In coppa tutto liscio…

Arriviamo a commentare la seconda vittoria consecutiva in coppa contro gli Hearts, praticamente alla vigilia di campionato. E in effetti la gara di giovedì è stata già messa in archivio, perché la partita di domani inizia a essere determinante per il futuro in campionato. In coppa comunque è andato tutto liscio. Dovevamo vincere e lo abbiamo fatto. Era auspicabile farlo con molti gol di scarto e il 5 a 1 è un’ottima risposta. In coppa sono tornate di nuovo al gol le punte, in particolae Jovic e Nico Gonzalez. Kouamé si è confermato il giocatore più in palla del momento. E’ evidente che il ragazzo arriva con la voglia, la determinazione e l’entusiamo dove non arriva con la tecnica. Ai fini della gara di coppa ha davvero poco senso andare a cercare elementi di negatività, anche perché la Fiorentina ha dimostrato di essere nettamente superiore. Però ci sono degli elementi che è opportuno sottolineare, soprattutto perché continuano a essere fattori determinanti soprattutto per il campionato.

Non mi soffermo tanto sulla prima azione e il palo degli Hearts. E’ stato un errore grossolano di Amrabat, forse ancora ghiaccio e non in clima partita. Parlando del gioco complessivo, si è avuta l’ennesima dimostrazione che la Fiorentina ha bisogno di interpretare un copione ben determinato per essere aggressiva, incisiva, pericolosa davanti e solida dietro. Questa Fiorentina non riesce a giocare a braccio. Come esce dal copione, ogni giocatore sembra perdere le proprie qualità e la Fiorentina diventa debole, prevedibile, attaccabile in ogni zona del campo. Questo secondo me il vero limite dei viola, che paghiamo soprattutto in campionato, a parte la partita in Turchia. A questo si aggiunge la difficoltà (speriamo temporanea) di alcuni singoli e l’inadeguatezza di altri.

Fra i primi metterei Barak e Nico Gonzalez. Il primo sembra davvero imballato. Corre molto, c’è sempre, ma sembra un po’ impacciato in quello che fa. Nico è in evidente ritardo di condizione. Abbiamo assoluto bisogno che questi due giocatori creschino. Poi ci sono gli inadeguati, che comunque possono far fatica anche con squadre nettamente inferiori. Sono Saponara, Venuti, così come in altre gare lo è stato Ikoné. C’è anche Bonaventura in difficoltà. Vediamo se è ancora fra quelli che si può riprendere o meno. C’è infine Cabral. Anzi, c’è molto poco. ITaliano avrà fatto le sue scelte. Il brasiliano purtroppo ha fatto pochissimo di buono e soprattutto sembra anche promettere molto poco. Salvo diversi segnali dai prossimi impegni, il problema delle punte rimane probabilmente il primario per i viola. Al momento è giusto che Italiano punti sui meglio. Poi a gennaio si vedrà.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.