Cuadrado, Neto, Matri, Pizarro

Pubblichiamo subito il medagliere di iotifofiorentina.net perché questa settimana i pensieri che occuperanno la nostra mente di tifosi saranno altri. Il migliore contro il Chievo è stato sicuramente Cuadrado anche se rimane un giocatore molto acerbo: grandissime potenzialità espresse ad intermittenza.

Cuadrado

Cuadrado il migliore contro il ChievoUn gol bellissimo, un assist importante, una partita piena di belle giocate e di errori banali. Anche Montella ha detto che se vuole diventare un vero top-player deve mantenere imprevedibilità e migliorare nei movimenti e nella tattica, nel frattempo Cuadrado ha il fiato per correre tutti i novanta minuti.

Neto

Medagliere Fiorentina: medaglia d'ArgentoL’occasione di Paloschi, scattato in posizione di fuorigioco, è di quelle ghiottissime, a tu per tu con il portiere con il tempo di pensare. La palla finesce proprio addosso a Neto, per fortuna o bravura non si sa, fatto sta che il risultato non cambia e il Chievo non pareggia.

Matri

Medagliere Fiorentina: medaglia di BronzoGioca un’ora di partita correndo, lottando, proponendosi sia in profondità sia per l’appoggio. Non smette mai di fare a spallate con i difensori del Chievo e si fa trovare puntuale con l’assist di Cuadrado. Quando un attaccante segna ha fatto il proprio dovere.

Pizarro

Medagliere Fiorentina: medaglia di BronzoAvesse realizzato il rigore sarebbe stato il migliore in campo. Sicuramente è stato il centrocampista che ha giocato meglio e corso di più aiutato da Ambrosini ma non da Anderson. L’assist al bacio per Cuadrado è di categoria superiore.

3 Commenti

  1. Concordo sul medagliere e mi va bene anche il bronzo a Matri, che ha ritrovato per fortuna la via del gol… speriamo adesso anche più fiducia. Però Matri non è molto adatto a fare a sportellate, ama più la profondità e deve avere qualcuno vicino. Marione, invece, li non ha paura a stare li nel mezzo da solo… e spesso la prende lui e fa salire la squadra.
    Tutto sommato anche i segnali di Arnold Anderson non sono negativi… penso che il prossimo campionato ci troveremo un ottimo centrocampista.

  2. L’Oro di Cuadrado è generoso, preferivo la concretezza di Neto.
    Mi sembra che il percorso di crescita del portiere non si voglia fermare.
    Ho la sensazione che lo sguardo sempre più sicuro, la fiducia dei compagni autorevoli (Gonzalo su tutti) e il rendimento costante lo stiano candidando addirittura al livello di uno dei “leader” di questa squadra.

    D’accordo su Matri e su Pizarro: secondo me Simone, hai colto perfettamente gli aspetti positivi della loro prestazione.

    Aggiungo che i difetti nella costruzione del gioco e nella gestione della palla stanno secondo me in un centrocampo “difettoso”: a fianco di un Pizarro monumentale (peccato il rigore, ce l’ho pure al fantacalcio…) ieri c’erano un glorioso mediano di 36 anni, Ambrosini con i pregi e i limiti dell’età e un Anderson ancora troppo indietro tatticamente e fisicamente, anche se l’ho visto in crescita.

    E allora mai come ieri si è notata l’assenza del prezioso Aquilani, che troppo spesso sento criticato.
    Io continuo a sostenere che sia uno dei 2 leader inamovibili del centrocampo Viola: intuitivo tatticamente, resistente, duttile perchè tecnicamente dotato.
    Montella lo sa e ieri lo ha preservato perchè con lui in campo probabilmente risparmia un cambio: lo sposti di 20 metri verticalmente o orizzontalmente e la squadra si modifica.
    Cosa volete che conti se sbaglia 1, 2 o 5 passaggi? Giovedi con la Juve chi copriva la pigra lentezza di Ilicic? Chi aiutava la difesa ad uscire? Chi saltava di testa a centrocampo? Mati e Pizarro pur bravissimi, in altre situazioni?
    Io mi tengo Aquilani: forse non il migliore, ma di certo MAI il peggiore!

    Gattaccio Viola

  3. Durante l’intervallo della partita di andata contro la Juventus mi sono scoperto a difendere Aquilani, non perché avesse particolarmente brillato, ma perché non era stato il meno peggio. Non ha la tecnica sopraffina di Pizarro, ma difensivamente è di sicuro più presente e più cattivo. Non picchia quanto Ambrosini, ma di testa si fa sentire quanto lui. Non ha il dribbling di Mati ma nemmeno il fisico da cerbiatto. Insomma è vero che Aquilani non è mai il peggiore e r’core ce lo mette sempre.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.