Borja Valero, Gonzalo Rodriguez, Pizarro

Il medagliere della partita persa a Cagliari lo ha deciso Davide che ha “osato” ed usato la medaglia di legno sia per Ilicic (ennesima partita impalpabile), sia per Roncaglia (ennesimo rigore ingenuo.)

Borja Valero

Medagliere Fiorentina: medaglia d'oro a Borja ValeroNel grigiore di Cagliari, Borja Valero entra nel secondo tempo e prova ad accendere la luce con alcune giocate degne di tale nome. Nei 15/20 minuti in cui macina gioco, la Fiorentina effettua gli unici tiri nello specchio della porta. Poi la squadra piano piano abbandona pure lui.

Gonzalo Rodriguez

Medagliere Fiorentina: medaglia d'Argento a Gonzalo RodriguezPartita sicuramente sufficiente. Gonzalo ha giocato con la solita sicurezza e tecnica. Ed il reparto difensivo, a parte i minuti finali, in cui Gonzalo ha fatto praticamente il centrocampista, lasciando ampi spazi al contropiede del Cagliari, ha subito solo due volte, per l’errore di Roncaglia ingenuo (rigore-gol) e per l’errore di Neto, rimediato da Neto stesso. Ovviamente è stato fra gli ultimi ad arrendersi ed uno dei pochi a rendersi pericoloso in avanti.

Pizarro

Medagliere Fiorentina: medaglia di Bronzo a PizarroHa provato a far girare la squadra, che però non aveva proprio voglia di girare. Ha provato anche il tiro dal limite, insidioso… è mancato un pizzico di fortuna, perché bastava un tocco per mettere fuori causa il portiere. Con l’ingresso di Borja ha trovato qualche sbocco in piu’… ma come si sa, non era serata.

Ilicic

Medaglia di legnoNon è determinato ed in questo modo difficilmente può diventare determinante, cosa che Montella gli sta chiedendo, dandogli fiducia, creando la formazione su di lui. Si libera bene e dopo mezzo secondo ha perso palla, perché si è addormentato. Ha l’occasione buona e sbaglia lo stop. Potrebbe finalizzare e cerca assist improbabili… lo scorso anno Ljajic cambiò passo di questi tempi. Se non lo fa pure lui, sarà un bel guaio per Montella.

Roncaglia

Medaglia di legnoSbaglia tutto quello che si può sbagliare (sia dietro sia in impostazione) e sopratutto, se errare è umano, perseverare è diabolico: stesso fallo inutile, ingenuo fatto con il Parma lo scorso anno e rischiato anche in altre partite. Adesso però il calcio italiano dovrebbe conoscerlo… e noi purtroppo ormai conosciamo i suoi limiti.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.