Persa a centrocampo

Pioli conferma la difesa a tre vista a Cagliari, anche con gli stessi interpreti, anche perché dopo aver provato fino alla fine, il tecnino non vuole rischiare Pezzella (giustamente). C’è turnover invece in mezzo al campo e purtroppo da qui vengono le note dolenti. Sanchez si dimostra ancora una volta inadatto al tipo di gioco che sta portando avanto Pioli, che si basa molto sul mediano-regista: il colombiano è sempre lento ed impreciso nei passaggi; purtroppo è in serata no anche Benassi, davvero molle nei contrasti ed anche lui stranamento impreciso nei passaggi anche semplici. Non so se aveva qualche problema fisico o se (cosa più preoccupante) non regge gli incontri ravvicinati, anche perché fra tre giorni c’è il Milan. Terzo elemento che conclude la tesi, è la presenza di Saponara come trequartista-alias regista avanzato, anche lui troppo debole nei contrasti e mai incisivo in fase propositiva. E nel primo tempo, dai 4/5 appoggi (semplici) sbagliati a centrocampo sono nate le azioni pericolose della Lazio, compreso il gol di Lulic. Incolpevole la difesa, se non magari un po’ di ritardo di Gaspar in chiusura: però lui aveva il compito di salire e toccava a Benassi coprire le spalle; e se si perde palla in mezzo, è ovvio che la difesa diventa… indifesa. COmunque la prova dei tre dietro a me ha convinto. In avanti, Chiesa per tutto il primo tempo ha dovuto fare il terzino; nella ripresa ha avuto un po’ più campo e da lui infatti è nata l’occasione migliore della Fiorentina. Babacar invece praticamente innocuo; d’altra parte Baba è questo, prendere o lasciare. Simeone entra e ci mette la sua garra, ma le occasioni per lui sono veramente pochissime. Infine Eysseric: si vede che ha dei numeri, ma ancora non ha capito i tempi e forse anche i movimenti del calcio italiano e della Fiorentina. Sembra quindi che giochi con sufficienza, con lentezza e a volte anche con poca precisione. Nell’ambiente viola parlano molto bene di lui e quindi giusto dare fiducia, ma ovviamente ieri sera non ha inciso e la prova è stata insufficiente. E quindi nel primo tempo l’abbiamo persa a centrocampo, nella ripresa abbiamo preso in mano la partita, ma non abbiamo avuto lucidità e freschezza per almeno pareggiarla. 

Ovviamente dispiace molto abbandonare questa (nostra unica) coppa: sapevamo d’altra parte che era dura, specialmente giocarci un quarto di finale fuori casa… ed il percorso per arrivare alla fine sarebbe stato duro. Condivido quindi le scelte di Pioli, che ha fatto un giusto turnover, ha cercato di non spremere troppo alcune risorse preziose come Badelj, Thereau e direi anche Laurini, ha provato a dare minuti a Saponara, ha provato/dimostrato che serve un vice-Badelj, ha dato una chance a Babacar, che come al solito ha sfruttato poco. Capisco però che nella testa del tecnico ci sia soprattutto il campionato, dove alla fine si misura in modo completo il lavoro di un allenatore. E sabato c’è una partita da non sbagliare assolutamente

1 Commento

  1. Io direi che la squadra Lazio si è dimostrata molto più forte della Fiorentina e che il nostro allenatore riesce raramente a tirare fuori qualcosa in più dal suo cilindro.

    Gaspar è mezzo metro più basso di Lulic, infatti Lulic da quella parte ha fatto tutto quello che ha voluto.

    Inoltre, così come faceva il mago portoghese, Chiesa è stato schierato terzino. Perché il giocatore più forte, il più pericoloso, il più voglioso viene fatto giocare terzino? Per far posto a Saponara???

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*