Matias Fernandez. La finta e la pomata.

Perché questo blog non prenda una piega un po’ troppo buonista e complimentosa, dove più che una tribuna mi sembra tutto un «prego signora passi Lei», «no dottore, dopo di Lei», facciamo un po’ di polemica per scaldarci in attesa di Genova. Piuttosto che farsi dei reciproci rallegramenti sulle «finte» interviste e mettere faccine che avvertono che stiamo tirando delle battute, proverò a spiegare un’idea che mi sono fatto. Per me Simone vive con ossessione Matias Fernandez, con o senza la Finta Pomata.
Finisce la partita con la Lazio e subito ci ha “sgridato” perché nel commentare a caldo avremmo sorvolato sulla prova deprimente del cileno, addirittura «ammaliati» dalle sue finte. A dire il vero non avevamo parlato nemmeno di Savic che, essenziale e rude com’è, non fa rimpiangere la grazia elegante di Nastasic. Né avevamo parlato neppure di Olivera che pur picchiando troppo si è ritagliato uno spazio di vice Pizarro con una tranquillità impressionante o di Gonzalo, un difensore come non ne vedevamo da decenni a Firenze. Voglio dire che non avevamo parlato di tante cose positive, oltre che delle note stonate. Forse perché quando va tutto bene ci si stropiccia gli occhi e ci si esalta, esagerando un rigore non dato o un centimetro di fuorigioco, mentre per Simone alla fine eravamo stati fortunati perché tutto era girato per il verso giusto (come a dire che a Verona eravamo stati solo sfortunati?).
Onestamente io non mi schiero per partito preso a favore o contro un giocatore. Ad esempio proprio a Verona Borja Valero per me era stato il peggiore, mentre domenica ha corso per dieci Behrami e con un’intelligenza che l’ossigenato non ha mai avuto a Firenze… e dico Behrami!!! lui sì «osannato» per una stagione come fosse chissà chi. E dato che ci siamo, 18, 19 o 14 che fosse, non mi piace neanche chiamare “dormo”, “tonto” e giù giù fino al tremendo “mongo” un ragazzo in mutande il cui cognome finisce con olivo. Ma se il problema domenica è stato Fernandez (con o senza Pomata), vorrà dire che sarà la volta di Romulo che di finte ne fa a dieci a partita e a volte sembra correre per il campo come una trottola senza meta. Intendiamoci, domenica Fernández è stato il peggiore, la nota stonata di una squadra che correva compatta. Il rigore sbagliato alla fine c’entra poco e per lo meno il fatto che Jovetic lo abbia fatto tirare a lui può essere il segno di un clima positivo dello spogliatoio (d’altronde ricordiamoci di Mutu e Gilardino!!). Comunque sia, io ritengo che Mati per ora è il giocatore meno integrato nei meccanismi della squadra, non ha convinzione dei propri mezzi, spesso è timido, non urla con gli altri, si accontenta di quello che deve fare più per paura che per indolenza. Però…
Però Simone se ne è fatta proprio un’ossessione. Arriva a dire che nessuno (?) si è accorto di quello che ha fatto Aquilani, due assist in venti minuti giocati, solo per ricordarci che se l’avesse fatti il Mati Finta sarebbe venuto giù lo stadio: e non so proprio da dove trae questa supposizione… che nessuno si sia accorto di Aquilani e che tutto lo stadio viva in una bolla «ammaliata». Infine quando commenta con Andrea la partita, introduce con un «e ora entriamo nel vivo»… l’argomento «il problema della Fiorentina è Mati Fernandez». Bah!?
A me rimane un solo punto interrogativo: «Ma quale Finta ha fatto Mati Fernandez nel tirare il rigore?». E soprattutto «che Pomata usa?».

3 Commenti

  1. Ciao Francesco e ben ritrovato in prima linea.
    Inizio con la tua domanda finale: Mati sul rigore ha fatto una finta esagerata, come esagerate sono state ad inizio campionato alcune sue finte durante il gioc o. Mi sembra comunque che usi adesso una pomata rilassante al mentolo e dopo un inizio con entrate in partita un po’ isteriche, abbia deciso di mettersi a completa disposizione di Montella, sacrificandosi anche in un ruolo non naturale. Non è da sottovalutare il fatto che Montella lo abbia fatto partire due volte titolare. E negli ultimi incontri ha addirittura cessato di fare giocate personali troppo ardite.
    Detto questo all’età di 5 anni, allo stadio di Firenze, sentivo da alcuni criticare Antognoni: io mi chiedevo come era possibile e sicuramente avrò dato occhiatacce che nessuno ovviamente si cacava di striscio. Poi con il tempo impari che ogni tifoso vive la passione per la propria squadra in modo diverso: non so se c’è un modo più giusto dell’altro. Lo scorso anno in Maratona ho sentito infamare uno per uno tutti i nostri giocatori e in fin dei conti c’aveva anche ragione: ma quella partita la vincemmo 5 a 2 contro l’Udinese ed io quella cosa proprio non la concepivo.
    Certo, all’alternativa di avere mezzo stadio vuoto come lo scorso anno, preferisco mille volte avere uno stadio di polemici, ma alla fine tifosi viola.
    Detto questo, penso di poter dire senza problemi che su questso blog di finto non c’è niente: come detto al momento dell’apertura, c’è la volanta di vivere e condividere con più tifosi possibile l’amore, la passione, l’attaccamento ad una squadra, cercando di rendere sempre viva la discussione, che è un po’ il sale del calcio parlato, senza però essere contro qualcosa o qualcuno per il semplice gusto (o interesse …) alla polemica.

    • Comunque sia penso che oggi Matias non sarà titolare. Sostengo che una formazione con lui, Jojo, Cuadrado, Adem o Luca non sia equilibrata. Perché con il Pizarro in campo ci vuole un interno che copre di più. Il prof è ottimo in fase di impostazione ma non è altrettanto fondamentale quando attaccano gli altri.
      Sempre in attesa di vedere Alberto dal primo minuto…forza viola!

  2. Caro Francesco,
    con tutta la serenità che mi deriva dalla splendida vittoria di ieri sera che ci ha portato al quinto posto da soli in classifica provo a risponderti.

    Per prima cosa ci tengo a dire che allo stadio ci vado raramente ma non ho mai infamato nessun giocatore della Fiorentina. Ci sono quelli che mi piacciono di più e quelli che mi piacciono di meno, ma quando gioca la Fiorentina io tifo Fiorentina chiunqué giochi. E incito qualsiasi giocatore che indossi quella maglia. Anche Cerci. Anche Vargas. Anche Mati Finta Fernandez. Anche Ljajic quando faceva ridere come lo scorso anno. Anche RiCotta.

    Non ho ossessioni su Mati Finta Fernandez, è solo che tanti tifosi viola che conosco dopo la sua prima mezza partita già lo avevano osannato come il nuovo Maradona. Altra mezza partita ed era diventato Messi. Perché? Davvero è possibile “invaghirsi” per due finte? Nemmeno io mi schiero per partito preso. A me non è piaciuto a Parma, non è piaciuto con il Bologna, non è piaciuto con la Lazio, non è piaciuto ieri sera. Non lo considero un lavativo, perché l’ho visto impegnarsi, gli riconosco l’alibi che il centrocampista a tutto campo non sia il suo ruolo, se Montella dovesse continuare a puntare su di lui io continuerò a tifarlo, ma per ora non ha mai giocato bene. Possibile che sia l’unico ad avere questo pensiero???
    Se vuoi capire il perché del nome “er Pomata” guarda il film Febbre da cavallo.

    Veniamo all’olivo… Io non vivo in campagna ma mio nonno faceva il contadino, mio babbo guardava i maiali all’età di 6 anni, la tradizione contadina in famiglia mia è vivissima, ho vendemmiato, ho visto fare il vino, sono entrato in un tino a pulirlo, ho infilato le mani nel mosto, ho raccolto e raccoglierò le olive. Tontolivo per me dell’olivo non ha niente se non il nome. Non ha il calore mediterraneo, non ha mai mostrato un sentimento in campo, non ha avuto la riconoscienza verso una squadra, una società, una tifoseria che lo hanno allevato e trattato sempre in guanti bianchi.
    Per me ha scelto Milano in ritardo e sono contento che se ne sia andato perché, come tanti Prandelli Boy’s, non lo sopportavo più. Eterna promessa.

    Riguardo a Aquilani la mia era proprio una battuta. Però ha peggiorato la media… ieri nessun assist.

    E visto che mi sembri proprio una bella cicala spero di incontrarti presto, magari alla fine della stagione calcistica, per festeggiare (e ci grattiamo tutti insieme) un bel risultato della nostra Fiorentina.

    Simone

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.