Non è possibile

Non è possibile perdere una partita così. Fin dall’inizio una partita da non credere. Non è possibile nei primi 90 secondi di gara gestire il giro palla dietro con palese difficoltà e non capire che per iniziare la gara bisogna buttarla lunga per ribaltare la situazione. Abbiamo preferito regalare il primo gol all’Inter. E dopo 15 minuti ci siamo ripetuti. Incredibile, anche se in questo caso Amrabat poteva essere un po’ più reattivo nel raddoppio a Lautaro. In generale non è possibile perdere anche quando facciamo tre gol, perché se è così bisogna davvero re-impostare il nostro campionato in modalità 40 punti. Non è possibile perdere al 96-esimo rimpallando un nostro rinvio su un avversario. Non è possibile però, o almeno non accettabile, neppure che Valeri si dimentichi di estrarre il rosso per un entrata kamikaze di Di Marco (a dir il vero neppure il giallo). Non è accettabile che dopo aver fischiato tutti i falletti a Milenkovic, trascuri nella ripartenza del quarto gol al 95° una evidente spinta sul nostro difensore. Ci sono dubbi anche sul rigore di Lautaro, ma sui primi due difficile ragionare di interpretazione.

In mezzo a queste assurdità c’è stata una gara dove alla fine ha fatto quasi tutto la Fiorentina. Con Lautaro e Barella l’Inter ha avuto solo il compito di colpire quando la Fiorentina si è candidamente concessa. Dopo di che la Fiorentina ha fatto anche una prova gagliarda. Nella ripresa in particolare meritava ampiamente il pari e con un goccio di fortuna poteva anche andare in vantaggio. Abbiamo segnato con Cabral su rigore e due belle reti di Ikoné e Jovic. E Kouamé ha fatto un’altra bella gara. E fino al 90° la Fiorentina non si è arresa. Continua con Nico Gonzalez la maledizione degli infortuni, anche se ho sempre più la convinzione che siano soprattutto paure premeditate dei giocatori in vista dei mondiali. C’è purtroppo un Dodò ancora in condizione non sufficiente. Per il resto, non c’è molto da criticare ai singoli. C’è piuttosto la considerazione che non si può, con attaccanti come quelli dell’Inter, dare continuamente un mezzo campo alle spalle dei nostri difensori, qualsiasi sia il risultato.

C’è grandissimo rammarico, c’è rabbia, c’è ormail la convinzione che in questo campionato le cose non si addirizzano e possono anzi andare solo peggio. Abbiamo per fortuna fra 5 giorni la coppa e una partita da non sbagliare. Dobbiamo mettere un tassello quasi definitivo alla nostra qualificazione. Dopo di che abbiamo due trasferte in campionato che possiamo definire ad oggi scontri diretti. Saranno probabilmente quelle due gare a dire da che parte deve guardare la Fiorentina la sua classifica.

6 Commenti

  1. C’è piuttosto la considerazione che non si può, con attaccanti come quelli dell’Inter, dare continuamente un mezzo campo alle spalle dei nostri difensori, qualsiasi sia il risultato.

    e con questo, detto da Davide, mi fermo.

  2. Rianalizzando la partita a mente fredda mi viene da dire:
    – Di Marco andava espulso e minimo si beccava due giornate perché il suo è stato proprio un intervento assassino. E se giocavano in 10 per un tempo intero chissà.
    – Siamo proprio scarognati, Venuti il più di tutti, ma la scarogna è altalenante, quindi arriverò anche il nostro momento, l’importante è farsi trovare pronti.
    – Ikoné ha fatto gol, un bel gole e importante, Jovic lo stesso, ora sarebbe bene che si mettesse a fare qualche gol anche Italiano perché, e se l’ha detto Bonaventura è voce di spogliatoio, giochiamo sempre allo stesso modo.
    – Sarebbe possibile vedere Zurkowski a tirare le pedate in campo?

  3. La dimenticanza di Zurkowski è davvero strana. Se abbiamo imparato a conoscere un po’ Itlaiano, penso che il ragazzo non abbia atteggiamento giusto agli allenamenti, forse perché con la testa è altrove. Non penso che sia problema tecnico, perché Italiano ha dato spazio anche a Benassi, pur decidendo poi di tenerlo fuori lista. Peccato, perché anche a me mi piacerebbe vederlo dentro, non magari titolare fisso, ma almenoprovarlo si.

  4. Voglio esprimere tutta la mia soddisfazione riguardo ad un Vlahovic che ha tenuto tanto ad andare con i gobbi per vincere tutto e invece non vincerà niente. Come ho sempre sostenuto, andare con i gobbi non porta bene!

    • Eh, eh, eh…
      Mi sembra che al momento i gobbi abbiano problemi ben oltre quelli sportivi, poi finirà in una bolla di sapone come sempre ma, al momento, qualche piccolo guaio gli si profila all’orizzonte.

      E il campionato non è finito.

  5. Detto che Valeri ha condizionato la partita (l’ho detto e ridetto, è un incapace!) Non posso leggere di Venuti scarognato. Simone, la parola giusta inizia sì con la S ma e SCARSEZZA!!! È un errore che non si fa neanche negli amatori!!! La cosa che mi ha fatto infuriare di più è il suo allargare le braccia verso Terracciano.. come per dire.. ho avuto sfortuna!! No, ripeto non è sfortuna (sono cose da scuola calcio) è non essere un difensore da serie A.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.