Godiamocela

E alla fine l’Europa è arrivata davvero. Come detto nei post precedenti, da un punto di vista della competizione la Fiorentina aveva sprecato troppe occasioni per sentirsi il merito di andarci. Ma è stato un problema di molte squadre, in ogni posizione di classifica. Quello che possiamo dire senza dubbi è che Italiano e i suoi giocatori si meritvano di mettere un suggello concreto ad una stagione comunque sorprendente. Sorprendente per noi tifosi e anche per gli addetti ai lavori. Già nella prima parte del campionato (vedi Mourinho, Spalletti) e anche a metà del ritorno (vedi Allegri) la Fiorentina un po’ preoccupava. E allora senza troppi retropensieri prendiamoci questa Conference League e soprattutto godiamocela. Sarà dura, occorrerà fare un campagna acquisti intelligente, si dovrà fare una preparazione adeguata. Ma solo così questa squadra può continuare a crescere.

Difficile dire se sia stata partita vera. A parte due/tre episodi con un po’ di tensione, la Juve non sembrava giocasse con il coltello fra i denti. E anche le scelte di Allegri non sono state fra le più agguerrite. Ma comunque è stata in campo almeno fino verso il 75°, dopo di che sembra aver tirato veramente i remi in barca. Coinciso proprio con ingresso in campo di Vlahovic. Certo, un atteggiamento per certi versi neppure troppo diverso da quello visto in Coppa Italia. E fare gol alla Juve non è mai banale, tant’è che è arrivato con una serie di rimpalli. Anche ieri sera si è visto un po’ pregi e difetti di questa squadra, che sa mettere una grandissima pressione agli avversari, che con pazienza e qualità di palleggio sa arrivare ai limiti e dentro area di rigore. Ma che non trova mai il cosidetto pertugio buono. Colpa delle punte? Mancanza di tiratori? Sono riflessioni che dovrà fare ora la società.

La gara ha dato qualche spunto anche sui singoli. Partiamo dai positivi. Amrabat sta diventando una soluzione non trascurabile; premesso la necessità di confermare Torreira, non so se Italiano adesso si vuol liberare a cuor leggero del marocchino. E penso che Italiano chiederà di tenere anche Saponara, che ha doti non sempre sfruttabili, ma certo non comuni. Un buon dilemma sarà Duncan, che fa cose da ottima mezzala e altre quasi da amatore. Una riflessione va fatta anche su Bonaventura, che ha fatto un’ottima stagione, ma che a volte sembra quello del voglio ma non posso, soprattutto quando la partita diventa più fisica. CI fermiamo qui, perché appunto è il momento del godiamocela. Nei prossimi giorni partirà comunque la serie Italiano 2.0, che non potrà giocare più sul fattore sorpresa, ma su quello della conferma e della crescita, come sempre la più difficile.

5 Commenti

  1. Ciao Davide, alla fine è andata bene, grazie anche all’atteggiamento (tipico italiano) delle squadre senza obiettivi di andare in gita invece che in gara. Meglio per noi ma a me in generale fa schifo, sia quando è a sfavore sia a favore.
    Detto questo adesso non ci sono scuse per migliorare la squadra.
    Parto dalle parole di Italiano:”servono giocatori di qualità!” ed io aggiungo anche di personalità.
    Tanti giocatori di oggi li terrei come riserve di domani, tipo Terracciano, Venuti, Biraghi, Bonaventura, Cabral e Saponara.
    Torreira va via (4ml anno non esiste, per cui.. medaglietta..) per cui vanno presi 2 centrocampisti forti forti! 2 terzini, una punta che segni 12/18 goal il portiere ed un esterno dx forte ( a me Ikone non mi convince).
    A bilancio ci sono un botto di soldi, speriamo li spendano bene.
    Ok fono andato un po’ fuori tema.. 🙂

    • Mi sono distratto un po in questi giorni e non avevo capito che la situazione Torreira stesse precipitando. In effetti 4milioni sono tanti, ma è stato fondamentale in questa stagione e nella crescita della squadra.Io spero ancora che ci siano margini per vederlo in maglia viola anche prossimo anno

    • Migliorare la qualità della rosa Alberto è più facile che incrementare il tasso di personalità e mi spiego. La politica di mercato del club ormai evidente è quella di puntare su profili ancora relativamente giovani e con margini di valorizzazione. Affiancati da qualche “anziano” d’occasione (qualche volta è andata bene vedi Jack altre meno vedi Callejon e Kokorin). Mancano un pò i giocatori con esperienza ma ancora nel pieno vigore atletico, capaci di trascinare la squadra nei momenti critici del match. In questo senso Torreira 26 anni e buona esperienza internazionale poteva/può (?) essere utile. Poi ci sono i paletti finanziari posti da Commisso ma questo è un altro discorso

  2. Siamo in Europa, un’Europa di consolazione ma sempre Europa, perciò non possiamo che essere soddisfatti del nostro risultato. Come Alberto non vedo troppo positivamente l’arrendismo della Juventus, con Bonucci che va a cercare il rigore. Mah…

    Alla squadra, alla società, ad Italiano e il suo staff non possiamo che dire bravi. Però… però qualche rimpianto io me lo sento e spero che Italiano non sia per davvero il nuovo Zeman. Per l’anno prossimo chiederei un pochino meno di fumo e un pochino più di arrosto.

    Prima di congedarmi, almeno fino al ritiro, lascio le mie linee per il calcio mercato: un portiere, tre mezzeali, due terzini e la conferma dei migliori.

  3. Abbiamo perso Odriozola e Torreira, due acquisti una volta tanto indovinati. Se ne andrà Milenkovic (alla Juve no, per favore!), ci hanno soffiato Sensi e Bellanova e per ora ci ritroviamo con un Mandragora (Chi?). Il fatto è che i grandi giocatori vanno dove sono gli sceicchi a tirar fuori i soldi e a strapagarli molto più del loro valore, mentre i buoni giocatori vanno al Milan, all’Inter o….al Monza, cioè dove trovano un progetto per il futuro. Noi ci dobbiamo accontentare dei Mandragor a o di qualche sconosciuto straniero che speriamo non sia un altro Kokorin ! Non illudiamoci sull’Europa, ad agosto la squadra sarà incompleta e con una preparazione insufficiente! Ci dovrebbe capitare una squadra di San Marino o del Liechtenstein!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.