1. Per il momento sono fra quelli che spere bene, perché la società si è mossa con una logica chiara, condivisibile e secondo me efficace.
    Ovviamente la vera scommessa e forse la più intrigante è quella di Jovic. Qui davvero speriamo bene. Speriamo soprattutto che sia venuto con mentalità diversa da quella di Vlahovic, che oggi su Tuttosport confessa di aver avuto sempre la Juve nel cuore, perché nello sport ci si ricorda solo di chi vince. A Firenze vinciamo poco o niente, ma abbiamo album interi di ricordi. E a questo proposito oggi ci uniamo al Forza Caudillo lanciato dal canale ufficiale della Fiorentina. Passarella a Firenze non ha vinto niente, ma nessuno dei tifosi si è dimenticato di lui. E per lui speriamo davvero il più bene possibile.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.