Attacco politico

E’ ormai molto chiaro che c’è un attacco politico alla società Fiorentina. Non sono piaciuti gli interventi del nostro presidente verso le intoccabili del calcio italiano. Piace ancora meno il fatto che lo scorso anno la Fiorentina si sia andata a riprendere uno dei sette posti salvavita per i conti in rosso profondo di molte società di elite. Lo scorso anno è rimasta fuori l’Atalanta… quindi mal di poco. Ma l’Atalanta ha dimostrato che non vuole essere di nuovo la vittima sacrificale. A scanso di equivoci diciamo subito che la Fiorentina quest’anno non ha dimostrato di essere all’altezza di nuovo di quei sette posti. Ecco allora che prima si è mossa la stampa interna, in particolare il Corriere Fiorentino, sempre con il coltello fra i denti anche in tempi migliori. Sfruttando il malumore della tifoseria e l’appoggio di parte della stampa interna, è partito l’attacco della Gazzetta, ovviamente per mano del suo proprietario Cairo, il nemico numero uno della dirigenza Commisso. Certo figurati se dopo un trentennio con Berlusconi in Italia ci possiamo preoccupare che un presidente di serie A sia proprietario del più imporante quotidiano sportivo nazionale. Fatto sta che come accade sempre, ci si avvale delle penne amare di giornalisti a servizio del padrone per bombardare. E magicamente Firenze diventa lo stadio più indisciplinato, più pericoloso, più fascista d’Italia. Ovviamente con episodi a parti invertite, le pagine della Gazzetta sarebbero state riempite dai torti arbitrali subiti e dal fatto che la partita è stata rubata, perché questo alla fine è c’ho che è successo. Se ci sono offese, spinte o altro sono sicuramente tutte azioni deprecabili. Però bisogna conoscere bene i fatti, prima di sputare sentenze come quelle dei giornalisti della Gazzetta. E se proprio vuoi sparare sentenze, dovresti fare una indagine approfondita, raccogliere testimonianze, di cosa accade in tutti gli stadi tutte le domeniche e poi scrivere, se ne vale la pena, chi è meglio e chi è peggio. Già… ma questo vorrebbe dire fare giornalismo e non essere giornalai a servizio del padrone… e un po’ anche della propria squadra del cuore. Nello stesso episodio di Spalletti, nessuno si è preoccupato di dire che a un tesserato è rigorosamente vietato andare ad affrontare e di conseguenza provocare in qualsiasi forma il pubblico… e non c’è stata nessuna invasione di campo. No, si è preso un tifoso, scorretto, maleducato, o come vi pare che ha deciso di parlarsi in faccia con Don Spalletti, per dire che lo stadio del Franchi è pericoloso e aggressivo… anzi addirittura la tribuna del Franchi.

La società viola fa bene a pretendere rispetto e cercare di tutelarsi. Ma in questa fase mi sa che non ci sia una chiara distinzione fra chi litiga e chi deve fare da garante. Penso allora che tocca a noi tifosi proteggere prima di tutto il tifo viola, che è quello fra l’altro attaccato direttamente dai media, anche se al fine di attaccare la proprietà. Dobbiamo proteggere però anche la società, perché un conto è protestare per i risultati non belli, un conto assecondare un gioco pericoloso che tende ad allontare dal calcio proprietà che vogliono sanare un po’ il marcio di questo calcio. E per l’ennesima volta a rimetterci sarebbero la Fiorentinae i suoi tifosi. Sarebbero importanti dei comunicati congiunti del tifo organizzato viola. Sarebbe un bel segnale qualche petizione firmata da tanti tifosi contro il modo di fare NON giornalismo della Gazzetta e di altri media.

3 Commenti

  1. Sono perfettamente d’accordo su tutto…ma noi Fiorentini invece di fare squadra intorno alla Società e a Noi stessi ci dividiamo come sempre tra Guelfi e Ghibellini…non impareremo mai!!!!

    • Ciao Massimo, purtoppo è vero quello che dici, ora sarebbe il momento di stringerci tutti intorno alla squadra, tutti insieme fino alla fine dei giochi, maggio o giugno che sia.
      A quel punto, a consuntivo, “spararci” addosso 🙂

  2. Grande Davide!!!

    Purtoppo Commisso non ha dalla sua i punti in classifica necessari ad avere dalla sua parte tutti i tifosi incondizionatamente, ma il campionato è lungo…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.