Por una cabeza

Por una cabeza è l’altra faccia della medaglia dell’ormai famoso “corto muso” di Allegri, derivata comunque dalla corsa dei cavalli. Di corto muso è quanto basta per poter essere vincitori, per andare nell’albo d’oro, quello che interessa per chi gioca solo per vincere. Por una cabeza è la visione poetica, può essere la visione elettrizzante o amara per una vittoria o una conquista cercata, voluta, sognata. Non a caso è il titolo di una delle canzoni più belle e famose del tango argentino, di Carlos Gardel. Por una cabeza è quanto di meglio rappresenta, secondo me, lo spirito dei tifosi della Fiorentina. Por una cabeza cancella ogni pensiero per cui non vale giocarsela per una conference league, perché l’Europa è comunque una conquista:

Per un colpo di testa, qualunque follia! La sua bocca che bacia, cancella la tristezza, calma l’amarezza. Per un colpo di testa, se lei mi dimenticherà, che importa perdermi, mille volte la vita, per cosa vivere?

Stasera quindi saremo li a giocarci ancora qualcosa per una cabeza, che comuque vuol dire essere vivi, vivere un’emozione. Sarà gioia, sarà amarezza, sarà per una cabeza, è comunque stato importante esserci. Sicuramente dobbiamo imparare ad essere più padroni del proprio destino. Allegri 10 giornate fa sapeva che Milan e Inter comunque sarebbero arrivati sopra 84 punti. Nelle corse vere non ci sono quelli che rallentano perché tanto non arrivano ultimi (vedi Sampdoria) o quelli che cercano di dare fastidio ad altri perché sono tuoi amici… e mi riferisco al Torino, con cui magari avrà senso mantenere gemellaggio fra tifoserie, ma in questo momento storico non penso proprio che ci siano state ordini di scuderia (Cairo) per dare l’anima in campo a favore della squadra di Commisso.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.