Lunga vita a Kouamé

Alla decima giornata di campionato, dopo un’altra prova incolore dei viola, viene da chiedersi cosa/dove sarebbe oggi la Fiorentina senza Kouamé. A Lecce ha segnato un bel gol, ha salvato la nostra porta con diagonali e soprattutto rincorse all’indietro. E’ purtroppo un po’ grezzo con palla al piede. Ha sicuramente anche tempo per migliorare. Ma oggi davvero dobbiamo dire lunga vita a Kouamé. Non c’è molto altro da salvare nella serata di stasera, se non magari un puntucino che fa poca classifica, ma quantomeno non consente anche al Lecce di scavalcarci in classifica. Il primo tempo è stato davvero brutto per noi, dominati dall’aggressività fisica, dalla corsa e da alcune tecniche individuali del Lecce. L’unica nota positiva sono le due reti di Cabral, purtroppo viziate, per questioni di cm, da delle irregolarità. Nella ripresa c’è stato un piglio diverso. L’abbiamo pareggiata quasi subito, abbiamo avuto anche qualche situazione favorevole, è stato bravo in un paio di occasioni il portiere del Lecce. Però ancora troppo poco per pretendere di portare a casa tre punti.

C’è ancora un problema di singoli. Dodo (spero) in condizioni ancora insufficienti, è stato mangiato dall’avversario e non ha praticamente mai spinto. In Nico Gonzalez si vede dei miglioramenti, ma secondo me è ancora al 50/60%. RImango dell’idea che Bonaventura sia attualmente un uomo regalato agli avversari, specialmente quando la partita è molto fisica. Qualche miglioramento l’ho visto anche in barak, ma ancora non sufficiente, non il Barak che può darci una mano concreta. Jovic ha alzato bandiera bianca dopo cinque minuti, Cabral al suo posto ha cercato di fare il massimo. Come detto, due gol poi annullati e soprattutto ottimo assist per Kouamé. Serataccia per Igor e non benissimo neppure Quarta. Davvero non capisco come si riesca a pedere tutti i duelli fisici corpo a corpo. Sembra ci manchi forza, malizia, astuzia. Con entrata di Milenkovic le cose sono un po’ migliorate, ma questo rimane un tema. Mandragora si è fermato al compitino, anche lui spesso troppo leggero per giocare da regista/filtro.

In campionato la Fiorentina non riesce ad alzare il proprio rendimento, a prendere un po’ quota. Siamo ancora impantanati in un gioco che spesso spara a salve, in distrazioni/concessioni che spesso paghiamo caro. Manca di fatto qualità nelle zone e nelle fasi nevralgici delle gare. Per ora c’è solo da stare testa bassa e pedalare. Se oggi diciamo lunga vita a Kouamé, vuol dire che c’è un modo di giocare che si basa anche sullo sparigliare le carte in campo, che va oltre tatticismi che, se non supportati da agonismo, intensità e corsa, risultano inadeguati e pericolosi.

3 Commenti

  1. Ammiro Davide che riesce a non perdere la pazienza e continua a scrivere degli articoli sempre molto professionali.

    Io mi sarei un po’ rotto dell’atteggiamento “so tutto io” di Italiano, esattamente come il suo omonimo Montella, esattamente sulla stessa strada.

    Chi si lamentava di Castrovilli l’anno scorso oggi cosa dice del nostro centrocampo pachidermico? L’anno scorso avevamo Torreira che con la sua rapidità, la sua garra e qualche gol, ci garantiva un centrocampo decente. Oggi, quando manca Amrabat, che garantisce solo copertura, evidenziamo un centrocampo lento, impacciato, macchinoso. Perché Italiano continua a schierare Bonaventura che ha le movenze di un carroarmato?

    Perché continuiamo ha fare sempre lo stesso gioco, la stessa strategia, indipendentemente dagli attori in campo?

    Montella ai suoi tempi bocciò Rebic per i piedi a martello, oggi Rebic gioca nel Milan, ha vinto uno scudetto ed è arrivato secondo al mondiale; mentre Montella allena (al momento con successo) in Turchia.

    Italiano svegliati perché le occasioni sono sempre meno, è l’ora di diventare umili. Voglio una Fiorentina umile, con gente che magari è meno tecnica ma ha più cuore. Kouamé doveva andarsene, per fortuna non hanno trovato da venderlo, altrimenti oggi a chi ci attaccavamo? A Ikoné?

  2. Vado un po’ fuori tema rispetto all’articolo ma mi collego al post di Simone…
    Possiamo prendercela con Italiano (che ha sicuramente le sue colpe) ma il problema principale a mio avviso è la qualità. Davide giustamente dice:”… Manca di fatto qualità nelle zone e nelle fasi nevralgici delle gare.”
    Il concetto è tutto qua, puoi fare possesso palla o giocare in contropiede ma se non hai qualità la giocata fallisce. E noi falliamo alla grandissima perchè non abbiamo qualità!!
    Kouamé in questo momento è una manna dal cielo perchè almeno ha dimamicità e ci sta mettendo l’anima però purtroppo manca di qualità (sbaglia sempre l’ultimo passaggio). Jovic per esempio la qualità l’avrebbe ma manca di tutto il resto. Mi ricordo quest’estate che Italiano prima dell’inizio del mercato disse:”servono giocatori di qualità!”.
    Ebbene rispetto all’anno passato di qualità ce n’è meno. Questo è l’errore principale della dirigenza. Se credi in Italiano (e ci credi perchè gli hai raddoppiato lo stipendio) allora devi comprare giocatori per quel tipo di gioco, cosa che NON hanno fatto.
    Italiano gioca alla Guardiola, per cui, ho gli dai giocatori veloci e tecnici oppure vai da poche parti se tutti sbagliano l’ultimo passaggio (avete notato che noi l’ultimo passaggio lo sbagliamo ogni volta? Ogni volta la palla arriva o troppo indietro o troppo avanti o troppo forte o non arriva, un patimento anche per chi come me guarda).
    Detto questo la domanda successiva è: deve un allenatore capire che con il materiale che ha a disposizione non può fare un certo tipo di gioco?
    Ecco qui Simone si può di certo criticare Italiano però è lo stesso discorso di Sarri alla Juve, presero Sarri e non gli diedero i giocatori per fare il gioco di Sarri, e poi si lamentarono che non giocava come al Napoli. Ci sono certi allenatori che rendono bene (anzi benissimo) solo che un certo tipo di gioco ed altri che invece ti fanno rendere bene una squadra in base ai giocatori che hanno. I primi sono più belli, i secondi tipicamente più vincenti, però di quest’ultima categoria ce ne sono pochi e costano cari..
    Noi abbiamo uno del primo tipo (anche abbastanza integralista e/o con poca esperienza) ed abbiamo fatto lo stesso errore dei gobbi!

  3. Condivido pienamente il commento di Alberto. Anche quando dicevo di Kouamé che ha il piede un po’ grezzo intendevo in particolare proprio sull’ultimo passaggio. Se arriva sul fondo magari una palla in mezzo in qualche modo ce la mette. Ma in 2/3 occasioni, dopo anche giocate molto interessanti, aveva dei passaggi in cui se hai piede educato metti davanti alla porta il compagno e ha sbagliato. Purtroppo in questa parte sbagliano anche giocatori più tecnici com Nico e Bonaventura e allora diventa un problema.
    Sono d’accordo anche sul concetto degli allenatori. C’è da dire che i pochi vincenti che fanno con quello che hanno, non vincono certo con Cabral, Bonaventura, Kouamé ecc. Ovvero si chiude il giro dicendo che per vincere ci vuole tanta qualità.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.