Tre punti pesanti

E’ stata partita vera e tosta oggi al Picco di La Spezia. I liguri hanno giocato per oltre un’ora ad altissima intensità e in modo anche molto duro. In alcuni momenti della gara abbiamo anche sofferto. E’ stato bravo in più occasioni Terracciano. Qualsiasi sarà il nostro campionato, era fondamentale oggi non perdere. Alla fine quelli di oggi quindi sono tre punti pesanti. Di quelli che prima di tutto servono in classifica, di quelli che danno continuità, di quelli che danno anche stimoli. La Fiorentina torna a vincere in campionato e in trasferta. Vince dopo la vittoria in Europa e lo fa con il primo gol in campionato della punta Cabral. Prendiamoci quindi questi tre punti peasanti e godiamoceli anche un po’. E’ vero che la Fiorentina è ancora lontana dai lidi di classifica che ci aspettavamo a inizio stagione. Però come dice Simone, il campionato è ancora lungo e difficile per tutti.

La gara ha offerto diversi spunti tecnici e tattici. La Fiorentina oggi ha rinunciato quasi totalmente al palleggio dal basso. Questo ha ridotto ovviamente il nostro possesso e anche la possibilità di creare gioco e azioni in modo sistematico. E’ una variante che abbiamo spesso chiesto a Italiano. Oggi è stata applicata e abbiamo anche vinto. Abbiamo perso purtroppo troppe seconde palle. E nonostante non si sia fatto un pressing alto, abbiamo sofferto anche oggi, a volte in modo inspiegabile, sui lanci lunghi del loro portiere. Ci siamo trovati spesso a giocare uno contro uno, rischiando più volte di perdere duelli importanti. E abbiamo perso spesso i duelli sulle seconde palle, specialmente sui rilanci del nostro portiere. E’ di fatto un modo di giocare sui cui non abbiamo esperienza e sui cui quindi dobbiamo migliorare. Venendo invece alla fase offensiva, mi sento di dire che Jovic oggi è stato soprattutto sfortunato. Un palo e un tiro passato a pochi centrimetri dal legno, in due conclusioni in cui Dragoswski non avrebbe poturo far niente. E’ anche stato a tratti fuori dalla gara, però a me il ragazzo sembra in crescita. E da sottolineare che lo stesso Cabral sembra entrato nei panni della punta di riserva e oggi il suo ingresso è stato determinante. Il suo gol non è stato per niente banale. Interessante anche il ruolo di Saponara come tre-quartista. Qui può giocare più da fermo, mettere in risalto sue qualità per fermare, difendere e rigiocare in modo intelligente palle che passano dalla sua zona. C’è riuscito molto meno Bonaventura, anche se ha trovato uno Spezia molto agguerrito nella sua zona. Dodò un po’ meglio, ma non bastevole. Nel gioco dei lanci lunghi è rimasto un po’ penalizzato Amrabat. Nella ripresa la coppia dei due mediani Duncan-Mandragora non mi è dispiaciuta. Kouamé è stato meno brillande del solito, ma sempre dentro la gara. Un po’ più intermittente Ikoné, che comunque non è il fantasma di inizio stagione. Certo, l’assenza prolungata di Nico Gonzalez e Sottil, che potrebbero essere i due titolari, inizia a pesare davvero. Contento invece per il primo gol di Milenkovic.

Tre punti pesanti, dicevano. Dobbiamo d’altra parte cercare i punti persi in questa prima fase del campionato. Al tempo stesso, dobbiamo avere la freddezza e la maturità di giocare una gara alla volta. Abbiamo visto delle belle Fiorentina contro le quadre di testa e, oggi, abbiamo visto una squadra operaria, disposta a soffrire e a colpire contro una squadra che ha giocato con il coltello fra i denti. Questo potrebbe essere il filo conduttore per le prossime gare, fino alla grande sosta, senza vedere la classfica.

4 Commenti

  1. Secondo me l’arbitro nel primo con gioco molto duro ai danni dei viola doveva dare il giallo ai giocatori dello Spezia però questo è il calcio…..sempre forza viola

  2. Non ho visto la partita ma ho solo sentito il finale alla radio come si faceva una volta, con il telecronista da Spezia che è intervenuto con la voce mogia per annunciare il gol di Arturino Cabral. Grande Arturino!

    Il gol non è stato niente di che, ma il suo ingresso ha smosso qualcosa, ha fatto espellere uno di loro e, con un po’ di fortuna (finalmente!), sono arrivati tre punti importanti allo scadere.

    Dobbiamo solo limitare gli uno contro uno e giocare un pochino più coperti provando a giocare noi in contropiede invece che farci giocare sempre gli altri. Pare che qualcosa Italiano stia provando a fare, così come qualcosa in più stanno riuscendo a fare i nostri attaccanti.

    Ora ci manca da registrare il centrocampo, ma non vedo nessuno con grandi potenzialità, Amrabat sa solo difendere, Mandragora ancora non si è capito chi sia, Bonaventura finito, Maleh sparito, Duncun mai arrivato, Barak boh, Castrovilli ancora in fortunato, Benassi fuori lista, Bianco troppo giovane… L’unico che ancora non si è capito che pesce sia è Zurkowski ma Italiano non ci sente e non ce lo fa vedere. Eppure dinamismo e pedate sono quello che manca al nostro centrocampo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.