Purple Brain

purple_brainNoi tifosi partiamo sempre dal Cuore.

A parte gli sfoghi, gli amori traditi e i cuori feriti, dobbiamo però prendere atto che la nostra Fiorentina è una squadra ed una società che parte in condizioni di inferiorità con quasi tutte quelle che ci stanno davanti in classifica (tranne la Samp) e anche colle 2 milanesi che peraltro stiamo precedendo da un paio di anni: lo dicono l’ammontare degli ingaggi, il blasone e il peso politico.

Preso atto di tutto questo possiamo parlare di calcio giocato e dire che possiamo essere orgogliosi di avere una squadra che si distingue per classe, comportamento e spesso anche per il bel gioco, il tutto grazie ad un gruppo di tecnici e giocatori raccattati dagli scarti altrui o frutto di scommesse e di investimenti sui giovani.

E necessaria questa premessa per poter vivere serenamente il nostro ruolo di tifosi Viola. Perchè noi dobbiamo sapere che perdere dalla Roma, dalla Juve o dal Napoli è purtroppo il rispetto di una regola e non una inaspettata disdetta.

Uno dei limiti storici della Fiorentina è rappresentato da alcunii tifosi, spesso imbeccati da una certa stampa, che rifiutano di accettare che il livello cui possiamo ambire è nè più nè meno quello cui possono ambire i tifosi di Genoa, Samp, Torino, Udinese, Verona, Bologna e poche altre.

Partendo da questo postulato ci renderemmo conto che ciò che abbiamo raccolto noi in questi ultimi anni è veramente molto di più di quello che hanno raccolto gli altri.

Possiamo crescere di livello solo se riusciamo a rimanere su questi risultati e contemporaneamente crescere sempre di più con gli investimenti infrastrutturali come Stadio, Settore Giovanile, rapporti di partnership con mercati esteri, insomma tutto ciò che può rendere solida e impermeabile ai cicli negativi l’intera gestione del Club.

Cercare di crescere in maniera squilibrata o cercando scorciatoie potrebbe portarci solo a fallimenti, cosa che abbiamo già vissuto e tante altre squadre stanno vivendo intorno a noi, anche squadre che sembravano realtà brillanti e inossidabili. Ora c’è il Parma, domani il primo candidato è Ferrero e la “sua” Samp.

Quindi giochiamoci questa 2^ parte di stagione al massimo delle nostre possibilità ricordando che se in passato abbiamo battuto anche squadre di “categoria superiore” è stato grazie al nostro orgoglio e alla nostra sfrontatezza, da non confondersi con la pur simile “presunzione di appartenenza”.
La differenza c’è e si vede: ad es. quando abbiamo sbancato 2 volte San Siro, così come martedi a Roma, lo abbiamo fatto giocando in umiltà ma senza retrocedere di 1 cm davanti all’arroganza dei presuntuosi avversari.

Concludo con una considerazione tattica: io Rosi so chi è e lo trovo discretamente stolto ma ciò che conta è che sia un lottatatore laterale.
Questo per dire che l’acquisto di un laterale difensivo, di un rifinitore, di un laterale d’attacco e di una punta di rincalzo in compensazione della partenza di un laterale-senza-regole come Cuadrado sembra un chiaro segnale di cambio di modulo. Visto che è rimasto anche Ilicic credo che si vada verso un 4-3-3 alternato al 4-4-2 pur non abiurando il collaudato 3-5-2 che rimarrà il modulo più conosciuto dai giocatori.

Ecco l’eterno conflitto in noi tifosi Fiorentini: abbiamo un grande Cuore, ma sappiamo anche organizzarci e ragionare sapientemente.

Usiamolo quindi, questo Purple Brain.

Forza Violaico-paradiso

Gattaccio

3 Commenti

  1. Gattaccio ma te… scrivi veramente forte.
    Sugli investimenti, i fallimenti e i livelli a cui possiamo ambire la penso esattamente come te. Questo post potrebbe essere il manifesto della tifoseria fiorentina cosciente dei propri limiti e orgogliosa della propria maglia.

  2. Bell’articolo Gattaccio, che sottoscrivo in pieno. MI riaggancio per questo ai commenti di ieri sera: vincere partite come quella di martedì a Roma ci riempe di gioia e di orgoglio… ma il mio orgoglio mi dice anche che non mi accontento di quella vittoria, o magari di quella 4 a 2 alla Juve per farne una bandiera… o una maglietta. Continuiamo a giocare con umiltà, ma senza retrocedere di 1 cm, perché questa città può/deve tornare a vincere qualcosa.

  3. Grazie peri i complimenti, ma quando si scrive di “passioni” le parole escono facilmente.

    I commenti di ieri erano pepati soprattutto per stimolare la discussione, anche perchè come scrivo, una vittoria a Roma non vale una maglietta, ma un bel “pugnetto” condito di pacche sulle spalle e sorrisi, sì! Che diamine!

    Dopo aver criticato ferocemente alcune scelte di Simone voglio fargli i complimenti per aver colto i segnali di quell’orgoglio di cui stamo parlando nei gesti sfrontati, ma controllati, di Diamanti e nei gesti atletici solo apparentemente misurati del nostro Tatarusanu.
    Io aggiungo che Savic ormai è da considerarsi il vero fuoriclasse dell nostra difesa.
    E insisto con Joaquin, perchè i suoi tocchi delicati e si suoi dribbling ubriacanti, sono sempre più spesso accompagnati da un’insospettabile tenacia fisica che si manifesta in recuperi difensivi prodigiosi, ma anche in lotte vincenti sui palloni vaganti: ho ancora negli occhi la corsa verso la bandierina e la palla rubata ad uno “sbracciante” energumeNaingolann, che spettacolo!

    Mi perdoni Simone, ma dai soldi della vendita di Cuadrado può nascere una Fiorentina più solida e vincente.

    Gattaccio Viola

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.