Passo falso

io tifo fiorentina ospita un tifosodoriano per parlare di Sampdoria-FiorentinaFare punti ad Udine, specialmente per la Fiorentina, è sempre stato difficile e, fra l’altro, abbiamo affrontato la squadra di Stramaccioni forse nel suo momento migliore. Però se nella ripresa, in 10′ ribalti il risultato, metti praticamente in ginocchio gli avversari, una squadra che vuol arrivare in alto deve riuscire a prendersi i tre punti. Purtroppo abbiamo regalato il primo tempo, dove i titolari di Roma erano probabilmente imballati fisicamente e mentalmente e gli altri non sono stati in grado di dare un’impronta al nostro gioco: in particolare male Gomez, Ilicic e Kurtic. Poi, come dice l’ubriaco alla moglie brutta (leggi Gomez e Ilicic a Kurtic) “a me domattina m’e’ passata“. Ed infatti nel secondo tempo doppio assist di Ilcic e doppietta di McFly Gomez… mentre Kurtic purtoppo continua ad essere un giocatore veramente poco utile a questa formazione: capisco che servono le pedate, che serve la grinta, però il vecchio antipatico Pinzi ha picchiato 10 volte di più di Kurtic e ha preso l’ammonizione molto dopo lo sloveno, per non parlare di Allan, che veramente comprerei subito. In affanno anche Borja, mentre è entrato bene Mati. Senza infamia e senza lode gli esterni, mentre purtroppo dobbiamo annotare un’altra leggerezza di Tomovic, che è valso il pareggio. Alla fine, considerando la vittora di Roma, Lazio e Sampdoria, questo è per noi un passo falso, con altri punti regalati ai nostri competitor. E’ vero che il calendario sta per girare a nostro favore… ma adesso abbiamo 7 punti dalla Roma, 6 dalla Lazio e siamo sesti, dietro anche a Samp e Napoli. Ed in attesa che anche queste squadre facciano qualche passo falso, noi dobbiamo adesso caricare le energie al massimo, perché aprile sarà di nuovo un mese caldo e con questo andamento possiamo solo sperare nel quinto posto.

6 Commenti

    • Alla fine del primo tempo ad Ilicic avrei dato 5, se non altro per le scarpe che si era messo, che non lo tenevano in piedi. Ma se poi riesci a pennellare una punizione in modo magistrale per la testa di Gomez, se in una ripartenza trovi il tempo ed il passaggio giusto per mettere sempre Gomez davanti al portiere… che dire?! Non gli do un 7 come hanno fatto diversi media, ma almeno un 6,5 se lo merita. Purtroppo il fatto che continui a giocare Kurtic, vuol dire che Aquilani (non so se di testa o di gambe o tutte e due) è messo davvero male.

  1. macche passo falso, abbiamo dato un po’ di vantaggio a chi ci sta davanti… le ultime sette partite sono (con Pepito in campo) 21 punti, lasciamogliela un po’ di speranza agli altri no? 😀

  2. Questa volta parteggio per Simone.
    Sento il bisogno di usare un tono diverso dal suo, troppo tranciante, ma in questo caso non trovo veramente sufficienti motivazioni per essere indulgente.
    Ilicic ha la fortuna di avere talento, fisico, intelligenza calcistica insomma ha tanto di quello che serve per essere un campione, ma gli mancano generosità e autocritica, 2 qualità che ti permettono di migliorare: lui è fermo al livello di 4 anni fa al Palermo.
    Quando gli arriva la palla tu non sai mai se farà una grande giocata o una grande stupidaggine.
    Un esempio? Quello che al giorno d’oggi il fantacalcio ci fa considerare 2 “assist” sono in realtà un bel cross su punizione da fermo e un.passaggio di 4 metri assolutamente obbligatorio pena l’evirazione immediata eppure, confessate, ditemi se non avete avuto paura fino all’ultimo che quel passaggio non si sarebbe concretizzato!
    E ditemi anche se avreste avuto la stessa paura se quella palla fosse stata tra i piedi di Salah, di Pizarro o di Diamanti.

    Io no.

    Gattaccio Viola

    • Nel calcio la prima cosa che conta è fare bene le cose facili… Premesso che le punizioni occorre saperle battere (per esempio già Mati secondo me ne batte bene poche, gli altri peggio), il passaggio di Ilicic è concettualmente semplice, ma tecnicamente l’azzeccano in molto pochi: sei comunque in corsa e basta la frazione di tempo sbagalita e sei in fuorigioco, la metti mezzo metro indietro, Gomez ci mette 3 ore per riaggiustarsi, mezzo metro avanti e arriva il difensore di sinistra a chiudere. Il bello del calcio è che è facile parlarlo, ma in campo è tutt’altra cosa. E te ne accorgi quando un giocatore di serie A, senza far nomi Kurtic, da solo libero di pensare e di calciare manda un cross in curva, o se ha un compagno a 3 metri da fermo gli fa il passaggio un metro avanti, un metro indietro.
      Detto questo a me Ilicic fa spesso arrabbiare proprio per i motivi che diceva Gattaccio… ma la partita di domenica l’avevano risolta lui e Gomez e quindi il voto non può che essere buono.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.