Secondo obiettivo raggiunto

Vorrei partire dal commento di Simone riguardo la situazione complicata, ma anche un po’ kafkiana che stiamo vivendo a Firenze: “sarebbe il momento di stringerci tutti intorno alla squadra, tutti insieme fino alla fine dei giochi, maggio o giugno che sia. A quel punto, a consuntivo, “spararci” addosso“. Intanto a consuntivo possiamo mettere che ieri sera abbiamo raggiunto il secondo obiettivo della stagione, ovvero il passaggio del turno ai gironi. Lo facciamo dopo aver raggiunto ad agosto l’obiettivo di passare il turno preliminare. Lo abbiamo fatto, nei gironi, con una giornata di anticipo e dopo una partenza sicuramente stentata. Lo abbiamo fatto però dimostrando di essere superiori alle squadre del nostro girone. Rimane purtroppo il rammarico che dovremo farlo probabilmente come seconda in classifica. Era comunque importante ieri vincere e dimostrare che non siamo inferiori ai turchi. E’ importante anche costringere i turchi a vincere l’ultima gara se vogliono essere primi. Era soprattutto importante dare continuità ai risultati in coppa e a un certo trend in termini di gioco e gol. E veniamo quindi alla gara.

Ci sono stati i primi 20 minuti veramente brutti della Fiorentina, difficili da spiegare, anche se purtroppo non è la prima volta che capita. Sembra che questa squadra abbia bisogno a volte di smaltire sul campo le scorie fisiche e soprattuto mentali che sta accumulando da inizio stagione. Per fortuna è arrivato tempestivo il pareggio di Jovic. Altro gol, altro segnale importante. Anche altra esultanza particolare, ma in questa fase cercherei anche di consentire ai giocatori di sfogare in campo le loro tensioni, per trovare forma ed equilibrio. C’è anche la conferma che Kouamé continua a essere veramente il filo conduttore di una Fiorentina che vuole uscire dal periodo complicato e riprendere un cammino più conforme a quello condotto lo scorso anno. Kouamé è corsa, volontà, voglia di giocare e alla fine anche sostanza. In questo momento è un po’ la versione operaia di quello che lo scorso anno è stato Nico Gonzalez. Ci manca Nico, come ci manca Sottil. Con loro e con questo Kouamé avremmo certamente un’altra propulsione verso l’area avversaria. Ieri c’era Saponara. Vederlo muoversi in queste gare mi fa venire in mente la mia dinamicità nel calcetto del venerdì sera. Secondo me un giocatore ormai anacronistico rispetto al calcio di oggi. Però ovviamente ha qualità e intelligenza calcistica sopra la media e ai suoi ritmi riesce a inventare giocate come quella del secondo gol di Jovic. Già, doppietta del serbo. Ovviamente non ci dobbiamo entusiasmare, però sono segnali importanti. E importante secondo me anche il fatto che si sia trovato in altre occasioni per segnare. Dobbiamo assolutamente recuperare anche Dodò. Le sue prestazioni sono ancora insufficienti. Però prima dell’infortunio aveva dato segnali molto incoraggianti e quindi fa bene Italiano a farlo giocare per trovare la condizione. Rimane invece ancora una incognita Barak. Tutto sommato lui non ha avuto stop prolungati. Dopo due mesi non riesco a vedere un miglioramento importante, verso quello che era il Barak di Verona. E ne avremmo invece bisogno.

Devo dire che a fine gara ero contento, ma anche un po’ rammaricato. Seppur non giocando al massimo e concendendo appunto 20 minuti e una rete incredibile, la Fiorentina avrebbe avuto il modo di vincere con tre gol di scarto. Era evidente ad un certo punto che non abbiamo voluto rischiare. Gli stessi cambi lo hanno dimostrato. Forse giusto così, anche perché con l’Inter abbiamo pagato, oltre agli errori di Valeri, anche la trance agonistica che ci portava ad andare oltre il pareggio. Italiano ha voluto invece mettere in cassaforte il passaggio del turno, abbassare un po’ eccitazione e trovare la giusta concentrazione adesso per il campionato, dove ci aspettano tre gare a questo punto davvero determinanti.

1 Commento

  1. La vittoria, il passaggio del turno e i due gol di Jovic hanno dato morale a tutto l’ambiente e allontanato gli avvoltoi sempre pronti.
    Il campionato è lungo…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.