Il Genoa corre

Fiorentina Genoa

Domenica avremo un bell’impegno contro il Genoa, squadra da sempre ostica per noi e soprattutto squadra che fa del pressing, della corsa, della lotta su ogni pallone le sue armi principali.

La Fiorentina, dopo aver incontrato un Milan palleggiataro e un Torino attendista e contropiedista stretto, si ritroverà di fronte una squadra moderna, attrezzata, rognosa, che gioca da provinciale ma lotta ormai da anni per gli ultimi posti dell’Europa almeno fino a quando non ha raggiunto una salvezza tranquilla. (Dopo la squadra di Preziosi allenta la tensione e rallenta il rendimento.)

Sousa si troverà di fronte a qualche bel dilemma, sia per la disposizione e l’atteggiamento, sia per chi mandare in campo, visto che siamo reduci dalla settimana di sosta per le nazionali e siamo di fronte al primo tour de force Europeo. Tata, Tomovic, Gonzalo, Roncaglia, Ilicic, Mati, Kalinic, Bernardeschi sono stati tutti assenti in queste due settimane, qualcuno sarà reduce da voli intercontinentali con jet-lag incluso.

Una squadra moderna deve essere capace di interpretare il turn over nel miglior modo possibile e Sousa si trova quest’anno per la prima volta di fronte a questa evenienza, ci auguriamo che sbagli presto e impari in fretta. Per noi tifosi sarà l’occasione di vedere all’opera i nuovi, giovani e meno giovani, in una partita ufficiale.

Le curiosità principali saranno Vecino, Babacar, Bernardeschi e Astori. Tutti più o meno visti giocare qualche volta ma mai in occasione dell’inizio di un campionato che dovrebbe (?) vederli protagonisti. Senza contare i mai visti Blaszczykowski, che d’ora in poi chiameremo Kuba, e Verdù.

Rileggendo viene in mente che c’è anche Rossi, forse la curiosità più grande…

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.