In semifinale di Coppa Italia

Con gran sorpresa siamo a scrivere dei migliori della Fiorentina arrivata alla semifinale di Coppa Italia vincendo sulla Rometta. La medaglia d’oro e il titolo di trascinatore – siamo esaltati – va a Pasqual, seguito da Mario McFly Gomez e dal terzetto Badelj, Tatarusanu, Diamanti che rappresentano il nuovo della Fiorentina 2015. Dobbiamo dire che tutta la Fiorentina ha giocato meglio ed ha saputo soffrire di più della Roma su un campo pesante.

Pasqual

Pasqual trascinatore in Coppa Italia a RomaIl nostro tenerissimo capitano si è trasformato in trascinatore in una partita importantissima ed ha asfaltato niente di meno che Maicon. Pasqual nel secondo tempo era dappertutto sulla fascia sinistra e da due dei suoi cross sono arrivati entrambi i gol che ci hanno portato in semifinale di Coppa Italia. Siamo certi che non è un sogno e che la Fiorentina non è al pari delle grandi ma se le grandi rallentano un capello ci siamo anche noi.

Gomez ci porta in semifinale Coppa Italia

Con i gol di Gomez in semifinale di Coppa ItaliaFinalmente Mario McFly Gomez si accende e accende l’animo di tutti noi tifosi. Nel primo tempo l’aveva vista poco e sembrava fosse il solito film scialbo, invece nel secondo ha fatto un bellissimo e difficilissimo primo gol e poi ha raddoppiato con la freddezza del grande centravanti. Sappiamo che non è tipo da esaltarsi.

Badelj

Badelj medaglia di bronzoGrazie a lui, che giocava al posto di Mati Finta Fernandez, ho potuto guardare la partita. Grazie a lui il centrocampo della Fiorentina ha acquistato il peso giusto per poter controbattere quello della Roma sul piano fisico. Grazie a lui, con un lancio da 40 metri, è nata l’azione del primo gol. Non è un raffinato, è un capellino lento, sbaglia qualche passaggio facile di troppo, ma ha la testa sveglia, la pedata pronta e lo spirito di sacrificio che servono per fare il centrocampista vero.

Diamanti

Diamanti medaglia di bronzoDiamanti si merita la medaglia di bronzo perché, come dice Montella, “si sente in campo”. Il pratese sa farsi dare le pedate che servono a far rifiatare la squadra, sa dare le pedate che servono a far innervosire gli avversari, sa chiaccherare nel modo giusto con gli arbitri sfruttando l’esperienza e la posizione in nazionale, sa accentrare su di se il peso delle responsabilità, perché a calcio si gioca principalmente con la testa.

Tatarusanu

Tatarusanu medaglia di bronzoIl Tata non è niente male, è un portiere pochi fronzoli, che sta mettendo in mostra un ottimo repertorio, sia in porta sia fuori dalla porta. Di particolarmente interessante ha anche l’atteggiamento da padrone sicuro dell’area di rigore, una caratteristica che piace ai difensori.

Una notina breve, breve su Ilicic. Vorrei che tutta Firenze gli desse fiducia, perché la tecnica ce l’ha e l’impegno lo dimostra. Forse ha ancora bisogno di tempo…

4 Commenti

  1. Simone, ma lo sai che ieri sera su Radio Blu avevano dato per ufficiale (verso le 20:00) una formazione che vedeva Mati in campo con Badelj e Borja e in attacco Babacar… volevo mandarti un messaggino con scritto: “Buonanotte…”. Invece poi è arrivata la rettifica.
    Su Badelj non mi sono mai voluto esprimere negativamente, perché pensavo e penso che è il classico giocatore che ha bisogno di capire i ritmi delle partite che si giocano, dei movimenti dei compagni ed anche degli avversari. Non è veloce, inutile nasconderlo, ma gioca di testa ed anche di gambe. Non so se merita il bronzo, ma merita ancora un po’ di fiducia e tempo.
    Mi dispiace che non ci sia Joaquin… quando ho visto la chiusura su Florenzi a tre metri dalla nostra porta, mi sono quasi commosso.

  2. vero che non è la roma di settembre, vero anche che hanno molti assenti , ma noi ne abbiamo altrettanti (Rossi su tutti.. quello con due esse :D) ed è inutile che si attacchino a rigorini o altro, sono Fallosissimi e Pallosissimi, lamentoni irritanti col “tutto dovuto” addosso, spesso le partite con la roma non riesco nè a guardarle nè a sentirle perchè tutti i cronisti fanno a gara a tifare per loro (ricordo benissimo di aver disdetto sky qualche anno fa dopo una partita contro di loro con caressa che mi aveva sfondato troppo le palle e non avevamo nemmeno perso )
    Inoltre Alino è un’ottima aggiunta, un “quasi” fiorentino con lo spirito giusto, mi è piaciuta la sua grinta e la sua esperienza “alla Tendi” per capirsi, la roma ne è piena a noi manca.
    Visto che sono prolisso, a me è piaciuta anche la (giusta) incazzatura di Borja quando lo hanno ammonito ingiustamente, basta chinare il capo, loro l’arbitro lo avevano tormentato dall’inizio, cazzo abbiam battuto il centro e gia protestavano sti personaggi… nervi scoperti e sguardi allucinati al 92esimo, bene, cosi’ mi piace la roma 😀

  3. Non citare Joaquin è indice di ignoranza calcistica molto elevata.

    Quasi grave come non farlo giocare per le prime 10 partite.

    In attesa di Rossi il fuoriclasse della Fiorentina è lui

    Parola di Gattaccio Viola

    • Stasera c’hai la tastiera avvelenata… 🙂
      Comunque l’attuale situazione di Joaquin, oltre ad una lodevole volontà del giocatore, è merito di una grande operazione motivazionale, tattica e fisica di Montella ed il suo staff. E probilmente nei primi 3 mesi della stagione lo spagnolo non era pronto e si sarebbe rischiato di bruciarlo in questa sua nuova collocazione.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.