Punto in agrodolce

Dico subito che ieri sera ero allo stadio e ho visto una bella partita e soprattutto una buona Fiorentina: la squadra di Pioli partita dopo partita sta acquisendo una sua identità, un modo molto interessante di interpretare i momenti della gara ed un modo interessante di stare in campo e giocare con grinta, determinazione ed idee. E sarà che il Milan è scarso, che l’Inter è in un periodo difficile, fatto sta che siamo qua a rimpiangere due pareggi (e non a festeggiare due punti salvezza). Ieri la Fiorentina ha fatto quasi sempre la partita, escluso un 15/20 minuti nella parte centrale del primo tempo quando l’Inter ha provato ad avanzare il baricentro e giocare nella metà campo viola: però in due/tre occasioni, saltato il pressing iniziale la Fiorentina si è trovata praterie davanti e allora Spalletti ha chiamato subito la ritirata.

I fatti della gara dicono che la Fiorentina ha avuto molte occasioni, che nel secondo tempo ha subito immeritamente il gol con una disattenzione su Icardi, che ha poi pressato sempre più l’Inter schiaccandolo in pratica negli ultimi 20 metri, sfiorando più volte il pareggio con Chiesa, con Babacar, con Eysseric, rischiando ovviamente in un paio di occasioni il contropiede… e che il pareggio (per fortuna o purtroppo) è arrivato solo al 91°: ecco quindi un punto in agrodolce, felici di averlo alla fine raggiunto, dispiaciuti per non aver saputo magari andare in vantaggio e gestire diversamente la gara.

Penso si debba essere contenti di questa squadra, soprattutto in ottica anche di potenzialità di miglioramento: c’è un po’ di preoccupazione sul fatto che ancora si sbaglia giocate che potrebbero darci vantaggi notevoli, compreso il gol. Ieri è toccato al veterano Thereau (in evidenti difficoltà fisiche) sbagliare gol incredibili, come era capitato a Simeone magari qualche domenica fa. Anche Chiesa è in una fase in cui inquadra poco la porta. Però questa squadra non gioca mai banale, non molla mai e alla fine in un modo o nell’altro la porta la trova. Una nota in particolare su Simeone: è vero che a volte commette errori, è vero che deve ancora imparare a proteggere meglio la palla, è vero che deve essere più freddo dentro i 16 metri; però ieri ha preso quasi tutte le palle che arrivavano dalla retroguardia viola, ha lottato e ci ha creduto fino alla fine, è arrivato il settimo gol e su quasi metà delle reti viola c’è il suo zampino. Firenze e la Fiorentina deve difendere questo investimento e soprattutto deve difendere il modello Simeone, ovvero cercare di far maturare in casa un potenziale bomber.

Commenta per primo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.